Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580

In rilievo

Motore di ricerca in
RSS logo

Olmert e i nemici del popolo

Scrive Efrat Roman su Yedoth Aaronoth "Israele ha fatto di tutto affinché Gilad Shalit rimanga prigioniero". Anche di fronte agli appelli di Noam Shalit, padre del militare israeliano catturato lo scorso 25 giugno, il governo Olmert si è arroccato su di una posizione di intransigenza che rischia di precipitare il Medio Oriente nella catastrofe.
14 luglio 2006 - Patrizia Viglino (Giornalista free lance)


Ehud Olmert il 12 Luglio del 2006 ha incontrato per la prima volta Noam Shalit, il padre del soldato Gilad catturato a Kerem Shalom lo scorso 25 Giugno e tenuto prigioniero da un gruppo militante palestinese nella Striscia di Gaza. Sedici giorni dopo la cattura di un soldato ebreo francese che serviva l’esercito israeliano, il primo ministro Olmert trova il tempo per un incontro con suo padre. Il quotidiano Ha’aretz dipinge l’incontro come “carico e pesante” sottolineando come l’atmosfera non fosse positiva.

Lo scontro tra i due, tra le posizioni di Olmert e l’invito di Noam Shalit a negoziare, è iniziato immediatamente dopo la cattura di Gilad. Il 9 Luglio, Efrat Roman scriveva su Y-net (l’edizione on line di Yedoth Aaronoth) “Israele ha fatto di tutto affinché Gilad Shalit rimanga prigioniero”, denunciando come il povero Noam Shalit fosse stato trattato sulla stampa israeliana e nei circoli più oltranzisti come “il nemico del popolo”. Non appena, da padre premuroso, si era pronunciato a favore dei negoziati per la liberazione del figlio, la sua voce è stata non solo oscurata ma ha subito anche pesanti attacchi personali che criticavano la sua “debolezza” e ricatti morali che gli facevano paventare lo Una bimba nel campo profughi di Jabalya - Gaza City

spettro del prossimo attentato suicida su di un autobus israeliano se il governo avesse ceduto accettando di negoziare con Hamas. Fin dall’inizio la posizione di Noam Shalit è stata favorevole al rilascio di suo figlio attraverso uno scambio di prigionieri. Era già avvenuto in passato e del resto i palestinesi chiedevano la scarcerazione di donne, bambini e malati. La situazione carceraria israeliana è tra le peggiori al mondo considerando che la maggior parte dei palestinesi rinchiusi sono detenuti politici o familiari di esponenti politici già in carcere, sbattuti dentro per esercitare pressioni psicologiche sugli irriducibili. Questo spiega anche il perché della presenza nelle carceri israeliane di tante donne e minorenni.

Di fronte agli appelli di Noam Shalit, il governo Olmert si è invece arroccato su di una posizione di intransigenza e la parola d’ordine a tutti i livelli è stata: no al negoziato. A questa decisione commenta Efrat Roman su Y-net: “Noam e Aviva Shalit sono i genitori di Gilad Shalit. Hanno la responsabilità di fare niente e tutto per determinare il suo rilascio. I governi, ad ogni modo, non si suppone debbano agire secondo l’istinto dei genitori, ma se stanno per muovere una battaglia politica sulle spalle del soldato rapito, alla fine non dovrebbero chiamarlo ‘the kid’, il bambino”, ironizzando su come era stato chiamato sulla stampa il giovane soldato. Ma del resto in tutte le guerre si è sempre mandata avanti la carne fresca.

Ma le accuse di Noam Shalit non si sono spente, così come le speranze di rivedere suo figlio che del resto si trova in buone condizioni, considerando che le uniche notizie certe riguardano il suo stato di salute e non lo stato dei negoziati. Come ha ripetuto il padre del soldato prigioniero: “Non credo che Gilad verrà rilasciato senza che venga pagato un prezzo…” ed esprimendo il suo desiderio di essere informato su come il governo intenda risolvere la crisi, ha aggiunto “Non so che cosa stanno aspettando. Devo credere che ci sia una sorta di canale segreto di cui non sappiamo nulla”.
Tuttavia, in beffa alle sue preoccupazioni, al momento dell’incontro con Olmert, altri due soldati israeliani sono stati fatti prigionieri nel sud del Libano dai militanti degli Hizbollah e il capo dello staff del primo ministro, Yoram Turbowics, che ne aveva avuto notizia pochi minuti dopo l’inizio del meeting, ha tenuto Noam Shalit all’oscuro di tutto. Evidentemente era un argomento che in quel momento il primo ministro non avrebbe voluto affrontare con un padre disperato per la sorte del figlio e la situazione che precipitava velocemente nel baratro.

Scrive ancora Roman nell’articolo citato: “Quelli interessati ai fatti sanno anche che non è stato solo il muro ma l’ordine di Hamas di fermare i lanci contro Israele che ha portato a una riduzione di questi attacchi. E mentre ripetiamo il nostro mantra, ancora e ancora, che non c’è nessuno con cui Campo profughi di Jabalya (Gaza City)  Bambini

negoziare, e uccidiamo civili, ancora e ancora, i rappresentanti palestinesi emettono un documento d’intesa su una piattaforma per negoziati diplomatici”. Negoziati diplomatici che sono stati interrotti bruscamente dall’inizio dell’intervento militare a Gaza dopo che un commando palestinese era riuscito a penetrare oltre il confine raggiungendo la postazione militare a Kerem Shalom. Non importa se l’esercito israeliano sta conducendo un’inchiesta interna per verificare le responsabilità israeliane dal momento che l’istituto geofisico interpellato qualche tempo prima, sull’eventualità che i palestinesi stessero scavando dei tunnel sotterranei verso Israele, aveva dichiarato che c’erano dei rischi e pertanto era stato inoltrato un allarme sicurezza poi sfumato nel nulla.

Il 25 Giugno a Gaza si trovava Mahmoud Abbas giunto da Ramallah per discutere ancora con Haniyeh la piattaforma d’intesa basata sul documento di concordia nazionale conosciuto come “Il Documento dei Prigionieri”. Abbas aveva accettato gli emendamenti proposti da Hamas che con quel documento, già in base alla prima stesura proposta, si apprestava a entrare a far parte per la prima volta dell’OLP, grazie al suo mandato elettorale e con piena partecipazione ai negoziati all’interno dell’organizzazione per liberazione della Palestina per lo più guidata storicamente da al-Fatah. A quel punto anche il referendum sul “Documento dei Prigionieri” che rischiava di contrapporre Haniyeh a Abbas in modo pericoloso per la stabilità interna palestinese, non avrebbe avuto luogo ma avremmo avuto la costituzione di un governo palestinese forte che piano piano si sarebbe conquistato credibilità a livello locale e internazionale.
L’obiettivo del governo Olmert è ormai chiaro: distruggere l’ultima rappresentanza palestinese liberamente eletta, forte della complice cecità dell’Unione Europea e del convergere dei piani strategici israeliani con quelli statunitensi; aprire se possibile nuovi fronti per spostare l’attenzione dagli attacchi deliberati sulla popolazione di Gaza, senza curarsi troppo se qualcuno ci lascia le penne.
L’unica mano tesa invece nella direzione di Noam Shalit è stata proprio quella del primo ministro palestinese Ismail Haniyeh che ha insistito per una mediazione che possa portare alla liberazione del soldato e di una parte dei detenuti palestinesi. Adesso con l’apertura del fronte libanese e di un possibile fronte siriano l’intransigenza di Olmert rischia di precipitare il Medio Oriente nella catastrofe.

Note:

Fonti: Ha’aretz ; Y-net ; Agenzie

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)