Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

I soldi appartenevano a un'imprenditore tarantino

Immigrato trova 1900 euro per strada e li restituisce alla polizia

Rifiuta 300 euro di ricompensa: "Me ne spettano soltanto 200". Quanti italiani avrebbero fatto così?
22 aprile 2010

Questa notizia è destinata a non fare clamore e a morire nella periferia dell'Italia, per non disturbare troppo i consolidati pregiudizi sugli immigrati. Solidarietà con gli immigrati

Un cittadino cingalese di 30 anni, con regolare permesso di soggiorno, ha trovato per strada a Taranto diverse banconote per un totale di 1900 euro e ha chiamato la polizia per restituire il denaro al legittimo proprietario. Il fatto è avvenuto a Taranto.

L'immigrato, di nome Ponvila Vindanagle Don Nalaka, ha trovato le banconote su un marciapiede di via Berardi, in pieno centro. Dopo essersi accertato che nelle vicinanze non ci fosse nessuno che reclamava il denaro, lo ha raccolto e ha chiamato il 113. Accompagnato dagli agenti presso gli uffici della Questura, dopo le formalità di rito e i complimenti ricevuti dal dirigente della sezione Volanti, è stato riaccompagnato a casa. La somma è stata trattenuta negli Uffici della Questura a disposizione dei proprietari.

I soldi appartenevano a un imprenditore tarantino di 51 anni che si è presentato alla polizia. L'imprenditore ha volute premiare l'immigrato dandogli 300 euro ma il congalese ha risposto: "Me ne spettano soltanto 200".

Quanti italiani avrebbero fatto così?

Note: La notizia è apparsa sulla Gazzetta del Mezzogiorno del 18 aprile 2010, nella pagina di Taranto, ma non ha fatto clamore a livello nazionale.

Articoli correlati

  • Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco
    Ecologia
    L'immunità penale concessa ad Am Investco viola la Costituzione?

    Sabato 24 novembre si parlerà dell'immunità penale concessa per Ilva ad Am Investco

    Permangono le problematiche legate all'inquinamento e i dubbi sulla costituzionalità della norma che ha concesso l’immunità penale e amministrativa agli acquirenti Ilva.
    22 novembre 2018
  • "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"
    Legami di ferro
    L'Unicef si schiera al fianco di Taranto e dei suoi bambini vittime dell'inquinamento

    "Ho pianto per i bambini di Taranto e per questa infanzia negata"

    Andrea Iacomini, portavoce nazionale Unicef Italia, celebra a Taranto la convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. E dichiara: "Il nostro mandato è di proteggere i bambini ovunque essi siano". E poi: "Il caso ILVA non è chiuso, i bambini qui vivono una condizione impressionante".
    24 novembre 2018 - Beatrice Ruscio
  • Il settimo compleanno delle Chiancarelle ribelli - Salerno e Taranto unite contro gli inquinatori
    Ecologia
    A Salerno come a Taranto si discute di come superare il conflitto salute - lavoro

    Il settimo compleanno delle Chiancarelle ribelli - Salerno e Taranto unite contro gli inquinatori

    Il gemellaggio tra i comitati di Taranto e Salerno continua perché ovunque e per tutti vale il principio che bisogna tutelare la salute. Peacelink è stata invitata alla presentazione del documentario "Il tradimento" sulla vicenda Ilva che si terrà a Salerno.
    22 novembre 2018
  • Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi
    Ecologia
    Dose tollerabile giornaliera per un bambino di 10 anni a Taranto

    Quante cozze a settimana? Non più di 13 grammi

    Diossine e PCB possono essere presenti nelle cozze di zone inquinate. Con i nuovi valori di DST (Dose Settimanale Tollerabile) divulgati dall'EFSA, a Taranto i bambini non dovrebbero mangiare più di 13 grammi di cozze a settimana
    21 novembre 2018 - Redazione PeaceLink

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)