Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi
    Fare del "pacifismo attivo" si può... anche in agosto!

    Ricordare sì i morti a Hiroshima e a Nagasaki – ma senza dimenticare quelli nei teatri di guerra italiani di oggi

    Il 71° anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima è stato ricordato a Roma ieri con una cerimonia bella ma in gran parte dimentica delle guerre odierne in cui l'Italia sta disseminando morte e distruzione. A ricordare ai partecipanti che la pace richiede un impegno attivo costante – qui ed ora – ci hanno pensato invece alcuni attivisti di Rete NoWar-Roma.
    .
    6 agosto 2016 - Patrick Boylan
  • City of Hiroshima Peace Declaration

    City of Hiroshima Peace Declaration

    6 agosto 2016 - Roberto Del Bianco
  • Tante parole nessuna azione?

    Tante parole nessuna azione?

    Nell'imminenza della visita di Obama a Hiroshima e al suo mausoleo, la testimonianza di una sopravvissuta sottolinea come le parole del Presidente non hanno mai dato seguito ai fatti.
    20 maggio 2016 - Roberto Del Bianco
  • Presidente Obama, non ci vada a mani vuote!

    Nell'imminenza della visita di Obama nella città di Hiroshima, un appello a tutti gli operatori di pace: un invito a spedire un messaggio alla Casa Bianca perché il suo viaggio non porti solo parole.
    Presidente Obama, non vada a Hiroshima a mani vuote!
    11 maggio 2016 - Roberto Del Bianco
Come tutti gli anni, durante le celebrazioni dell'anniversario della "bomba": il sindaco di Hiroshima ha esposto il suo discorso di "Dichiarazione di pace"

Hiroshima Peace Declaration 2006

Sessantuno anni più tardi, il numero delle nazioni affascinate dal male e schiave delle armi nucleari sta crescendo. La famiglia umana si trova ad un bivio. Tutte le nazioni saranno schiave? O tutte le nazioni si libereranno di questa schiavitù? Questa scelta pone un’altra domanda. E’ accettabile per le città, e specialmente per i bambini innocenti che le abitano, essere gli obiettivi di armi nucleari?
La risposta è evidente, e gli ultimi sessantuno anni ci hanno mostrato la strada verso la liberazione.
29 agosto 2006 - Akiba Tadatoshi (Sindaco di Hiroshima e presidente, assieme al Mayor di Nagasaki, della Campagna Mayors for peace)

A-Bomb Dome - Hiroshima Radiazioni, calore, esplosioni e i loro effetti sinergetici hanno creato un inferno sulla terra. Sessantuno anni più tardi, il numero delle nazioni affascinate dal male e schiave delle armi nucleari sta crescendo. La famiglia umana si trova ad un bivio. Tutte le nazioni saranno schiave? O tutte le nazioni si libereranno di questa schiavitù? Questa scelta pone un’altra domanda. E’ accettabile per le città, e specialmente per i bambini innocenti che le abitano, essere gli obiettivi di armi nucleari?
La risposta è evidente, e gli ultimi sessantuno anni ci hanno mostrato la strada verso la liberazione.

Da un inferno per cui nessuno avrebbe potuto biasimarli se avessero scelto la morte, gli hibakusha sono andati avanti, hanno scelto la vita e il futuro. Convivono con ferite e malattie che divorano corpo e mente, esperienze di cui hanno parlato costantemente. Non si sono piegati di fronte a discriminazioni, diffamazioni e derisione, ma hanno continuato a ricordarci che “nessun altro dovrebbe mai soffrire come noi abbiamo sofferto”. Le loro voci, raccolte da uomini di coscienza in tutto il mondo, stanno diventando un coro di massa autorevole.

Lo slogan è “Il solo ruolo rimasto alle armi nucleari è quello di essere abolite”. Eppure, i leader politici mondiali continuano ad ignorare queste voci. L’opinione consultiva della Corte di Giustizia Internazionale, pronunciata dieci anni fa, sorta dalla volontà e dall’azione creativa della società civile globale, avrebbe dovuto essere uno strumento altamente efficace per illuminare e guidare i leader politici verso la verità.
La Corte trovò che “...la minaccia o l’uso delle armi nucleari sarebbe generalmente contraria alle regole della legge internazionale”, proseguì dichiarando: “Esiste un obbligo di perseguire e concludere in buona fede negoziati che portino al disarmo nucleare in tutti i suoi aspetti sotto stretto ed effettivo controllo internazionale”.

Monumento al Peace Memorial Park Se gli Stati che possiedono armi nucleari avessero preso l’iniziativa e avessero cercato in buona fede di ottemperare a quest’obbligo, le armi nucleari sarebbero già state abolite. Sfortunatamente, negli ultimi dieci anni, la maggior parte delle nazioni e dei popoli hanno fallito nel prendere in mano la situazione e rispondere a quest’obbligo. Rimpiangendo di non aver fatto di più, la Città di Hiroshima, insieme con Sindaci per la Pace, le cui città membro sono aumentate a 1403, lancia la II Fase della nostra 2020 Vision Campaign. Questa fase comprende la Good Faith Challenge (Sfida della Buona Fede, ndt.), una campagna per promuovere negoziati per il disarmo nucleare all’insegna della buona fede, secondo le indicazioni dell’opinione consultiva della Corte di Giustizia Internazionale, e il progetto Cities Are Not Targets (Le Città non sono un obiettivo, ndt.), che chiede che gli stati che possiedono armi nucleari cessino di puntare alle città come obiettivi di attacco nucleare.

Le armi nucleari sono illegali, sono armi immorali progettate per cancellare intere città. I nostri obiettivi sono di svelare le illusioni che stanno dietro alla “teoria del deterrente nucleare” e all’”ombrello nucleare”, che tiene in ostaggio le nostre città, e di difendere il diritto dei nostri cittadini alla vita, da un punto di vista legale e morale.

A guidare questo sforzo è la Conferenza Americana dei Sindaci, che rappresenta 1139 città americane. Al suo incontro nazionale, nel giugno scorso, la Conferenza ha votato una risoluzione che richiede che tutti gli stati possessori di armi nucleari, compresi gli Stati Uniti, cessino immediatamente di considerare le città degli obiettivi per attacchi nucleari.
Le città e i cittadini del mondo hanno il dovere di liberare la pecorella smarrita da questa maledizione e liberare il mondo dalle armi nucleari. E’ giunto il momento per tutti noi di scuoterci e sollevarci, con una volontà che possa spezzare la roccia e una passione che bruci come fuoco.

Particolare del monumento a Sadako la bambina morta di leucemia 10 anni dopo lo scoppio della Bomba Io faccio appello al governo giapponese affinché rappresenti gli hibakusha e tutti i cittadini e porti avanti una campagna globale che con forza insista perché tutti gli stati possessori di armi nucleari “aprano in buona fede negoziati per il disarmo nucleare”. A questo scopo, chiedo che il governo rispetti la Costituzione di Pace della quale dovrebbe essere orgoglioso. Inoltre richiedo una più generosa e attenta assistenza, appropriata alle reali situazioni legate all’invecchiare degli hibakusha, compresi coloro che vivono oltre oceano e coloro che sono stati esposti alle “aree delle piogge acide”.

Per consolare le molte vittime i cui nomi restano ignoti, quest’anno per la prima volta abbiamo aggiunto le parole “Molti ignoti” al libro dei nomi delle vittime collocato nel cenotafio. Umilmente preghiamo per il sereno riposo delle anime di tutte le vittime della bomba atomica e per un futuro di pace e di armonia per la famiglia umana.

6 Agosto, 2006

Tadatoshi Akiba
Sindaco

La Città di Hiroshima

Note:

Tradotto da Paola Merciai per Peacelink.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)