Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

"D'ora in avanti in ogni sguardo sperduto e impaurito di immigrati o profughi che incontrero' so che vedrò Dino, il mio sorriso a loro sarà anche per lui."(Luisa Morgantini)

Due anni con Dino nel cuore

"Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
5 giugno 2005

L'altro giorno in Tv parlavano di Dino,
si chiama Mustafà ed è somalo,
nato sulle coste italiane
dove la madre è giunta.
Una settimana fa leggevo un reportage su Internet,
raccontava di Dino, palestinese
che ogni giorno vive sotto occupazione militare.
Due settimane fa Dino era sui giornali,
senegalese morto durante un "normale controllo di polizia".
Ieri ho incontrato Dino,
è un simpaticissimo artista di strada Rom.
Dino, con mille volti e storie, sarà sempre con noi.
Dino è kurdo, sudanese, palestinese,
migrante rifiutato, espulso, incarcerato
in nome della sicurezza dei ricchi,
prigioniero e vittima di guerre e dittature.
Dino è sempre lì,
sventrato in un attentato,
ucciso in guerra.
Dino vive nell'arcobaleno degli ultimi,
nei loro mille colori.
Ricordo una volta la commozione di un partigiano,
disse che il suo più bel ricordo era una bandiera,
tricolore, strappata al centro,
lì dove una volta era il simbolo della tirannia.
Per quello lottò,
per una bandiera,
lacera e scolorita,
ma segno dell'Italia liberata.
Come l'arcobaleno di Dino,
strappato, lacerato,
violentato da mille oppressioni e ingiustizie
subite dagli ultimi.
Non c'è la parola PACE al centro,
perché non vi è Pace per le vittime della violenza.
Quando un dì la scriveremo
l'avremo fatto anche per Dino,
fratello di tutti gli oppressi,
compagno di chi lotta contro ingiustizia e violenza,
senza mai abbassare la testa.
E' questo il nostro compito,
non abbassare la testa,
lottare con Dino nel cuore.
E al nostro fianco ...

Note: http://lists.peacelink.it/pace/msg02899.html
http://lists.peacelink.it/dirittiglobali/msg01080.html
http://www.peacelink.it/webgate/volontariato/msg00209.html
http://lists.peacelink.it/news/msg05486.html
http://lists.peacelink.it/news/msg05485.html
http://www.stefanomencherini.org/it/news/15.htm
www.controappunto.org
http://bellaciao.org/it/collettivo/dino.php

Articoli correlati

  • Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità
    Latina
    Honduras

    Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità

    Lo Stato honduregno si dichiara responsabile dell’esecuzione sommaria di Herminio Deras e di decenni di violenze contro la sua famiglia
    19 maggio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Sei anni... con Berta
    Latina
    Honduras

    Sei anni... con Berta

    Nuovo anniversario in un nuovo contesto sociopolitico
    3 marzo 2022 - Giorgio Trucchi
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)