Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Appello del Centro delle Culture di Torino

Non facciamo sparire Foued

Foued Cherif, con un regolare permesso di soggiorno, moglie e tre
figlie minorenni, rimandato in una notte in Tunisia senza diritto alla difesa e senza poter rivedere la famiglia perchè accusato di reati presunti
7 febbraio 2007
Fonte: Centro delle Culture - 31 gennaio 2007

IL CENTRO DELLE CULTURE E IL PARTITO UMANISTA
DENUNCIANO L'ESPULSIONE ILLEGITTIMA DI FOUED!
E CHIEDONO A DEPUTATI E SENATORI CHE SI FACCIANO PROMOTORI
DI UN'INTERROGAZIONE PARLAMENTARE AFFINCHÉ SI FACCIA CHIAREZZA
SU QUANTO È SUCCESSO.

Nel sito www.centrodelleculture.org in pochi giorni
sono state raccolte più di 1000 firme per non far sparire Foued

APPELLO AI POLITICI PER FOUED CHERIF

Il Coordinamento Nazionale del Centro delle Culture con l'adesione di:
Partito Umanista
La Comunità dello Sviluppo Umano
L'ass. Dialogo Onlus
L'ass. Umanista UnAltroMondo Onlus

e tutti i firmatari della petizione per Foued:
www.centrodelleculture.org/petizioni/foued

Il Centro delle Culture denuncia l'espulsione illegittima di Cherif
Foued, vittima di un sistema che continua a colpire persone, esseri
umani, senza applicare i diritti fondamentali di uno stato
democratico come dovrebbe essere il nostro. Lo scorso 4 gennaio la
Digos di Milano ha prelevato dal suo luogo di lavoro il cittadino
tunisino Sig. CHERIF FOUED BEN FITOURI, regolarmente in Italia dal
1996. Dopo essere stato portato alla Questura di Milano, gli hanno
notificato il decreto di espulsione e la notte stessa è stato
imbarcato per la Tunisia senza possibilità di contattare un avvocato
e senza sapere con esattezza i capi di imputazione. Dramma a cui si
aggiunge la violenza morale di essere strappato ai propri affetti
senza una reale motivazione. Cherif Foued vive in Italia da oltre
dieci anni, qui ha un lavoro ed è sposato con una cittadina italiana.
Ha tre bambine, Amira 10 anni, Sara 5 anni e Asia 2 anni, che
dipendono dal suo lavoro e dal suo affetto. Solo il giorno seguente
la Sig.ra Brusadelli (moglie di Foued Cherif) riusciva ad ottenere,
dalla Questura di Sondrio, copia del decreto di espulsione emesso dal
Ministero dell'Interno nei confronti del marito ove si legge
"esaminati gli atti dai quali emerge che il cittadino tunisino Cherif
Foued Ben Fotouri nato a Tunisi il 31 maggio 1970, ha un consolidato
circuito relazionale con elementi di primo piano nel panorama
dell'integralismo islamico presente in Italia, coinvolti in
progettualità terroristiche e considerato che la presenza in Italia
del Cherif Foued Ben Fitouri, nell'attuale contesto del terrorismo di
matrice islamica, fa ritenere che lo stesso possa, in qualsiasi modo,
agevolare organizzazioni o attività terroristiche, anche
internazionali". Cherif Foued non è mai stato indagato dall'Autorità
Giudiziaria italiana o straniera.
Foued è stato espulso in Tunisia illegittimamente, creando un
precedente gravissimo per la nostra democrazia e per il principio del
diritto alla difesa
La famiglia è riuscita ad avere sue notizie solo due settimane dopo:
in seguito all'espulsione dall'Italia, attualmente si trova a Tunisi,
in un carcere civile sotto giurisdizione militare.

Indipendentemente dall'"ipotesi di reato" imputata a Foued, il
trattamento che gli è stato riservato è indegno sotto il profilo
civile e illegittimo sotto quello giuridico. Chiediamo che venga
applicato il diritto alla "presunzione di innocenza" (nessuno è
colpevole fino a quando non lo stabilisce un tribunale tramite
sentenza definitiva), lasciando il merito legale della questione
all'avvocato che lo difende.
L'Avv. Sandro Clementi, ha, infatti, avanzato ricorso alla Corte
Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo al fine di far
intervenire questo organo, presso il Governo Italiano, per
l'assunzione di chiarimenti in ordine alla procedura di espulsione e
al fine di sollecitarlo ad assumersi la responsabilità della
incolumità del Sig. Cherif Foued.
L'Alta Corte con provvedimento in data 11.01.07 ha ritenuto di dover
procedere con la massima urgenza a tutela dei diritti del Sig. Cherif
Foued ed ha introdotto tempestivamente la fase di merito che è
iniziata il 26.01.07 scorso, a Strasburgo.
Più precisamente è stato richiesto all'Alta Corte di pronunciarsi per
la violazione del principio del diritto di difesa e per il divieto di
espatrio verso Paesi ove Foued potrebbe essere soggetto a pene
illegali e comunque ove non gode dei diritti civili. Il nostro paese,
come noto, aderisce a patti comunitari Europei ed internazionali che
garantiscono la difesa di tali diritti.

Il coordinamento nazionale del Centro delle Culture si è fatto
promotore della vicenda di Foued non solo per il lungo trascorso di
collaborazione con lui sui temi del dialogo e dell'integrazione fra
le culture, ma anche perchè tale vicenda è un esempio eclatante del
crescente clima di criminalizzazione a cui è sottoposto il mondo
islamico. Siamo infatti convinti che considerare l'Islam quale
sinonimo di fondamentalismo religioso è una delle causa principali
del fenomeno terroristico. Tale visione porta il governo del nostro
Paese, e di gran parte del mondo occidentale, a trattare i
concittadini islamici come potenziali nemici da eliminare e non come
esseri umani con diritti da rispettare.

Riteniamo inoltre che: non si può stare inermi a guardare quando
l'antiterrorismo diviene abuso; quando sono negati i diritti umani.
Tutti hanno diritto a un avvocato, a un processo, a un giudice e a un
trattamento dignitoso e umano. Invece vengono deportati in carceri di
Paesi compiacenti, disposti a interrogarli con ogni mezzo, anche la
tortura, e a detenerli senza processo. Fatti ammessi anche dal
Dipartimento di Stato americano che ne parla come di una prassi usata
e abusata anche ai danni dei cittadini europei.

PER TUTTO QUESTO CHIEDIAMO:
- agli esponenti autorevoli di questo Repubblica democratica, di
farsi promotori di un'interrogazione parlamentare affinché si
faccia chiarezza su quanto è successo.
- al Governo Italiano di farsi carico: dell'incolumità della vita di
Foued Cherif; di riportare immediatamente Foued Cherif in Italia,
dalla sua famiglia;
e il rimborso dei danni economici e morali causati a Foued e alla sua
famiglia.

Si invia per conoscenza e richiesta di pubblicazione, questo appello
in forma di Comunicato Stampa, a tutti i media locali e nazionali.

Approfondimenti e dettagli su www.centrodelleculture.org/press:
Relazione dell'avv. Clementi sul caso Cherif Foued
Rapporto 2006 sulla Tunisia di Amnesty International
La posizione del Centro delle Culture
Articolo: Non facciamo sparire Foued

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)