Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Un appello dall’India: ASSEFA, partner di Mani Tese chiede il nostro sostegno

13 gennaio 2005
Mani Tese

Riportiamo qui di seguito, la traduzione dell’appello giuntoci oggi da Loganathan
direttore esecutivo di ASSEFA, l’Associazione delle Fattorie Sarva Seva (Sarva Seva significa: al servizio di tutti)

“All’attenzione del presidente di Mani Tese, Milano
Carissimi,
sarete già coscienti del fatto che la calamità naturale accaduta il 26 dicembre in India, ha portato molte sofferenze alla popolazione, grandi danni alle infrastrutture e distrutto luoghi e cose. Milioni di persone sono in condizioni disperate e necessitano di assistenza immediata per la loro sopravvivenza e ricostruzione della vita quotidiana.
Sfortunatamente il 95% delle vittime dello tsunami sono comunità di pescatori e il 45% delle vittime sono donne e bambini.
Dato ciò dobbiamo agire urgentemente per mobilitare le risorse adeguate da tutte le fonti possibili, individuali, ONG e governative.

Le autorità hanno provveduto alla distribuzione di kit di soccorsi ma non hanno ancora annunciato misure di ricostruzione e riabilitazione.
Le ONG con i loro limitati finanziamenti non possono fare più delle loro capacità nell’aiuto alle vittime del disastro.

Sembra che il governo dell’India sia riluttante verso l’aiuto bilaterale, ma incoraggi le ONG a raccogliere fondi all’estero attraverso vari canali. Il Governo ha diramato una notifica alle banche per aprire conti per le ONG che non hanno la registrazione sotto il FCRA (Foreign Contribution Regulation ACT) per ricevere i fondi da altri paesi e informare successivamente il Ministero degli Interni

ASSEFA è coinvolta in attività di sviluppo rurale integrato dal 1969, orientandosi principalmente verso senza terra, donne e bambini. Il Consiglio di ASSEFA ha deciso di prendere tutte le misure di soccorso necessarie per aiutare le vittime dello tsunami in Tamil Nadu. Conseguentemente, abbiamo preparato una proposta in consultazione con le persone colpite e abbiamo sottoposto tale progetto a Mani tese la settimana scorsa.

Chiediamo a Mani Tese di cercare i fondi di cui abbiamo bisogno da tutte le fonti possibili, individui, enti locali, e governi così da poter aiutare le vittime a ricominciare la loro vita al più presto.

Cordiali saluti
S. Loganathan
Direttore Esecutivo ASSEFA”

Per versamenti per sostenere ASSEFA: C.C.P. 291278, intestato a Mani Tese, P.le Gambara 7/9, 20146 Milano.
Conto Corrente Bancario n° 40, Banca Popolare Etica, CAB 12100, ABI 05018.
Per versamenti con carta di credito, telefonare al numero verde 800-552456.
Indicare nella causale: Emergenza Maremoto India, progetto n° 2060/C.

Per ulteriori informazioni:
Erica Pedone – Ufficio Stampa Mani Tese – P.le Gambara 7/9 – 20146 – Milano.
02/4075165 – fax 02/4046890 – 338/9960030.

Note: http://www.manitese.it

Articoli correlati

  • Morte e vita dei migranti
    Migranti
    Un oblò sul nostro futuro

    Morte e vita dei migranti

    Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
    18 novembre 2021 - Lidia Giannotti
  • La formica contro l’elefante
    Ecologia
    I contadini indiani non accettano alcun tipo di compromesso né proposta di indennizzo

    La formica contro l’elefante

    Una comunità rurale della costa indiana difende la propria foresta da un gigante dell’acciaio. La stampa locale prova a richiamare l’attenzione della comunità internazionale e noi di PeaceLink accogliamo volentieri la richiesta, supportando questa collettività di attivisti, pescatori e agricoltori.
    29 novembre 2021 - Cinzia Marzo
  • India: via libera a nuova acciaieria di JSW Steel
    Economia
    E' stesso sito in cui POSCO non riuscì a creare un'acciaieria per l'opposizione della popolazione

    India: via libera a nuova acciaieria di JSW Steel

    L’impianto, da 13,2 milioni di tonnellate all’anno, sorgerà in Odisha: «Pronti a qualsiasi stanziamento»
    Marco Torricelli
  • "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"
    Legami di ferro
    Lo riferisce il sito di siderurgia Siderweb

    "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"

    In India i cittadini della regione sono contrari al progetto di Jindal e difendono l'ambiente dal rischio di deforestazione. E' previsto un taglio di un'area forestale per far posto a un maxi-stabilimento della JSW Steel da 12 milioni di tonnellate annue di acciaio
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)