Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

20 Giugno 1951

Giornata Mondiale del Rifugiato

L'Umanità messa in discussione
Laura Tussi19 giugno 2020

Giornata Mondiale del Rifugiato

Giornata Mondiale del Rifugiato

Articolo di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici 

Il giorno 20 giugno 1951, l’ONU ha stabilito la Giornata Mondiale del Rifugiato. Attualmente il Giorno del Rifugiato si celebra in memoria delle innumerevoli morti in mare, delle molteplici vittime donne, uomini e soprattutto bambini assassinati dalle guerre e da governi guerrafondai, razzisti e nazisti. Si tratta di un bilancio troppo drammatico: non una statistica, ma una tragedia umanitaria.

E' più che mai necessario fare memoria e denunciare questi orrori alla vigilia della Giornata Mondiale del Rifugiato, pensando alle migliaia di persone deportate e imprigionate nei centri di detenzione in Libia e nei campi profughi di Lesbo.

La Giornata Mondiale del Rifugiato esiste per non dimenticare che il diritto d’asilo, il diritto a un rifugio, il diritto alla migrazione sono imprescindibili e impliciti nelle costituzioni dell’umanità. La dichiarazione dei diritti umani del 1948 e la costituzione italiana e le costituzioni nate dall’antifascismo prevedono l’abbattimento dei muri, dei limiti e dei confini per creare un dialogo tra le nazioni e per stabilire il diritto e il dovere di accogliere vicendevolmente tutte le persone che fuggono da terrorismo, guerre, disastri ambientali, manovre economiche e che cercano assistenza, accoglienza e solidarietà in modo legale e sicuro nei territori che dovrebbero essere ospitanti.

La Giornata Mondiale del Rifugiato costituisce un monito alto per questi ideali e valori imprescindibili nelle carte costitutive dell’umanità. Al contrario, purtroppo, i vari governi non ottemperano i diritti dei rifugiati, ma perseguono in politiche guerrafondaie, in azioni violente di riarmo e di corsa agli armamenti. Infatti le spese militari nel mondo sono in continuo incremento e nel contempo aumentano la miseria e i pericoli per l’intera Umanità come il rischio di una guerra nucleare, che potrebbe avvenire anche per errore. Per gli errori dei computer preposti al controllo radar dei cieli delle varie nazioni belligeranti che applicano il principio altamente rischioso della deterrenza nucleare.

Per quale motivo le Nazioni Unite si vedono costrette ad instituire giornate mondiali per i diritti fondamentali?

Il diritto di movimento e mobilità e migrazione alla ricerca di condizioni vivibili di Pace è una salvifica opportunità per milioni di persone costrette a lasciare tutto ciò che hanno di più caro nei paesi di origine dove sussistono condizioni di vita drammatiche e disastrose.

La storia certamente non è maestra perché se l’umanità imparasse a non commettere più gli orrori del passato e del presente più attuale vivremmo tutti liberi, certamente non schiavi del potere mercificatorio che contrappone uomo a uomo, fratello a fratello in un calvario che non ha mai fine, ma che non può e non deve più avvenire.

Un esempio universale di accoglienza è rappresentato dal piccolo borgo jonico di Riace che è un fiorire di incontri e interscambi tra genti, etnie, popoli, minoranze che provengono da lontano e dai più disparati angoli di mondo, di terra e cielo, portati dal vento... 

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)