MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    giornalismi

    Marketing, allusioni e denunce

    26 ottobre 2006
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Autoelogi: Gianni Di Donno, professore di Storia contemporanea all'Università di Lecce, sul Corriere della Sera (domenica 22 ottobre, pag. 39) incita Giampaolo Pansa a non «fermarsi in mezzo al guado» nelle sue denunce dei misfatti della Resistenza e a indagare sull'apparato paramilitare del Pci. Di Donno è autore del libro «La Gladio rossa del Pci» ed è stato consulente della commissione Mitrokhin. Da vero cultore della materia invita dunque Pansa a documentarsi, magari leggendo un saggio dello stesso Di Donno, di prossima uscita su Nuova storia contemporanea. Si precisa che il fascicolo è quello di novembre-dicembre, di modo che i lettori non manchino di acquistarlo.
    Acidità: Per parte sua lo stesso Pansa, mentre lamenta della campagna contro di lui dell'estrema sinistra e le poche solidarietà pubbliche ricevute dal mondo politico, utilizza a sua volta il penoso metodo dei giudizi senza motivazioni. Così se la prende con Corradino Mineo di recente nominato direttore di Rai News 24: «Ricordate come lavorava da New York per il Tg3? Non fatemi dire altro». Pansa non dice ma solo allude. L'unica cosa che il lettore capisce è che non stima Mineo (così come, da tempo, ce l'ha con Gad Lerner e tanti altri): un cartellino rosso preventivo e via.
    Vendette: il giornalista Pino Nicotri ha ricevuto una richiesta di risarcimento da 520 mila euro per danni morali e d'immagine da Paolo Panerai, amministratore delegato di Class Editori. Nicotri, sindacalista del gruppo «Senza Bavaglio», aveva chiesto ripetutamente a Panerai di rispettare la sentenza del tribunale che dichiarava nullo il licenziamento da Italia Oggi di Ugo Degl'Innocenti. Il reintegro infine è avvenuto ma con esso anche la vendicativa causa civile. Oggi senza Bavaglio insiste e domanda polemicamente: «è giusto che un editore come Class, che non rispetta le regole, riceva i soldi pubblici stanziati per le provvidenze sull'editoria?»

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)