Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Il mercato di esseri umani su Instagram e altre app

Investigazioni sotto copertura da parte della BBC News Arabic hanno rivelato la compravendita di lavoratori domestici nel Golfo
12 novembre 2019
Owen Pinnell & Jess Kelly
Fonte: BBC News Arabic - 31 ottobre 2019

Girando per le strade del Kuwait non vedrete mai queste donne. Sono nascoste dietro porte chiuse, private dei loro diritti fondamentali e col rischio di essere vendute al miglior offerente.

Prendete il cellulare: potrete navigare tra migliaia delle loro fotografie, le troverete catalogate per razza, disponibili per la compravendita per poche migliaia di euro.

Un'investigazione sotto copertura della BBC News Arabic ha rivelato che queste donne sono comprate e vendute online come lavoratrici domestiche, in un fiorente mercato nero.

Parte del traffico veniva condotto su Instagram, proprietà di Facebook, dove alcuni post erano promossi attraverso hashtag favoriti dall’algoritmo, e le trattative venivano poi concluse tramite messaggi privati.

Migliaia di donne vengono vendute e comprate come domestiche

Altre vendite sono state promosse tramite app fornite e approvate dalle piattaforme Google Play e Apple Store, così come da siti web di piattaforme di eCommerce.

“Quello che stanno facendo è promuovere un mercato online di schiavi,” ha dichiarato Umila Bhoola, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulle moderne forme di schiavitù. 

“Se Google, Apple, Facebook o qualsiasi altra azienda sta ospitando applicazioni come queste, devono di conseguenza, essere ritenuti responsabili.”

Dopo essere stato messo a conoscenza della questione, Facebook ha risposto di aver bannato uno degli hashtag coinvolti.

Google e Apple hanno dichiarato di essere al lavoro per prevenire attività illegali.

Le vendite illegali sono una chiara violazione delle regole delle aziende tecnologiche statunitensi, sia per i programmatori, sia per gli utenti.

Di fatto, la BBC ha trovato diverse attività di vendita ancora attive su Instagram, e altre applicazioni reperibili attraverso gli store di Apple e Google.

Mercati di schiavi

In Kuwait, 9 case su 10 hanno una lavoratrice domestica – vengono dalle zone più povere del mondo, arrivano con la speranza di guadagnare abbastanza denaro per aiutare le loro famiglie a casa.

La relatrice speciale delle UN Umila Bhoola lo definisce un mercato di schiavi online

Fingendosi una coppia appena arrivata in Kuwait, la squadra sotto copertura della BBC Arabic ha parlato a 57 utenti di queste applicazioni e visitato più di una dozzina di persone che hanno provato a vendere loro una lavoratrice domestica attraverso una popolare applicazione di vendita chiamata 4Sale.

Quasi tutti i venditori hanno chiesto la confisca dei passaporti delle donne, confinandole in casa, negando loro tempo libero e limitando o negando loro accesso al telefono.

L'applicazione 4Sale permette di filtrare per razza, con diverse fasce di prezzo chiaramente disponibili, a seconda della categoria.

“Lavoratrice africana, pulita e sorridente," dice un annuncio. Un altro: “Nepalese che ha anche il coraggio di chiedervi un giorno libero.”

Parlando coi venditori, la squadra della BBC ha frequentemente rilevato un linguaggio razzista. “Le indiane sono le più sporche,” ha detto uno di loro, descrivendo la donna di un annuncio.

Diritti umani violati

La squadra della BBC è stata esortata dagli utenti dell'applicazione, che si comportavano come fossero i “proprietari” di quelle donne, a negare loro ogni altro diritto umano fondamentale, come concedere loro “un giorno o un minuto o un secondo” libero.

Un uomo, un poliziotto, valutando di “acquistare” la sua lavoratrice, ha detto: “Credetemi, è molto carina, allegra e con una faccia sempre sorridente. Anche se la fai stare sveglia fino alle 5 del mattino, non si lamenta.”

Ha spiegato alla squadra della BBC come le lavoratrici domestiche vengano trattate come merce.

“Potrete trovare chi compra una domestica per 600 KD (2000 $) per poi rivenderla a 1000 KD (3300$)” ha concluso.

La squadra delle BBC News Arabic durante la registrazione di una conversazione con un mercante di lavoratrici domestiche in Kuwait

Ha poi suggerito, come la squadra della BBC avrebbe dovuto trattarla: “Il passaporto, non datelo a lei. Voi siete il suo garante. Perché dovreste darle il passaporto?”

In un caso, alla squadra della BBC è stata offerta una ragazza di 16 anni. È stata chiamata Fatou per tutelare il suo nome.

Fatou è stata portata illegalmente dalla Guinea nell'ovest dell'Africa ed è stata impiegata come lavoratrice domestica in Kuwait per 6 mesi, quando la BBC l'ha scoperta.

La sua trattativa di vendita includeva il fatto che lei non potesse avere alcun tempo libero, le erano stati sottratti passaporto e telefono, e non le era permesso di uscire di casa da sola – tutto ciò è illegale in Kuwait.

Il permesso del garante

“Questo è l’esempio per eccellenza della schiavitù moderna,” ha detto Bhoola. “Qui vedete come una ragazzina venga venduta e negoziata come un oggetto, come merce.”

Nella maggior parte del territorio del Golfo, le lavoratrici domestiche vengono portate nel paese da parte di agenzie e poi ufficialmente registrate con il governo.

Potenziali datori di lavoro pagano una quota alle agenzie e diventano così i garanti ufficiali di quelle lavoratrici.

Sotto quello che è conosciuto come il sistema Kafala, una lavoratrice domestica non può cambiare o lasciare il sul lavoro, né tanto meno lasciare il paese senza il permesso del suo garante.

La sedicenne Fatou (questo non è il suo vero nome) dalla Guinea, filmata con il suo venditore a Kuwait City

Nel 2015, il Kuwait ha introdotto leggi ad ampio raggio per proteggere questa categoria di lavoratrici. Ma la legge non è stata accolta da tutti.

L’applicazione 4Sale e Instagram permettono ai datori di lavoro di vendere il ruolo di garante delle loro lavoratrici ad altri datori di lavoro, dietro compenso. Questo permette loro di bypassare le agenzie e crea un mercato nero non regolamentato, dove le donne risultano più vulnerabili all'abuso e allo sfruttamento.

In Arabia Saudita, gli investigatori hanno scoperto Haraj, un’altra applicazione di vendita molto popolare, attraverso la quale migliaia di donne vengono vendute. Altre migliaia vengono vendute su Instagram, di proprietà di Facebook.

“Un vero inferno

La squadra della BBC si è recata in Guinea in cerca della famiglia di Fatou, la ragazzina che hanno visto in vendita in Kuwait.

Ogni anno centinaia di donne sono vittime della tratta di lavoratrici domestiche qui nel Golfo.

“Il Kuwait è un vero inferno,” ha detto un’ex domestica, che ha raccontato come la sua datrice di lavoro la facesse dormire nella stalla delle vacche. “Le case del Kuwait sono pessime,” ha aggiunto un'altra “Non ti permettono di riposare, non ti danno cibo, niente.”

Fatou è stata trovata dalle autorità kuwaitiane e portata al rifugio per lavoratrici domestiche gestito dal governo. Due giorni più tardi è stata riportata in Guinea, perché minorenne.

Ha raccontato alla BBC della sua esperienza di lavoro in tre case differenti nei nove mesi in cui è rimasta in Kuwait: “Mi urlavano sempre dietro e mi chiamavano animale. Mi feriva, mi rendeva triste, ma non c’era nulla che potessi fare.”

La squadra della BBC ha seguito Fatou nel suo ritorno a casa a Conakry, la capitale della Guinea

“Sono così felice.” Ha detto Fatou.

“Anche ora, parlando di quei nove mesi in Kuwait, sono comunque felice. La mia vita è migliore adesso. Mi sento come liberata dalla schiavitù .”

L'hashtag rimosso

Il governo del Kuwait ha dichiarato di “essere in guerra con questo tipo di azioni” e ha insistito che le applicazioni sarebbero state “minuziosamente esaminate.”

A oggi, nessuna azione significativa è stata fatta contro queste piattaforme. E nessuna azione legale è stata presa contro la donna che ha cercato di vendere Fatou. La donna si è rifiutata di rispondere a qualunque richiesta di commento da parte della BBC.

Dopo che la squadra della BBC ha contattato le aziende tech titolari delle app presentando loro ciò che avevano trovato, 4Sale ha rimosso la sezione di vendita di lavoratrici domestiche dalla sua piattaforma.

Facebook ha dichiarato di aver rimosso l'hashtag “خادمات للتنازل# – che tradotto significa “#maidfortransfer" (domestica in cessione).

“Continueremo a lavorare con le forze dell'ordine, organizzazioni e industria per impedire questi comportamenti nella nostra piattaforma,” ha aggiunto un portavoce di Facebook. 

Non c'è stato invece alcun commento da parte della app Saudita, Haraj.

Google ha dichiarato di essere “profondamente turbato dalle accuse.”

“Abbiamo chiesto alla BBC di fornirci maggiori dettagli, in modo da poter approfondire le indagini, ”ha aggiunto. “Stiamo lavorando per assicurare che gli sviluppatori della app pongano in essere le garanzie necessarie per impedire a chiunque di svolgere queste attività attraverso i loro mercati online.”

Apple ha dichiarato che è “severamente vietato” promuovere il traffico di esseri umani e lo sfruttamento dei minori attraverso applicazioni messe a disposizione sui suoi mercati.

“I gestori delle app sono responsabili dei controlli sui contenuti generati dagli utenti sulla loro piattaforma,” ha aggiunto.

“Lavoriamo con i gestori di app per mettere in atto immediate azioni correttive ogni qualvolta venga trovato un problema, e in caso estremo, siamo pronti a togliere l'app dallo store. Lavoriamo con loro anche per riportare alle forze dell'ordine, qualunque azione illegale dovessimo rilevare.”

Le aziende continuano comunque a distribuire le app 4Sale e Haraj, sulla base del fatto che il loro intento primario è quello di vendere legittimamente beni e servizi.

4Sale sembra stia affrontando il problema, ma al momento della pubblicazione del presente articolo, centinaia di lavoratrici domestiche erano ancora in vendita su Haraj, Instagram e altre app individuate dalla BBC.

Tradotto da Fiorenza Merati, revisione di Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Slave markets found on Instagram and other apps

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)