Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Il potere è l’ombra oscura opposta all’amore universale e al femminile

Il femminile è creatività universale

Nella cittadinanza globale, le donne costituiscono la parte più fragile, ma attiva, dei tanti sud del mondo, dove vi è un pensiero al femminile con la coscienza planetaria della terrestrità umana e della solidarietà universale
Laura Tussi4 giugno 2020

Il femminile è creatività

Il potere è l’ombra oscura opposta all’amore universale e al femminile. 

Attualmente parlare di neoglobalizzazione significa saper interconnettere le etnie, le culture, i popoli che praticano cittadinanza attiva in lotte di rivendicazione di diritti, pace e disarmo e manifestazioni per la conquista di pari dignità e giustizia sociale, in concetti di responsabilità sociale che sono alla base della nonviolenza efficace.

Questa cittadinanza globale, dove le donne costituiscono la parte più fragile, ma attiva, dei tanti sud del mondo, diviene un pensiero al femminile con la coscienza planetaria della terrestrità umana e della solidarietà universale.

Il genere umano appartiene alla terra, al divenire universale dei cicli cosmici e dei cicli lunari femminili e solari maschili, come nelle primigenie simbologie mitologiche ancestrali.

La coscienza planetaria è il legame della donna e dell’uomo contemporanei con tutte le epoche trascorse e il susseguirsi degli eventi storici con il culto della madre terra, della divina potnia creatrice, nella complessità dei sintagmi celesti.

Le religioni e le culture appartenenti ai diversi popoli si incontrano, si scontrano, si incrociano sviluppando nuovi saperi e nuove elaborazioni culturali e pratiche di culto tra le fedi e le creazioni di pensiero, in un inconscio collettivo che ingenera simboli e archetipi poliedrici.

Il divenire dell’universo presiede i cicli terrestri e la terrestrità è l’idea che il genere umano diviene e è creato dall’universo e partorito da madre terra.

La cittadinanza attiva e globale sono particolari di questa totalizzante coscienza planetaria che si sviluppa nell’appartenenza ai territori terrestri, ai luoghi ancestrali, in principi di responsabilità sociale e collettiva per la tutela di madre terra.

La terra non ha bisogno di una grande nuova costituzione che la tuteli. Dopo il tragico trauma e il catastrofico epilogo della seconda guerra mondiale, che ha visto oltre 65 milioni di vittime, da Auschwitz a Hiroshima, in seguito, grazie alle lotte delle genti partigiane e resistenti contro il nazismo e il fascismo, come un sussulto di speranza sono nate le carte costituzionali, la dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, la Costituzione italiana, le carte della terra, l’agenda ONU, il TPAN, trattato Onu per la proibizione delle armi nucleari, le Cop per la tutela del clima e queste meravigliose conquiste vanno attivate, attuate e messe in pratica per alimentare una coscienza globale nelle buone pratiche di cittadinanza attiva e coscienza planetaria.

I risultati e le grandi conquiste per i diritti umani e civili e sociali, di genere e per la pace e il disarmo sono frutto di lotte di cittadini attivi che pensano universalmente, agiscono localmente e creano strategie globali che vengono attuate su scala glocale, ossia dal minimo segmento localistico al grande movimento a livello mondiale e universale. Le donne sono fonte di ispirazione e parte attiva di queste grandi lotte di nonviolenza efficace e strategica. Il principio femminile è la fecondità, la creatività, la complessità dell’intero genere umano come sosteneva il grande filosofo Carl Gustav Jung.

La donna è procreatrice non solo dell’umano, ma di luce, di idee, di opere, di attività a livello civile, sociale, culturale che prendono forma nell’animo di tutti gli esseri pensanti e trovano riconciliazioni e interconnessioni con tutti gli esseri viventi a livello planetario e universale. Il paradigma femminile è luce che si invera e prende vita dai cicli lunari e dalle metamorfosi astrali che influenzano il principio e la creatività, la complessità e la potenzialità dell’essere al femminile.

La donna, il femminile sono una grande madre terra che evolve e sviluppa vita e pensiero. Dall’universale al particolare, dal locale al glocale, dalla terra al cielo. E le teorie astrali e ancestrali sono fonte di ispirazione per la grande madre terra, la divinità terrestre e il paradigma femminile che procrea, genera luce per ricomporre l’infranto dei secoli della storia e per intessere legami di pace in ogni dimensione esistenziale planetaria. La forza della fragilità femminile può ricomporre l’infranto della storia maschile. Come sosteneva Jung, in ogni caos esiste un cosmo, come nel disordine esiste un ordine recondito. Dove l’amore impera, non esiste il desiderio di potere, tipico del principio maschile e dove il potere predomina manca l’amore.

Il potere è l’ombra oscura opposta all’amore universale e al principio femminile.

Note: Per approfondimenti, si veda il canale video:
ICAN - Siamo tutti Premi Nobel per la Pace
https://www.youtube.com/channel/UCFWikKgRr7k21bXHX3GzE9A

Articoli correlati

  • La rivincita dei vitalizi
    Editoriale
    Come mai?

    La rivincita dei vitalizi

    Forse questa vicenda potrà porci alcune salutari domande: chi controlla i parlamentari? Possono i cittadini stessi tramite Internet svolgere una funzione di monitoraggio collettivo dei lavori parlamentari per tutelare gli interessi comuni contro lobby, corporazioni e furbetti?
    26 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944
    Pace
    Fondotoce è una frazione di Verbania in Piemonte, lì sorge il “Parco della Memoria e della Pace”

    L'eccidio di Fondotoce del 20 giugno 1944

    Vennero fucilati 43 partigiani vicino al canale che congiunge il Lago di Mergozzo al Lago Maggiore. Ogni vittima ha donato la vita per la Pace e i diritti umani. Ora spetta a noi non vanificare il loro sacrificio e proprio per questo non li possiamo dimenticare.
    19 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • 2 Giugno: la Repubblica è viva!
    Pace
    Per la prima volta le donne sono chiamate alle urne

    2 Giugno: la Repubblica è viva!

    Il 2 giugno 1946 gli Italiani, usciti da uno dei peggiori periodi storici, il fascismo, il nazismo e la seconda guerra mondiale, si trovarono a decidere se mantenere una forma di stato monarchico o se diventare una Repubblica 
    1 giugno 2020 - Laura Tussi
  • L’amore per lo scrivere
    Laboratorio di scrittura
    L’umanità ama in quanto scrive

    L’amore per lo scrivere

    La scrittura è un atto d’amore per se stessi e per gli altri 
    30 maggio 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)