Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Una donazione a PeaceLink è un investimento in buone azioni
    Lettera agli amici e ai sostenitori

    Una donazione a PeaceLink è un investimento in buone azioni

    Il 2016 è stato un anno particolare: PeaceLink ha compiuto 25 anni. Siamo partiti infatti nel settembre del 1991. Nel 2017 vogliamo fare educazione alla cittadinanza attiva puntando a produrre specifici materiali formativi che possano favorire l'intervento consapevole in ogni settore della società e su ogni tematica, dalla pace, all'ecologia, alla solidarietà, alla difesa dei diritti dei cittadini. Vogliamo scrivere i capitoli di un "e-book" per promuovere e formare le competenze del cittadino attivo
    Associazione PeaceLink
  • Hai una carta di credito? Hai una carta Postepay? Fai una donazione per PeaceLink!
    Donazioni online

    Hai una carta di credito? Hai una carta Postepay? Fai una donazione per PeaceLink!

    Nessun comitato di affari ci finanzia, non abbiamo sponsor, non mettiamo pubblicità sul sito... ci rimani solo tu: aiutaci per il 2010. Con una donazione dal sito di PeaceLink. Bastano pochi click per sostenere PeaceLink. Regalaci un 2010 di autonomia, regalati una 2010 di libertà di critica.
    Associazione PeaceLink
  • Lottiamo insieme per un 2017 migliore
    Campagna raccolta fondi per PeaceLink

    Lottiamo insieme per un 2017 migliore

    Ricordate? Era il 2009 e chiedevamo un sostegno per il 2010. Avevamo delle scomesse per il futuro. Oggi possiamo dire di averle vinte e vi chiediamo di sostenerci ancora. Cambiare è possibile e quando non è possibile cambiare è doveroso resistere.
    18 dicembre 2016 - Associazione PeaceLink
  • Diritto alla salute e cittadinanza globale

    Chiara Castellani

    L'Agenda Onu 2030 riporta fra gli obiettivi il diritto alla salute e la lotta alle diseguaglienze, alla povertà, alla fame. Tutte cose per le quali Chiara Castellani ha dedicato la sua vita prima in America Latina e poi in Africa
    16 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti

Emittente di pace

In Congo, Radio Okaj, nata come emittente dell'ONU, trasmette aspettando la pace...
4 aprile 2006 - Elisabetta Caravati

Dopo la Guerra Fredda, l'ex Zaire ha vissuto uno dei piu' atroci conflitti armati; non a torto qualcuno ha definito tale conflitto: la Prima Guerra Mondiale Africana; infatti almeno nove paesi, dal 1998 al 2003, dell'Africa sub-sahariana e un'infnita' di milizie locali, sono stati i protagonisti, di una guerra senza scrupoli e pieta', di una guerra senza fine; di una guerra per la spartizione di risorse idriche e boschi e miniere di oro, diamanti, rame e uranio...

I caschi blu dell'ONU sono arrivati soltanto nel 2000. Un anno dopo, il Presidente del paese è stato assassinato...

Nel dicembre 2001 una ONG svizzera specializzata nella creazione di comunicazione in zone di crisi, ha firmato con l'ONU un accordo per la realizzazione di una stazione radio, in Congo, in grado di garantire imparzialita' e rigore nel periodo precedente alle elezioni. Cosi' quattordici giornalisti congolesi, stipendiati dall'ONU hanno incominciato, nella capitale del Congo, a trasmettere musica, sport, ma soprattutto notizie 24 ore su 24, con otto stazioni regionali collegate in rete da una ventina di trasmettitori. La popolazione, poco alla volta, si e' resa conto che i giornalisti raccontano la verita' e non si tirano indietro mai, nemmeno, ad esempio, per denunciare i centocinquanta caschi blu accusati di pedofilia, prostituzione e stupri nell'est del paese...

La situazione in Congo non e' facile; si auspica che le nuove elezioni sappiano portare una pace definitiva e permanente; la radio aiuta la gente a capire, e a sperare...

Nonostante la guerra sia ufficialmente finita del 2003 in alcune zone del Paese i civili sono ancora sottoposti a violenze da parte delle milizie locali che si rifiutano di entrare a far parte di un esercito regolare...
La radio trasmette ogni notizia: infermieri e medici che minacciano di scioperare perche' non pagati da mesi; disordini delle brigate militari; saccheggiamenti di miniere e poi musica e sport e ancora notizie di ogni genere, notizie 24 ore su 24... nell'attesa della pace!

Il figlio del Presidente ucciso, al contrario del padre, dice di volere la pace!
In giugno si votera'...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)