Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

DENUNCIA:

VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica

Nel luglio 2014, in piena aggressione bellica contro Gaza (“Margine protettivo”, 2000 vittime), l’Italia permise l’ invio dei primi 30 caccia M-346 prodotti a Varese
Laura Tussi21 aprile 2017

VARESE: minacciato di archiviazione l'esposto contro la vendita di aerei da guerra finmeccanica

Nel luglio 2014, in piena aggressione bellica contro Gaza (“Margine protettivo”, 2000 vittime), l’Italia permise l’ invio dei primi 30 caccia M-346 prodotti a Varese.

  NO VENDITA ARMI

Papa Francesco dice ormai da molto tempo che è in corso la terza guerra mondiale. In occasione dei recenti attentati in Egitto è andato oltre e ha condannato non solo gli esecutori degli attentati ma anche i produttori e i venditori di armi. Le bombe che cadono sulla popolazione dello Yemen, dell’Afghanistan, della Siria, a Gaza e altrove sono fabbricate anche in Italia, così come gli aerei che le sganciano.

Nell’Agosto 2014 cinque cittadini, esponenti del comitato varesino “NO-M346 a Israele”  , hanno presentato una denuncia all’ Autorità giudiziaria perché indagasse sulla vendita di 30 aerei M346 allo stato israeliano da parte di Alenia Aermacchi (oggi Leonardo). I primi due esemplari del velivolo sono stati consegnati ad Israele il giorno successivo all’ inizio dei bombardamenti sulla popolazione di Gaza, che hanno provocato oltre 2000 morti, tra cui oltre 500 bambini, migliaia di feriti e invalidi, distruzioni di case e infrastrutture.

La legge italiana vieta la vendita di armamenti a Stati belligeranti o ritenuti responsabili di crimini di guerra e contro l’umanità. Israele è stato ritenuto responsabile di crimini di guerra in numerosi documenti internazionali (rapporti di Human Rights Watch, rapporto Goldstone, Amnesty International etc.).

La Procura della Repubblica di Varese in data 24 maggio 2016, ha chiesto l’archiviazione del procedimento ritenendo di non poter sindacare al legittimità dell’autorizzazione ministeriale all’esportazione degli aerei, affermando, tra l’altro, che la posizione dello Stato di Israele sarebbe inquadrabile nel diritto di autotutela riconosciuto agli Stati dall’art. 51 della Carta dell’ONU

Ciò non è condivisibile in quanto le operazioni “Piombo Fuso” (2008),“Pilastro di difesa” (2012) e “Margine protettivo” (2014) realizzate da Israele nel territorio di Gaza, oltre ad aver provocato migliaia di vittime civili non costituiscono risposta proporzionata ad un attacco esterno. Per questa ed altre ragioni, i denuncianti hanno proposto opposizione e il GIP Dott. Alessandro Chionna ha fissato l’udienza per la decisione al 9 maggio p.v..

 

A disposizione, su richiesta (nessunm346xisraele@gmail.com ): 

- esposto alla Procura (agosto 2014)

- atto di opposizione (13 giugno 2016) alla richiesta di archiviazione (3 giugno 2016)

 

firmatari dell’ esposto alla Magistratura

 

Filippo Bianchetti

Fiorella Gazzetta

Ugo Giannangeli

Giuseppe Orlandi

Marco Varasio

 

Articoli correlati

  • Il Senato si pronuncia: "Solo la contro-violenza può fermare la violenza". Una votazione vergognosa.
    Editoriale
    Ma perché non impariamo dalla Storia?

    Il Senato si pronuncia: "Solo la contro-violenza può fermare la violenza". Una votazione vergognosa.

    Ieri il Senato ha confermato la fiducia al Governo sul decreto Ucraina (214 sì, 35 no, 0 astenuti), approvando così, in via definitiva, l’invio delle armi in Ucraina e dei soldati italiani alle sue frontiere. Eppure altre soluzioni al conflitto russo-ucraino sono possibili, come insegna la Storia.
    1 aprile 2022 - Patrick Boylan
  • Varese per la pace
    Pace
    Elenco delle realtà pacifiste di Varese e provincia

    Varese per la pace

    Questa pagina web contiene un elenco di chi è impegnato per la pace. Verrà aggiornata nel tempo per offrire una mappa e un riferimento per chiunque opera sul territorio contro la guerra e per il disarmo.
    16 marzo 2022 - Elio Pagani
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Colombia: a Feria Expodefensa la passerella indisturbata delle imprese che producono armi
    Latina
    L’evento si celebra dal 2009 nel silenzio della comunità internazionale

    Colombia: a Feria Expodefensa la passerella indisturbata delle imprese che producono armi

    La strage senza fine dei leader sociali non ha mai indotto i governi del paese a metter fine a questa assurda fiera di armi, di guerra e di morte
    17 dicembre 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)