Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

DISARMISTI ESIGENTI:

"Appello al Presidente del Consiglio Matteo Renzi" di Alfonso Navarra

Laura Tussi3 dicembre 2016

L’Italia voti a New York  - il 5 dicembre 2016 (Assemblea generale dell’ONU) - e New York 2017 (Conferenza ONU) sostenendo la posizione del Parlamento Europeo per il bando delle armi nucleari

Appello dei DISARMISTI ESIGENTI

Appello al Presidente del Consiglio Matteo Renzi

E pc Ambasciatore dell’Italia all’ONU

E pc deputati e senatori del Parlamento italiano

 

Gentile Presidente del Consiglio,

 

il 27 ottobre 2016 un gruppo di Stati è riuscito a fare passare, nella Prima Commissione Disarmo delle Nazioni Unite, nel corso dell'Assemblea  Generale che si sta tenendo in questi giorni a New York, una risoluzione che di fatto avvia il percorso verso il disarmo nucleare totale: l'oggetto è avviare negoziati nel 2017 per un nuovo trattato che vieti le armi nucleari. Gli Stati che hanno preso l'iniziativa sono il Messico, l'Austria, l'Irlanda, il Brasile, la Nigeria e il Sud Africa.

Il testo della risoluzione, nota come L 41, (andamento del voto: per il SI 123 Stati, per il NO 38, e si sono astenuti in 16) è possibile rinvenirlo al seguente link:

http://www.icanw.org/wp-content/uploads/2016/09/71UNGA-Taking-Forward-DRAFT-RESOLUTION-28-SEPTEMBER-2016.pdf?mc_cid=f9972d09a3&mc_eid=e389d6899e

Questo documento è il frutto dei lavori dell'OEWG (gruppo di lavoro aperto dell’ONU) di Ginevra, conclusosi il 19 agosto e di tutto il precedente "percorso umanitario" (Conferenze di Oslo, Nayarit e Vienna). In esso - possiamo considerarlo una "svolta storica" - è apparso evidente che la maggioranza degli Stati ha espresso un orientamento disarmista esplicito e convinto.

Ovviamente una dura opposizione a questa risoluzione è stata portata avanti dagli Stati dotati di armi nucleari, che hanno disertato Ginevra e sono stati sempre unitissimi sull'approccio, detto  "step by step", rivelatosi alla prova dei fatti fallimentare. Anche se proprio in Prima Commissione Disarmo si è registrata, il 27 ottobre – è una novità - l'importante astensione di Cina, India e Pakistan. (E dobbiamo citare anche il sorprendente voto della Corea del Nord a Favore).

Il voto di conferma all'ONU in sessione plenaria sulla risoluzione è previsto per  il 5 di dicembre. Dopo di che avremo il vero e proprio momento della verità: la Conferenza ONU che deve tenersi nel 2017, con inizio a marzo, il 27 marzo, a New York, avente il compito preciso  di negoziare uno "strumento giuridicamente vincolante per vietare le armi nucleari, che porti verso la loro eliminazione totale".  I negoziati continueranno con una seconda sessione nel mese di giugno e luglio.

La svolta storica negli sforzi globali per liberare il mondo dalle armi nucleari è lì lì ad un passo e ciascun Paese è gravato della responsabilità di far pendere la bilancia dal lato giusto della Storia. Dal lato della sopravvivenza dell’Umanità minacciata dalla “deterrenza” che prima o poi potrebbe sfociare in un conflitto anche solo “per errore o per follia”.

Vorremmo sottolineare il fatto che la finalità di un Trattato Internazionale di Proibizione delle Armi Nucleari non è, in un primo tempo, quella di ottenere l’adesione degli Stati dotati di armi nucleari (o dei loro alleati), cosa evidentemente poco realista, ma quella di stabilire un nuovo quadro giuridico nel quale si porrà necessariamente ogni ulteriore negoziato in vista dell’eliminazione effettiva di queste armi. In effetti, non si tratterà più di negoziare su delle armi “semplicemente” molto più potenti delle altre, ma di negoziare una CONVENZIONE DI ELIMINAZIONE EFFETTIVA per delle armi rese ILLEGALI  da un Trattato Internazionale d’interdizione di tali armi mostruose.

Quello che, gentile Presidente,  Le chiediamo in relazione alla Sua precisa responsabilità istituzionale è di posizionare il governo italiano più intelligentemente e coerentemente con l’atteggiamento ufficiale – e “tradizionale“ - di “mediare tra Stati nucleari e Stati non nucleari”. Questa “mediazione”, se ci riflette bene prendendo in considerazione le argomentazioni che le abbiamo fin qui esposto, in particolare quella che si riferisce alla proibizione come propedeutica all’aliminazione, oggi può realizzarsi non certo accodandosi, come Italia, con il voto alle potenze nucleari, come è purtroppo avvenuto il 27 ottobre, ma con l'impegno concreto, da tutti proclamato, per un mondo libero dalle armi nucleari. Un impegno che oggi può partire concretamente dal sostegno dell'iniziativa in corso all'ONU per un Trattato di interdizione degli ordigni nucleari, preparatorio, appunto, di una Convenzione che porti alla loro effettiva eliminazione. O almeno, non mettendosi subito di traverso, cioè ad esempio imitando, con l’astensione nel voto di dicembre, l’Olanda, Paese che come l’Italia fa parte della “condivisione nucleare NATO”.  L’Italia, che nel 2017 sarà Stato membro (temporaneo) del Consiglio di Sicurezza,  può e deve però giocare un ruolo disarmista concreto ed attivo, se possibile già a partire dal voto di dicembre in Assemblea Generale, ma specialmente all'interno della Conferenza internazionale indetta per il 2017.

Sarebbe necessario, in preparazione di tale appuntamento del marzo 2017 a New York, un vero coinvolgimento parlamentare in un dibattito pubblico approfondito che focalizzi bene come il nostro Paese può ricavare onore e prestigio nella congiuntura storica che si va delineando, in cui cambiano i parametri geopolitici ma in cui soprattutto si edificano strutture valoriali e di civiltà garanti dell’unico futuro pacifico possibile.

Alcuni esponenti parlamentari  Le indicano la strada. Segnaliamo che sono già state presentate due mozioni, una alla Camera e una al Senato, che riteniamo vadano nella direzione da noi auspicata del bando giuridico, per l'intanto, delle armi nucleari. Quella della Camera ha come prima firmataria Donatella Duranti, quella del Senato Roberto Cotti.

Ma un altro dato su cui Ella potrà riflettere per essere stimolati anche tatticamente al "proibizionismo" contro il nucleare è la posizione praticamente quasi unanime degli eurodeputati per il bando delle armi nucleari al di là del voto (e non voto) sulle mozioni presentate dai diversi gruppi politici, discordanti sul ruolo da attribuire alla Russia. Le principali famiglie politiche rappresentate al Parlamento Europeo, i popolari ed i socialisti, hanno fatto passare, proprio il 27 ottobre 2017, una loro risoluzione comune con  415 voti favorevoli (per la cronaca, 124 voti contro e 74 astensioni): si invitano  tutti gli Stati membri dell'Unione europea a "partecipare in modo costruttivo" ai negoziati ONU del prossimo anno.  (Per il testo in italiano della risoluzion edel PE si vada su: http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+MOTION+P8-RC-2016-1122+0+DOC+XML+V0//IT).

In conclusione, il disarmo nucleare è uno dei principi fondanti delle Nazioni Unite ed è stato l’oggetto della prima risoluzione adottata dall’Assemblea Generale.

L’Italia, specialmente dalla posizione di membro del Consiglio di Sicurezza, dovrebbe essere orgogliosa di promuovere l’obiettivo di un mondo privo di armi nucleari passando per la tappa della loro proibizione giuridica nel solco della giusta volontà dei Paesi che costituiscono la comunità internazionale.

 

Per i "disarmisti esigenti" (dall'appello di Stéphane Hessel ed Albert Jacquard ad "esigere" un disarmo nucleare totale, vai su www.petizioni24.com/esigiamo)   Alfonso Navarra - Fermiamo chi scherza col fuoco atomico (www.osmdpn.it) Antonia Sani e Giovanna Pagani (WILPF Italia) Luigi Mosca (Armes Nucléaires STOP) - Mario Agostinelli (Energia Felice) Alex Zanotelli - missionario comboniano

Adesione di articolazioni locali di IFOR (MIR Palermo) e WRI (LOC), Accademia Kronos, Peacelink, LDU, la Scuola di Nonviolenza, il Centro per la pace ed i diritti umani, Pressenza

Articoli correlati

  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I partigiani della pace
    Storia della Pace
    Un soggetto politico, strumento di partecipazione, informazione politica e culturale per i popoli

    I partigiani della pace

    Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri
    8 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)