Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

I migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa su ordine della magistratura che apre un'inchiesta

"Il governo razzista è caduto"

Comunicato di Peppe Sini, animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo. "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite".
21 agosto 2019
Redazione PeaceLink

Solidarietà con i migranti

"Il governo razzista e' caduto". Così comincia un comunicato stampa di Peppe Sini, storico pacifista italiano che negli ultimi mesi ha dedicato le sue energie a organizzare una intensa campagna a favore della salvezza dei migranti.
Peppe Sini scrive: "Dopo un anno di violenza razzista, di persecuzioni di innocenti, di omissione di soccorso di persone in pericolo di morte, di crimini contro l'umanita', di continuo e crescente attentato contro la Costituzione della Repubblica italiana, di seminagione di odio e di istigazione al male, il governo razzista e' finalmente caduto. Ora siano immediatamente soccorse le persone piu' bisognose di aiuto: l'Italia faccia cessare la strage degli innocenti nel Mediterraneo. Ora siano ripristinati nel nostro paese il rispetto dei diritti umani, la vigenza della Costituzione repubblicana, la democrazia, lo stato di diritto, la civile convivenza. Ora siano immediatamente abrogate tutte le scellerate misure razziste imposte dal governo della disumanita'. Ora siano allontanati per sempre dai pubblici uffici i responsabili di crimini abominevoli. Ora gli autori di crimini mostruosi siano sottoposti al giudizio delle competenti magistrature".

Peppe Sini è l'animatore del "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" di Viterbo.

Il suo comunicato si conclude così: "L'Italia torni ad essere una repubblica democratica, un paese civile, un ordinamento giuridico che rispetta e difende i diritti umani e salva le vite. Il razzismo e' un crimine contro l'umanita'. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta'. Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto. Salvare le vite e' il primo dovere".

Intanto i migranti della Open Arms sbarcano a Lampedusa. E' stata la magistratura a sbloccare la situazione. E ora la Procura indaga per omissione e rifiuto di atti d’ufficio “per non avere risposto alle gravi condizioni di salute dei migranti”, secondo l’Adnkronos. Il reato, previsto dall’articolo 328 del codice penale, punisce “il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni“.

Articoli correlati

  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
  • Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace
    Pace
    Evento online in occasione del 20 Dicembre, Giornata Internazionale della Solidarietà

    Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace

    Solidarietà e inclusione, diritti e benessere sono condizioni necessarie per un’idea positiva della pace, pace con diritti e con giustizia sociale
    30 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Morti 75 migranti
    Migranti
    L’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite (Oim) ha dato la terribile notizia

    Morti 75 migranti

    «Questo è il costo dell’inazione», dice Safa Msehli dell’Oim che ricorda come da inizio anno «almeno 1300 uomini, donne, bambini sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale».
    20 novembre 2021 - Fabio Albanese
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)