Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

I migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa su ordine della magistratura che apre un'inchiesta

"Il governo razzista è caduto"

Comunicato di Peppe Sini, animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo. "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite".
21 agosto 2019
Redazione PeaceLink

Solidarietà con i migranti

"Il governo razzista e' caduto". Così comincia un comunicato stampa di Peppe Sini, storico pacifista italiano che negli ultimi mesi ha dedicato le sue energie a organizzare una intensa campagna a favore della salvezza dei migranti.
Peppe Sini scrive: "Dopo un anno di violenza razzista, di persecuzioni di innocenti, di omissione di soccorso di persone in pericolo di morte, di crimini contro l'umanita', di continuo e crescente attentato contro la Costituzione della Repubblica italiana, di seminagione di odio e di istigazione al male, il governo razzista e' finalmente caduto. Ora siano immediatamente soccorse le persone piu' bisognose di aiuto: l'Italia faccia cessare la strage degli innocenti nel Mediterraneo. Ora siano ripristinati nel nostro paese il rispetto dei diritti umani, la vigenza della Costituzione repubblicana, la democrazia, lo stato di diritto, la civile convivenza. Ora siano immediatamente abrogate tutte le scellerate misure razziste imposte dal governo della disumanita'. Ora siano allontanati per sempre dai pubblici uffici i responsabili di crimini abominevoli. Ora gli autori di crimini mostruosi siano sottoposti al giudizio delle competenti magistrature".

Peppe Sini è l'animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo.

Il suo comunicato si conclude così: "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite. Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'. Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto. Salvare le vite e' il primo dovere".

Intanto i migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa. E' stata la magistratura a sbloccare la situazione. E ora la Procura indaga per omissione e rifiuto di atti d’ufficio “per non avere risposto alle gravi condizioni di salute dei migranti”, secondo l’Adnkronos. Il reato, previsto dall’articolo 328 del codice penale, punisce “il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni“.

Articoli correlati

  • No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera
    Migranti
    Appello ai parlamentari italiani

    No al finanziamento della cooperazione con il Governo libico e la sua cosiddetta Guardia Costiera

    Ci opponiamo ai crimini contro l’umanità che vengono quotidianamente perpetrati sia nel deserto al confine Sud, che nei lager e nella cosiddetta SAR libica, ormai documentati dalla stampa e dalle stesse Nazioni Unite.
    10 giugno 2021 - Mani Rosse Antirazziste
  • La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa
    Pace
    Il diritto internazionale è la nonviolenza efficace

    La nonviolenza efficace: nuova prassi educativa

    La nonviolenza efficace è capace di risolvere in modo determinante i conflitti politici reali secondo una strategia che sa trasformare i gruppi umani “nemici” in gruppi umani “amici”
    3 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Scuola. Le classi di accoglienza
    Sociale
    La scuola e la popolazione multiculturale

    Scuola. Le classi di accoglienza

    L’Educazione per una Cittadinanza Globale a partire dalle Classi di accoglienza
    6 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • La bambina e la gang
    Pace
    Razzismo negli Usa

    La bambina e la gang

    Aveva sei anni e solo con la scorta riusciva a entrare in classe. Nel 1960 Ruby Bridges fu la prima afroamericana della sua scuola a New Orleans. All'esterno, una combriccola aggressiva le faceva la posta, un gruppo di donne ostili le rese la vita un inferno
    22 novembre 2020 - Jasmin Lörchner
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)