Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Da Selma a Montgomery. I filmati originali delle marce per la libertà

#SelmaMarches. Il 7 marzo 1965, nel Sud degli USA, la polizia aveva caricato la marcia non violenta degli afroamericani. Martin L. King chiese aiuto al popolo
8 marzo 2015

Il diritto di marciare per la democrazia

L'emozionante filmato di Stefan Sharff, che documentò la marcia nonviolenta Selma - Montgomery partita ll 21 marzo 1965 da Selma, negli Stati Uniti, per difendere il diritto di voto. Più avanti, il filmato del corteo del 7 marzo caricato dalla polizia. 

Quel 7 marzo di sangue sull'Edmund Petton Bridge

Negli Stati del Sud, come l'Alabama, l'eguaglianza degli afroamericani era lontana, e ad ogni richiesta di scrizione ai registri elettorali veniva opposta ogni  possibile forma di ostruzionismo.  

I fatti del 7 marzo - giornata poi indicata come "Bloody Sunday" - avevano destato grande impressione nel paese. La polizia locale e federale aveva caricato e inseguito a cavallo cittadini inermi che manifestavano tra cui donne e bambini, usando lacrimogeni, ferendo 58 persone e accanendosi in particolare contro donne come l'attivista locale Amelia Boyton Robinson. Poco dopo quella domenica la situazione si aggravò con l'uccisione del giovane Jimmie Lee Jackson, che aveva partecipato con la famiglia ad una pacifica dimostrazione tenutasi lontano dalle telecamere. 

Martin Luther King, che quel giorno non era presente, raggiunse Selma e tenne un discorso nella Brown Chapel, invitando tutto il paese a reagire. Chi aveva premuto il grilletto non lo aveva fatto da solo, disse il reverendo King, chiedendo a bianchi e neri di accorrere a Selma: non si poteva non intervenire a sostegno dei diritti umani e della giustizia. Il 7 marzo 1965, a Selma, la polizia si accanì  in particolare contro l'attivista Amelia Boyton Robinson, in testa al corteo non violento

In pochi giorni a Selma si raccolsero 2500 persone. Ma non fu facile arrivare alla marcia del 21 marzo, attraversare quell'Edmund Pettus Bridge dove in una seconda occasione ci si era nuovamente fermati, questa volta per i timori dello stesso Luther King.

Ma infine la marcia Selma - Montogomery partì.

La strada per ottenere l'eguaglianza fu ancora lunga. Prima dell'inizio della marcia e poche ore dopo l'arrivo a Montgomery e il discorso conclusivo, la rabbia razzista uccise un sacerdote e Viola Gregg Liuzzo, entrambi bianchi accorsi dopo l'appello di M. L. King. Ma quella marcia di 80 chilometri si svolse e i cittadini furono protetti dallo Stato, così come richiesto e ottenuto grazie ad una sentenza e infine all'intervento del Presidente degli Stati Uniti. Si svolse con migliaia di partecipanti e un eccezionale spiegamento di forze, ma quei cinque giorni rappresentarono comunque un evento straordinario. Qualche mese dopo, Lyndon Johnson firmò il Voting Rights Act (6 agosto 1965), che vietava in modo esplicito ogni discriminazione razziale contro il diritto di voto.

Note: Altre notizie sul movimento dei diritti degli afroamericani:
- FURIO COLOMBO ricorda il contributo di Jessie Jakson, Joan Baez, Bob Dylan
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/12/selma-quello-che-il-film-non-puo-dare/1416120/

- Il lungo lavoro di Amelia Robinson a Selma
http://www.movisol.org/15news053.htm

Articoli correlati

  • Alcune franche parole nell'anniversario del rogo dei libri del 10 maggio 1933 a Berlino
    Cultura
    Oggi Internet rischia di promuovere la barbarie, per bruciare in altro modo i libri

    Alcune franche parole nell'anniversario del rogo dei libri del 10 maggio 1933 a Berlino

    I libri sono il modo con cui gli esseri umani possono dialogare al di la' delle distanze spaziali e temporali e proseguire il cammino che dall'ignoranza porta alla verita', che dalla solitudine porta all'incontro, che dal regno della necessita' porta al regno della liberta'.
    10 maggio 2020 - Peppe Sini
  • Schede
    Canzone di Bob Dylan

    Blowin' in the wind

    Divenne l'inno del movimento della pace degli anni Sessanta. Si riporta il testo trodotto in italiano e il video
  • Schede
    Breve scheda

    Linus Pauling (1901-1994)

    Premio Nobel per la chimica nel 1954 e premio Nobel per la pace nel 1962, si impegnò contro la guerra e gli esperimenti atomici.
    Peppe Sini
  • Schede
    Breve scheda

    Claude Eatherly (1918-1978)

    Partecipò allo sgancio della bomba di Hiroshima nel 1945. Negli anni successivi visse nell'angoscia e, dopo aver rifiutato una elevatissima pensione offerta dal governo americano, scrisse una lettera di scuse ai superstiti di Hiroshima.
    5 aprile 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)