Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Dopo la censura dei media dello show di Santoro, ora ci riprova YouTube

“Pace Proibita”… proibita

YouTube toglie dalla circolazione il video dello show condotto lunedì sera da Michele Santoro a favore della pace. “Allora facciamola circolare privatamente!” dicono gli attivisti per la pace che erano presenti all’evento.
3 maggio 2022
Patrick Boylan

La ”Pace proibita”. Il campo pacifista squarcia l’ipocrisia dei guerrafondai

La bellissima serata a favore della pace, realizzata da Michele Santoro e Vauro Senesi e trasmessa in streaming su YouTube lunedì sera (2/5/2022) dal Teatro Ghione di Roma, doveva rimanere permanentemente sulla piattaforma statunitense, per consentire a tutti di vederla. Ma così non è stato.

Invocando una non meglio specificata violazione del diritto d’autore – forse si tratta dei due reportage, presi dal web, sulle milizie naziste in Ucraina che Santoro ha fatto vedere – la piattaforma YouTube ha tolto dalla circolazione l’intera trasmissione della durata di tre ore. Tuttavia, tali video circolavano su da mesi nel giro ristretto degli attivisti pacifisti.

Inoltre, la rapidità dell’intervento desta forti sospetti.

Come ha potuto il detentore del copyright dei due video  sapere dell’utilizzo dei suoi video lunedì sera (non era specificato nel programma), formulare la relativa protesta, poi farla vagliare e accettare da YouTube, il tutto tra lunedì alle ore 23 e martedì alle ore 5? Un mistero che forse solo la CIA ci potrà spiegare.

Ma passiamo alla descrizione dello show.

Questa serata è stata una protesta”, ha dichiarato Santoro alla conclusione dello spettacolo, durante il quale hanno perorato la causa della pace celebrità come Elio Germano, Sabina Guzzanti, Fiorella Mannoia, Ascanio Celestini e Moni Ovadia.

Anzitutto, è stata una protesta contro la censura. Infatti, nonostante il silenzio stampa di tutti i media mainstream, la sala di quasi 500 posti era al completo e migliaia di persone seguivano l’evento in streaming. Ed anche se YouTube pensa ora di poter censurare la visione del video dell’evento, c’è da scommettere che il popolo della pace troverà la maniera di diffonderlo privatamente; un gruppo pacifista romano ci sta già lavorando.

Ma soprattutto, la serata è stata una protesta contro il Pensiero Unico imperante, quello che pretende che “per combattere la guerra, ci vuole la guerra” mentre, in realtà, “l'unica guerra giusta è quella che non si fa”, come ha ricordato Tomaso Montanari.

Come avevano preannunciato, gli attivisti di FREE ASSANGE Italia hanno fatto circolare, fuori dal teatro, il loro volantino che chiede libertà per il creatore del sito WikiLeaks, Julian Assange. “Egli ci ha fatto capire la realtà delle nostre guerre d’aggressione in Afghanistan e in Iraq,” hanno detto, “ma ora che è in prigione, chi può rivelarci le verità nascoste dietro il conflitto in Ucraina?” (Il testo del volantino si trova qui).

Ad iniziare la serata è stata la lettura di uno stupendo brano di Gino Strada contro la guerra come aberrazione. Nel pronunciare le parole di Strada, l’attore Elio Germano è arrivato ad assumere persino il modo di parlare del fondatore di Emergency – stessa pacatezza pungente, stesso tono sottovoce che sembra un grido.

A seguirlo poi, è stato il Generale Fabio Mini che ha spiegato, senza peli sulla lingua, come l’attuale conflitto in Ucraina non è una guerra tra Mosca e Kiev, ma tra Washington e Mosca, entrambi usando la terra ucraina come una sciagurata scacchiera e gli ucraini come sventurate pedine. Entrambi, cioè, pronti a darsi battaglia “fino all’ultimo ucraino.”

La soluzione? “Trattare”, ha ribadito Luciana Castellina, ricordando che, nel corso della V crociata, San Francesco ha camminato fino ad Istanbul per incontrarsi con il Sultano – considerato all’epoca un demone, come Putin oggi – e a dialogare con lui.

Particolarmente commovente è stata l’evocazione, alla fine della serata, della figura di Andrea Rocchelli da parte di Vauro Senesi, che aveva conosciuto il fotogiornalista proprio in Ucraina nel 2014 mentre entrambi documentavano – Vauro con la mattita da disegno e Andy con la macchina fotografica – le sofferenze degli ucraini russofoni del Donbass,

Alcuni interventi precedenti avevano ricordato, infatti, come dal 2014 la popolazione del Donbass sia stata bombardata ed attaccata di continuo dalle forze filo-naziste della Brigata Azov, senza che l’occidente alzasse un dito. Uno stillicidio durato otto anni, con più di 14,000 morti, e che, alla fine, ha fornito un pretesto a Putin per risolvere quel conflitto manu militari.

Ma se la mia esperienza nel Donbass mi ha insegnato qualcosa,” ha concluso Vauro – visibilmente commosso nel rievocare la morte orrenda dell’amico Rocchelli, ucciso deliberatamente dalle milizie filonaziste in quanto fotoreporter scomodo – è che “nella guerra non ci sono eroi”, solo vittime e superstiti.

Le vittime di questa guerra, poi, rischiano di essere tantissime, in tutto il mondo – Santoro ha puntualizzato durante lo show – per via della mancanza di grano e di altri prodotti di prima necessità, dovuta non solo alla guerra ma anche alle sanzioni occidentali.

Una ragione in più per insistere ora sulla ricerca della pace, non la prosecuzione della guerra. Ciò vuol dire ricercare le cause vere dello scontro e quindi gli esiti negoziali sufficienti per garantire il ritiro delle forze armate russe: (1.) protezione (ONU?) degli ucraini russofoni; (2.) neutralità (per lo meno militare) dell’Ucraina.

AGGIORNAMENTO

Nel pomeriggio del 4 maggio YouTube ha ripristinato il video della serata "Pace Proibita" che aveva tolto in precedenza.

Articoli correlati

  • Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia
    Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare
    Pace
    La classe dominante occidentale ci sta portando verso la terza guerra mondiale

    L'ipocrisia di chi non vuole una soluzione ma il predominio militare

    Sarei felice di unirmi al coro delle condanne alla Russia se, ogni volta che condanniamo il fatto — del tutto condannabile — che Mosca bombarda l'Ucraina, si aggiungesse anche: “E noi ci impegniamo a non fare mai più nulla di simile in futuro".
    3 luglio 2022 - Carlo Rovelli
  • Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore
    Pace
    E' moralmente sbagliato armare gli ucraini perché li condurrà sulla strada del disastro

    Perché non armare gli ucraini è una strategia moralmente migliore

    Se si armano gli ucraini alla fine si arrecherà un grave danno all'Ucraina. Mentre l'Occidente arma l'Ucraina, i russi reagiranno e finiranno per fare ancora più danni all'Ucraina di quanti ne siano stati fatti finora.
    3 luglio 2022 - John Mearsheimers
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)