Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Un oblò sul nostro futuro

Morte e vita dei migranti

Rischiamo condizioni irreversibili di ingiustizia e crudeltà. L'unico inattaccabile sul piano umano e della ragione è il comportamento dei volontari, a fronte di scelte dei governi miopi e scellerate
18 novembre 2021

Certamente molte persone vengono salvate, mentre si allontanano dai loro paesi di nascita o da quegli altri in cui sono già straniere, sfruttate e discriminate. Spesso vengono salvate appena in tempo, come accaduto il 16 di questo mese al largo della costa libica. E' difficile che manchino i morti. Anche stavolta è andata così. Hanno lasciato tra i vivi un fratello o un amico, con cui avranno parlato mille volte di futuro. Stavolta, nella stiva della barca rintracciata dalla nave Geo Barents (di Medici Senza Frontiere), sono i più giovani ad essere stati sacrificati. Sono quelli costretti in genere dai trafficanti a occupare i posti veramente rischiosi. Hanno respirato carburante. Dieci di loro sono soffocati. E i vivi avranno nuove ferite profonde da curare.

Foto di Candida Lobens, Msf, sul Manifesto del 18 novembre 2021,

Se ancora il numero di persone che riesce ad attraversare il Mediterraneo supera quello dei morti è grazie ad altre persone meravigliose, come i volontari delle organizzazioni non governative, tanti donatori e anche come chi interviene per conto dello Stato, quando viene autorizzato.

Ma non si deve rischiare di non capire: se la volontà di raggiungere l'Europa ha molte cause (guerre e terrorismo, catastrofi climatiche e fame, stupri e persecuzioni per condizioni politiche e personali) e spesso alla fuga non c'è alternativa, l'inflizione di quest'ultimo feroce supplizio dipende direttamente da decisioni dei nostri governi, come quella di non coordinare i soccorsi nel Mediterraneo, pur tenute sotto tono nel mentre ci si mette nelle mani di tiranni e di criminali.

Parliamo di governi dei Paesi più avanzati del mondo, forti di progressi quasi inverosimili in campi della conoscenza, della medicina, della tecnologia, e di secoli di storia da cui trarre insegnamento. Soluzioni immediate accettabili, per aiutare oggi alcune decine di migliaia di persone, sono possibili. Continuare a costringere i Paesi più poveri ad accogliere in emergenza milioni di persone, o renderle merce di scambio e di ricatto, senza affrontare invece uno dei fenomeni più colossali - accanto a quello dell'aumento della temperatura sulla Terra - di questi anni, in modo serio e trasparente, potrebbe condurre presto a condizioni di insicurezza, di ingiustizia e di crudeltà irreversibili. Qui dalla nostra nave Europa nessuno potrà dire che non era possibile rendersene conto.

Note: Dove leggere l'articolo del manifesto (alle condizioni indicate)
https://ilmanifesto.it/la-soccorritrice-di-msf-quei-dieci-ragazzi-uccisi-dalle-esalazioni-che-rabbia/?fbclid=IwAR3ytfSOyN0eDV9ko4TCGPs9XoVE0K-XZ_t5Fm7dX_ZaviiHyQ-mN-ntw5k

Articoli correlati

  • I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"
    Migranti
    Migranti e diritti

    I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"

    Spegnere la luce sui fatti può essere una grave violazione dei diritti umani. Ne parlano due giornaliste, un artista e un attivista
    14 dicembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Veri lager sotto i nostri occhi
    Migranti
    Discorso a Cipro

    Veri lager sotto i nostri occhi

    Dobbiamo andare contro questo vizio di abituarci alle tragedie, non possiamo abituarci all'indifferenza. Spesso ci domandiamo come sia stato possibile che fossero stati costruiti i lager del secolo scorso, ma sta accadendo oggi.
    6 dicembre 2021 - Papa Francesco
  • Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace
    Pace
    Evento online in occasione del 20 Dicembre, Giornata Internazionale della Solidarietà

    Un’immagine al futuro per la solidarietà e la pace

    Solidarietà e inclusione, diritti e benessere sono condizioni necessarie per un’idea positiva della pace, pace con diritti e con giustizia sociale
    30 novembre 2021 - Laura Tussi
  • Morti 75 migranti
    Migranti
    L’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite (Oim) ha dato la terribile notizia

    Morti 75 migranti

    «Questo è il costo dell’inazione», dice Safa Msehli dell’Oim che ricorda come da inizio anno «almeno 1300 uomini, donne, bambini sono annegati nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale».
    20 novembre 2021 - Fabio Albanese
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)