Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Italia sotto inchiesta

    Italia sotto inchiesta

    Dal libro pubblicato da Meltemi Editore alla commemor-azione di Peppino Impastato impegnandoci quotidianamente
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • Dino Frisullo e lo…deserto

    Dino Frisullo e lo…deserto

    Dalla cronaca locale vastese lo spunto per ricordare l'ultima grande denuncia di Dino Frisullo contro il cpt Regina Pacis di Lecce
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    A 25 mesi dall’omicidio di Berta Cáceres i mandanti sono ancora liberi

    In giugno l’inizio del processo per le persone coinvolte nel crimine della dirigente indigena
    5 aprile 2018 - Giorgio Trucchi
  • Un libro di Davide Reina

    "Per un'economia giusta"

    L'autore dice basta allo sfruttamento incondizionato delle risorse, basta alla crescita continua, basta alla speculazione finanziaria, basta alla ricchezza esclusiva, basta i manager onnipotenti e iperpagati. E da specialista della materia propone la sua via d'uscita
"D'ora in avanti in ogni sguardo sperduto e impaurito di immigrati o profughi che incontrero' so che vedrò Dino, il mio sorriso a loro sarà anche per lui."(Luisa Morgantini)

Due anni con Dino nel cuore

"Ha percorso strade difficili, molto spesso lasciato solo, forse perché chiedeva troppo a sé e agli altri. Forse perché il suo amore per la giustizia era assoluto, impaziente dei tempi, impaziente e indignato."(i suoi amici)
5 giugno 2005 - Alessio Di Florio

L'altro giorno in Tv parlavano di Dino,
si chiama Mustafà ed è somalo,
nato sulle coste italiane
dove la madre è giunta.
Una settimana fa leggevo un reportage su Internet,
raccontava di Dino, palestinese
che ogni giorno vive sotto occupazione militare.
Due settimane fa Dino era sui giornali,
senegalese morto durante un "normale controllo di polizia".
Ieri ho incontrato Dino,
è un simpaticissimo artista di strada Rom.
Dino, con mille volti e storie, sarà sempre con noi.
Dino è kurdo, sudanese, palestinese,
migrante rifiutato, espulso, incarcerato
in nome della sicurezza dei ricchi,
prigioniero e vittima di guerre e dittature.
Dino è sempre lì,
sventrato in un attentato,
ucciso in guerra.
Dino vive nell'arcobaleno degli ultimi,
nei loro mille colori.
Ricordo una volta la commozione di un partigiano,
disse che il suo più bel ricordo era una bandiera,
tricolore, strappata al centro,
lì dove una volta era il simbolo della tirannia.
Per quello lottò,
per una bandiera,
lacera e scolorita,
ma segno dell'Italia liberata.
Come l'arcobaleno di Dino,
strappato, lacerato,
violentato da mille oppressioni e ingiustizie
subite dagli ultimi.
Non c'è la parola PACE al centro,
perché non vi è Pace per le vittime della violenza.
Quando un dì la scriveremo
l'avremo fatto anche per Dino,
fratello di tutti gli oppressi,
compagno di chi lotta contro ingiustizia e violenza,
senza mai abbassare la testa.
E' questo il nostro compito,
non abbassare la testa,
lottare con Dino nel cuore.
E al nostro fianco ...

Note:

http://lists.peacelink.it/pace/msg02899.html
http://lists.peacelink.it/dirittiglobali/msg01080.html
http://www.peacelink.it/webgate/volontariato/msg00209.html
http://lists.peacelink.it/news/msg05486.html
http://lists.peacelink.it/news/msg05485.html
http://www.stefanomencherini.org/it/news/15.htm
www.controappunto.org
http://bellaciao.org/it/collettivo/dino.php

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)