Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ehren Watada ha vinto la sua battaglia contro una guerra illegale

Quell'ufficiale americano che ha dichiarato "obiezione di coscienza" alla guerra in Iraq

"E' mia conclusione, come un ufficiale delle forze armate, che la guerra in Iraq non solo è moralmente sbagliata, ma una terribile violazione della legge americana", aveva dichiarato.
23 gennaio 2010

Ricordate la storia del tenente dell'esercito statunitense Ehren Watada che si era rifiutato di partecipare alla guerra in Iraq perchè ritenuta illegale e criminale? No war


"E' mia conclusione, come un ufficiale delle forze armate, che la guerra in Iraq non solo è moralmente sbagliata, ma una terribile violazione della legge americana. Anche se ho provato a rassegnare le dimissioni in segno di protesta, sono costretto a partecipare a una guerra che è manifestamente illegale. Poiché l'ordine di partecipare a un atto illegale è in definitiva illecito, devo rifiutare l'ordine ".

Ehren Watada: io non voglio essere un criminale di guerra
http://www.peacelink.it/pace/a/20293.html

Dopo tre anni di tentativi (2006-2009) per farlo condannare dalla corte marziale l'esercito di Fort Lewis ha deciso di accettare le dimissioni del tenente Watada.
Ken Kagan, uno degli avvocati di Watada, ha dichiarato che il tenente Watada aveva già presentato le sue dimissioni in più di una occasione, ma ogni volta era stata respinta. "Questa volta però è stata accettata. A quanto pare solo quando l'esercito si è reso conto che non poteva sconfiggere il tenente Watada in un'aula di tribunale".

"Siamo molto felici per Ehren, ha detto Seth Manzel, un veterano dell'Iraq che gestisce un bar caffè. Pensiamo che questa è la prova che le persone possono seguire la propria coscienza e che non si può essere puniti per questo."

Quella di Watada non è stata una obiezione di coscienza contro tutte le guerre, ma si è basata sulla sua convinzione che la guerra in Iraq fosse illegale come le uccisioni di massa di civili a Falluja e altrove, l'uso del fosforo bianco contro i civili, gli abusi sui prigionieri di Abu Ghraib e altri crimini di guerra.

Ma esiste una guerra giusta? Può esistere una obiezione di coscienza selettiva?

Il Selective Service Act http://www.infoplease.com/ce6/history/A0844347.html fornisce lo stato di obiettore di coscienza a coloro che si oppongono a tutte le guerre per motivi di coscienza morale. Ma gli obiettori non possono scegliere le loro guerre. Amnesty International afferma che vi è un diritto all' "obiezione selettiva" e che coloro che sono stati puniti per essersi rifiutati di partecipare a una guerra che ritengono immorale sono "prigionieri di coscienza".

Ci sono circa 250 soldati che hanno disertato la guerra e che sono prigionieri o sono fuggiti in altri paesi. Nel mese di aprile 2009 l'esercito ha condannato Clifford Cornell, un oppositore che è stato costretto a lasciare il suo rifugio in Canada, a dodici mesi in un carcere militare.

L'amnistia per tutti i resistenti alla guerra dipenderà dalla lotta più grande di portare a casa le truppe e porre fine alle guerre illegali, all'occupazione in Iraq e in Afghanistan. Si deve indagare sui funzionari di alto livello che sono responsabili di crimini di guerra. E vergognoso che i responsabili delle guerre e dei suoi crimini siano ancora in libertà mentre i resistenti vengono perseguitati.

http://www.thenation.com/doc/20091109/brecher_smith

Articoli correlati

  • Ti ricorderemo, Gino Strada
    Pace
    Un mese fa moriva Gino Strada

    Ti ricorderemo, Gino Strada

    Ha lasciato un segno nella Storia e nelle nostre coscienze, ci ha esortato a credere in un futuro senza guerre. Lavorava, soffriva per quello che vedeva e si interrogava.
    10 settembre 2021 - Maria Pastore
  • L'esportazione della democrazia e Gino Strada
    Pace
    Afghanistan

    L'esportazione della democrazia e Gino Strada

    Nessuno gli ha dato ascolto, se non la povera gente di cui ha guarito le ferite senza fare distinzione alcuna. Quello che sta succedendo è la bancarotta morale dell'Occidente.
    17 agosto 2021 - Gianfranco Mammone
  • La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange
    Pace
    Non uccidere il messaggero

    La debacle in Afghanistan mostra che avremmo dovuto ascoltare, non criminalizzare, Julian Assange

    Il fondatore di Wikileaks ci aveva da tempo avvertito che in Afghanistan le truppe USA/NATO non stavano “guadagnando le menti e i cuori” della popolazione; anzi, si stavano facendo odiare. Ma il messaggio non è stato ascoltato e il messaggero è ora in prigione in attesa di giudizio.
    17 agosto 2021 - Patrick Boylan
  • Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?
    Cultura
    Sul programma televisivo "La Caserma"

    Quando inizia il reality sulla nonviolenza? La prossima settimana?

    Quello che propongono i media a mo' di gioco, nella realtà è molto, molto più triste. Cosa vogliamo raccontare ai nostri ragazzi, la finzione o la realtà?
    26 maggio 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)