Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • 4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!

    4 Novembre 2017: non festa, ma lutto. 100 anni dopo Caporetto: basta guerre!

    Oltre cento anni dopo lo scoppio della prima guerra mondiale, mentre è tragicamente in corso la "terza guerra mondiale a pezzi", è ora di dire basta. Per questo sosteniamo la Campagna “Un'altra difesa è possibile”.
    1 novembre 2017 - Associazione Antimafie Rita Atria,Centro di Ricerca per la Pace e i diritti umani di Viterbo, Movimento Nonviolento, PeaceLink
  • Il caso Posco in India
    Un'acciaieria rifiutata dalla popolazione

    Il caso Posco in India

    L’aumento dei costi per l’investimento iniziale, associati alla crescita globale della produzione di acciaio e al conseguente crollo dei prezzi, ha dissuaso la Posco a continuare ad insistere sul progetto di Odisha, convincendo invece il gruppo coreano a rivolgere la propria attenzione verso altre regioni ed opportunità.
    3 marzo 2016 - Cinzia Marzo
  • India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    L'origine di un movimento di lotta per la sopravvivenza radicalmente nonviolento e guidato dalle donne contadine
    2 febbraio 2014
  • Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica
    casi F-35 e M346

    Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica

    i costi di sostentamento, il consumo di carburante o di energia, la manutenzione, la sostituzione e l’aggiornamento delle attrezzature o parti, il materiale di consumo e lo smaltimento, risultano superiori al costo dell’acquisizione del sistema d’ama
    25 marzo 2013 - Rossana De Simone
Emergenza maremoto

Mani Tese in India per individuare insieme ai partner la propria strategia di cooperazione

Nelle zone indiane colpite dal maremoto Mani Tese è presente dal 1965, occupandosi di sviluppo agricolo, piscicoltura, istruzione, appoggiando e finanziando progetti portati avanti da partner locali.
3 gennaio 2005 - Mani Tese

Il simbolo della ong Mani Tese

Nonostante la catastrofe che ha colpito il Sud-est asiatico il 26 dicembre scorso, Mani Tese ha ritenuto opportuno non annullare l’importante appuntamento di confronto con i partner indiani dell’associazione, tra cui quelli che operano nelle zone devastate dal maremoto (S.A.V.E.-Social Awareness and Voluntary Education, la Diocesi di Eluru, il Social Service Centre di Vijayawada, ASSIST, ASSEFA, Peace Trust), per discutere assieme le nuove priorità di intervento nell’area.
Andrea Branca, responsabile progetti Mani Tese in Asia, e Filippo Mannucci, presidente dell’Associazione, sono infatti atterrati ieri nello stato indiano del Tamil Nadu.

Per scavalcare la polemica sull’utilizzo dei fondi e per superare il problema del coordinamento nella gestione degli aiuti, Mani Tese ritiene fondamentale questo momento di riflessione, ancora più nell’attuale situazione d’emergenza. È essenziale che la strategia d’intervento immediata - tanto quella dei governi quanto quella delle organizzazioni non governative - debba essere decisa consultando la rete della società civile indiana, soggetto politico attivo dello sviluppo del paese, e attore essenziale anche nell’attuale contesto d’emergenza.

Inoltre, forti del nostro impegno nella regione a partire dal 1965, riteniamo che l’intervento di solidarietà verso il Sud-est asiatico non si possa fermare a questa prima fase di emergenza, e che debba continuare per tutto il periodo necessario a ricostruire il tessuto sociale ed economico di queste comunità.

Sarà necessario contribuire a riavviare le economie locali, ma soprattutto bisognerà dare a queste famiglie dignità e sicurezza, insieme con la speranza per un futuro migliore.

In queste prime settimane, rimane attiva la raccolta fondi per sostenere l’impegno immediato dei nostri partner locali, che ricordiamo che da subito si sono attivati per portare aiuti nei villaggi colpiti dal maremoto: acqua, cibo, e con una particolare attenzione ai bambini, le vittime più deboli, perché la loro condizione venga salvaguardata.

Per versamenti: C.C.P. 291278, intestato a Mani Tese, P.le Gambara 7/9, 20146 Milano.
Conto Corrente Bancario n° 40, Banca Popolare Etica, CAB 12100, ABI 05018, CIN X.
Per versamenti con carta di credito, telefonare al numero verde 800-552456.
Indicare nella causale: Emergenza Maremoto India, progetto n° 2060.

Per ulteriori informazioni:
Erica Pedone – Ufficio Stampa Mani Tese – P.le Gambara 7/9 – 20146 – Milano.
02/4075165 – fax 02/4046890 – 338/9960030.

Note:

http://www.manitese.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)