Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Dopo l'attentato razzista di Livorno

Gli «zingari», si sa, sono colpevoli anche quando sono vittime

10 settembre 2007 - Mercedes Frias

Gli «zingari», si sa, sono colpevoli anche quando sono vittime. Anche il
loro essere vittima è una colpa, la loro tragedia non interroga la società,
ma rafforza "l'identità collettiva", quella costruita per differenza: i loro
vizi fanno sentire tutti un po' più a posto, per differenza appunto.

La tragedia di Livorno ci offre un'immagine limpida quanto drammatica dello
stato di degrado culturale a tutti i livelli di questa società.

Degrado che diventa azione politica e crea effetti materiali: l'incapacità
di indignarsi di fronte a eventi di tale portata, ma ancora di più
l'incapacità di accettare vie di uscita dall'emarginazione a partire dal
riconoscimento dei diritti, come elemento inalienabile della condizione
stessa di persona, dell'essere umano. Meschinità. Pregiudizi.

Dichiarazioni politiche che sfiorano appena e in modo marginale il problema
di fondo, come l'annuncio di un disegno di legge per punire "gli sfruttatori
di minorenni".

Lo scenario non lascia spazio a molte interpretazioni: quattro bambini morti
di morte atroce, carbonizzati.

I genitori in galera, per abbandono di minore seguito da morte; dei
commercianti che temono il fallimento: per una sera d'estate devono
rinunciare ai tavolini in piazza.

Se fosse piovuto, avrebbero potuto farsi una ragione del mancato
plus-incasso.

Ma per quattro «zingarelli» morti, bambini, ma sempre «zingari» e per di più
incustoditi!

Per loro non era proprio il caso di rischiare qualche euro in meno.

Hanno gridato allo scandalo, come reazione all'apprezzabile iniziativa del
sindaco di Livorno di dichiarare il lutto cittadino.

I genitori hanno lasciato soli i bimbi. Questo è diventato il problema.

Per questo, e non perché sospettati di essere gli autori del rogo, per
questo sono in carcere.

Le inumane condizioni in cui erano costretti a sopravvivere, fuori, dove non
potevano essere visti, lontani dalle possibilità di arrivare a qualche
briciola dell'opulente tavola di tutti, o quasi tutti; quelle condizioni
sono un dettaglio di contorno, e poi riguarda loro.

Se la cultura del bando agli indesiderati non fosse prevalsa, in galera non
sarebbero finiti i genitori, o perlomeno non soltanto loro.

E' così difficile assumere che anche i genitori sono delle vittime?

Vittime delle stesse condizioni d'abbandono e di esclusione che hanno
provocato la morte dei loro bambini?

Ci troviamo a fare conto sistematicamente con i pregiudizi, con visioni
disumanizzanti che hanno degli effetti sulle persone.

Cittadini e cittadine, bambine, uomini, donne, messe al bando proprio come
nel "Bando sopra i Zingani e le Zingane del dì 3 novembre 1547 ab
incarnatione" : «L'illustrissimo ed eccellentissimo Signore il Sig. Duca di
Fiorenza e per Sua Eccellentia Illustrissima li Magnifici Signori Otto di
Guardia e Balia della città, dichiarava, considerando di quanto danno sieno
stati per il passato e di presente ancora sieno i Zingani e Zingane che si
sono alloggiati e alloggiano appresso alla città di Fiorenza... quanto
sinistro con li loro cattivi portamenti arrechino li cittadini artifici e
contadini... che infra mese prossimo futuro da oggi si debbino, ogni
eccetione rimossa, havere sgombro... di Fiorenza sotto pena di essere fatti
prigioni e mandati in galera... a ciascuno di detti Zingani come si è
rivocato et rivoca per virtù della presente ogni patente, salvacondotto, et
autorità che egli avessino insino a questo presente giorno».

La non neutralità delle leggi, della loro applicazione, dei soggetti che
dalle proprie diverse postazioni hanno il compito di farle rispettare,
risulta evidente per alcune categorie di persone, gli ultimi.

Basti pensare per esempio alla sovrarappresentazio ne delle minoranze
portatrici di differenze considerate sottrattive, nelle carceri dei paesi
industrializzati. O le classi, le "razze" subalterne sono geneticamente ed
intrinsecamente propense al crimine ed alla devianza, oppure la forza del
pregiudizio, degli stereotipi, del razzismo supera qualsiasi normale logica
del comportamento individuale e sociale.
Vanifica persino le leggi stesse, perché ad applicarle sono persone più o
meno consapevoli del carico ideologico delle loro azioni politiche o
professionali.

Basti ricordare le motivazioni della sentenza di condanna ad un cittadino
marocchino per maltrattamenti alla figlia da parte del giudice milanese
Montingelli: «Tra l'altro, non par temerario sottolineare che, quand'anche
l'imputato avesse fornito i nomi dei testi», la loro deposizione non
l'avrebbe potuto scagionare, «tenuto conto della loro probabile appartenenza
a un ambiente culturale i cui membri spesso non hanno modo di distinguersi
per inclinazione al rispetto delle leggi italiane e degli obblighi che ne
scaturiscono, quale quello di dire, come testi, il vero dinanzi ai Giudici
della Repubblica».

In un'intervista al Corsera del 1 maggio 2005, interpellato perché ne dia
l'interpretazione autentica, afferma: «L'ho scritto e me ne assumo la piena
responsabilità» , e ribadisce: «La mia pluriennale esperienza di contatto con
persone appartenenti a questa area culturale mi induce a ipotizzare che in
loro non ci sia grande rispetto del nostro ordinamento».

In materia di fermo di polizia, per esempio, occorre partire da quello che
in Gran Bretagna chiamano "l'ethnic profiling", che tuttavia non finisce con
il fermo, accompagna sempre la vita e i percorsi di quelle persone che
Eduardo Galeano chiama "los ningunos", "los ninguneados" (i nessuno).
Facendo un esercizio astratto soltanto in apparenza, risulterà evidente
quali saranno le dinamiche e l'epilogo di un fermo di polizia ad un
cittadino immigrato o un cittadino rom operato da un uomo o da una donna in
divisa, persone con convinzioni xenofobe e razziste, insignite del potere di
un'uniforme: il guardiano dell'ordine, ma ad agire ci sarà, c'è la persona,
con il suo pensiero e col suo carico ideologico.

La formazione alla base di questi soggetti dovrebbe contribuire a far
prevalere le ragioni del ruolo che si trovano a svolgere, ma è talmente
grande l'asimmetria, e troppo spesso prevale la forza del pregiudizio.

Lo stesso discorso per tutti coloro che hanno potere sulla vita degli altri:
dall'assistente sociale al magistrato, passando per le maestre, il vigile
urbano, l'impiegato dell'ufficio anagrafe.

E così troviamo storie di bambini rom, scolarizzati, che possono fare
soltanto disegni monocromatici perché non è loro permesso di usare tutti i
barattoli dei colori.

Devono essere puniti perché i loro genitori non hanno dato il loro
contributo alla cassa scolastica. Succede.

E succede proprio nei comuni che dicono di spendere significative cifre per
"l'integrazione dei rom e dei sinti".

Morte, carcere, sospetti, vita da emarginati in un paese nel quale ad un
vicepresidente del Senato è permesso di dichiarare che i neri sono carini
mentre sono piccoli, ma che il problema è che poi crescono.

In un paese con un governo di centro sinistra che, in barba al proprio
programma, si mostra reticente ad accogliere una risoluzione che prevede di
aderire alla Convenzione Onu "per la protezione dei diritti di tutti i
lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie", adducendo che non si
possono equiparare i diritti tra persone regolari o irregolari.

Reticente a riconoscere una soglia minima di diritti, come se accedere ad un
pasto o all'acqua potabile, disporre di un tetto, potersi riparare dal
freddo, non giacere nell'immondizia in mezzo ai topi, fosse un grande
privilegio.

Con una tale cultura è logico che le colpe siano sempre delle vittime, degli
esclusi, dei genitori di Eva, Danchiu, Dengi, Lenuca.

Rinchiusi in galera, non importa che a morire siano stati i loro bimbi,
indifesi quanto loro stessi.

Senza nessuna possibilità di tutela giuridica, di avere accesso effettivo e
di potersi appellare concretamente alla normativa esistente, perché li
protegga contro le discriminazioni, le offese, gli insulti, le violenze.

E tutto questo nella patria storica del diritto.

Note:

links dei maggior blog sulle questioni rom e sinte:
Rom sinti e politica: ht <http://coopofficina .splinder. com/>
tp://coopofficina. splinder. com/;
Sucar Drom: <http://sucardrom. blogspot. com/> http://sucardrom. blogspot. com/
Comitato rom e sinti insieme:http://www.comitato romanophralipe. it/
<http://www.sivola. net/dblog/> http://www.sivola. net/dblog/
<http://www.osservaz ione.org/> http://www.osservaz ione.org/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)