Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

Ostaggi italiani: inopportuno farne delle icone del patriottismo o eroi del tricolore

Chi sono gli eroi dei nostri tempi?

Lo scorso ottobre, una missionaria laica, la dottoressa Annalena Tonelli, 60 anni, è stata uccisa nel Somaliland. Una donna straordinaria che operò per i poveri senza mercede alcuna. Per non parlare di Carlo Urbani, medico italiano o di padre Luciano Fulvi, assassinato nel marzo scorso nel Nord Uganda. Qualcuno ha ricordato il sacrificio dei missionari laici e religiosi, morti senz'armi?
13 giugno 2004 - padre Giulio Albanese
Fonte: Misna - Agenzia di stampa missionaria - http://www.misna.org - 11 giugno 2004

I nostri connazionali sequestrati in Iraq hanno potuto finalmente riabbracciare i loro familiari. Questa notizia fa piacere non foss’altro perché la solidarietà nei confronti di chi soffre è un precetto per ogni libera coscienza che crede nel valore sacrosanto della vita. Quale mestiere esercitassero questi signori, in quelle lontane terre devastate dalla violenza, non è ancora dato di sapere, anche se pare tentassero di sbarcare il lunario per aiutare le loro povere famiglie. Almeno così sembra. Definirli coraggiosi e temerari è dunque lecito, ma sembra inopportuno farne delle icone del patriottismo o eroi del tricolore. Senza voler indugiare in sterili polemiche, sarebbe importante cogliere la linea di demarcazione tra la missione di chi ha fatto una scelta a carattere religioso o filantropico per il bene comune e altri tipi di missione. Poco importa che si tratti di gesuiti, saveriani, comboniani, medici senza frontiere, operatori umanitari… tutti coloro che appartengono a queste realtà vivono, alcuni addirittura da decenni, nelle periferie del ‘villaggio globale’ in Africa, in America Latina, in Asia o Oceania prodigandosi per i poveri, senza peraltro che la madrepatria ­ l’Italia nella fattispecie - sembri accorgersene. Rischiano spesso la vita, vengono sequestrati o addirittura uccisi nel quasi totale disinteresse della grande stampa. Lo scorso ottobre, una missionaria laica, la dottoressa Annalena Tonelli, 60 anni, è stata uccisa nel Somaliland. Una donna straordinaria che operò per i poveri senza mercede alcuna. Per non parlare di Carlo Urbani, medico italiano dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), morto nel marzo del 2003 a causa della Sars (Sindrome respiratoria acuta grave) contro cui aveva strenuamente lottato per salvare altre vite umane. E cosa dire di padre Luciano Fulvi, assassinato nel marzo scorso nel Nord Uganda, impegnato nell’apostolato in difesa di gente disperata? Per questi veri ‘eroi’ è stato issato il tricolore? Sono stati organizzati convogli presidenziali? Sono stati celebrati funerali di Stato? No! Ma forse proprio per questo è giusto dire che siamo orgogliosi della loro testimonianza che fa onore all'Italia.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)