Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Istituzioni Locali e Associazioni di Pace in missione in Iraq

Nell’Estate del 2006, nel corso di quattro giorni nell’Isola di Pianosa, venne organizzato un tavolo di discussione e progettazione tra delegazioni di Istituzioni e Associazioni Italiane e rappresentanti Iracheni per la definizione delle priorità di intervento e di cooperazione in favore della ricostruzione dell’Iraq nel dopoguerra...
14 marzo 2008

Halabja: Il mausoleo a ricordo delle vittime della strage del 16 marzo 1988, che Saddam Hussein fece bombardare con armi chimiche causando 5000 morti. La foto è scattata il 15 marzo 2006; il giorno dopo viene distrutto nel corso di una manifestazione vio

Nell’Estate del 2006, nel corso di quattro giorni nell’Isola di Pianosa, venne organizzato un tavolo di discussione e progettazione tra delegazioni di Istituzioni e Associazioni Italiane e rappresentanti Iracheni per la definizione delle priorità di intervento e di cooperazione in favore della ricostruzione dell’Iraq nel dopoguerra. L’incontro portò al c.d. “Documento di Pianosa” articolato in cinque punti di intervento (1. Soluzione del conflitto ed Educazione alla Pace, 2. Cooperazione per la salute e servizi socio-sanitari, 3. Politiche per la legalità e la democrazia, 4. Politiche riguardanti la condizione femminile e le pari opportunità, 5. Politiche per lo sviluppo economico) che ha condotto alla definizione di svariati progetti in materia sanitaria, curati dal Ministero della Sanità e dall’Ospedale Pediatrico Mayer di Firenze, e in materia di sicurezza.

In rispetto del “promuovere un cambiamento culturale rivolto alla convivenza pacifica (…) avviare intensi rapporti con le istituzioni (…) allo scopo di facilitare le relazioni fra le diverse etnie anche realizzando eventi d’incontro.” previsto dal punto 1 del documento di Pianosa una delegazione Italiana mista di Rappresentanti delle Amministrazioni locali e delle Associazioni di pace parteciperà al convegno internazionale “Dal Genocidio alla cultura di Pace” previsto per i giorni 16,17,18 marzo 2008 nella città di Sulemanya con interventi mirati al superamento del conflitto inter-etnico e alle strategie di peace-keeping.

Saranno così in Iraq: Fulgida Barattoni, membro del Board di IPB di Ginevra e past President di IPB-Italia, Alberto Barbero, vicepresidente di AssoKipling e Membro del Comitato scientifico di IPB-Italia, Pol Dhuyvetter, funzionario della campagna “Vision 2020” di Mayors for Peace, Eleonora Mappa, Associazioni di Volontariato di Campi Bisenzio, Dante Marchionni, Assessore alle politiche di Pace del Comune di Campi Bisenzio in rappresentanza del Sindaco di Campi Bisenzio, Andrea Misuri, IPB-Italia, Jessica Scambiato, reporter, Attilio Sigona, in rappresentanza del Sindaco di Pozzallo.
La delegazione sarà accompagnata da Gulala Salih, Responsabile di IPB-Italia per i rapporti con l’Iraq e il medio oriente e Nadim Rashid Rapresentante della Comunità Kurda In Italia , che dall’Italia hanno coordinato i contatti con l’Iraq e hanno reso possibile questo importante evento.

Articoli correlati

  • Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate
    Disarmo

    Il volto del neo ministro della Difesa Elisabetta Trenta: dalla guerra per esportare la democrazia agli affari privati nelle zone occupate

    vista la sua lunga esperienza nei paesi in cui abbiamo “esportato la democrazia” con la guerra, il riferimento alla democrazia partecipata assomiglia più ad un suo uso strumentale per ottenere una legittimazione puramente esteriore o ad un consenso artificiale
    6 giugno 2018 - Rossana De Simone
  • Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov
    Pace

    Siria, cercasi un nuovo Stanislav Petrov

    “Sono convinto che oggi il settore R&S (ricerca e sviluppo) della nonviolenza debba fare grandi passi avanti” (Alexander Langer 1991)
    13 aprile 2018 - Alessio Di Florio
  • Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace
    Pace
    Jalal Talabani non è stato soltanto, fino al 2014, il Presidente della Repubblica dell’Iraq. E’ stato il garante istituzionale di un Paese nato esattamente un secolo fa.

    Jalal Talabani, un peshmerga, un leader, un uomo di pace

    E’ trascorsa una settimana dal Referendum - così a lungo atteso - per l’indipendenza del Kurdistan Iracheno. Oggi la notizia della morte di Jalal Talabani. I due eventi, casualmente così ravvicinati, sembrano concatenarsi in una sequenza simbolica di passaggio di testimone.
    4 ottobre 2017 - Andrea Misuri
  • Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino
    Pace

    Il filo rosso dei deboli e degli indifesi di Dino

    Ma si riuscirà mai, per dirla con don Lorenzo Milani, a far strada agli impoveriti senza farsi strada? Portare al centro della politica gli ultimi, gli emarginati, gli impoveriti, i lavoratori, chi lotta contro le ingiustizie, le mafie, la disumanità e la barbarie delle guerre, facendo quanti più passi indietro perché siano loro a farne almeno una volta, almeno uno, avanti? Ma non sarebbe quasi ora di domandarsi, anche se non so quanti hanno fratelli che sono figli unici, se siamo ancora convinti che esistono gli sfruttati, i malpagati, i frustati, i calpestati e gli odiati e la vicinanza/distanza da loro?
    2 giugno 2017 - Alessio Di Florio

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.2 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)