PeaceLink

Lista News

Archivio pubblico

Crescono le consultazioni del sito

I lettori di PeaceLink cliccano su Martin Luther King

Oltre un milione di pagine web viste nel 2018 da 667 mila visitatori. "I have a dream" la pagina più richiesta nel mese di dicembre. Molti gli studenti e gli insegnanti che cercano informazioni sul sito
Redazione PeaceLink

Martin Luther King: "I have a dream"

Il sito di PeaceLink continua a crescere, anche grazie alla nuova veste grafica che consente una più agevole visione sui dispositivi mobili, gli smartphone in primis.

Il numeri del 2018 sono questi: 667.174 visitatori per oltre 1 milione di pagine viste (1.034.059 per la precisione). 

Era dal 2014 che non superavamo il milione l'anno.

La pagina più visitata del mese di dicembre è quella dello storico discorso di Martin Luther King: "I have a dream" (Io ho un sogno). Vi sono diversi indicatori che fanno intuire che molti studenti e insegnanti che cercano informazioni sul sito.

Le linee programmatiche su cui PeaceLink si sta muovendo sono quelle di una cultura della partecipazione e della cittadinanza attiva (vedere il documento allegato sulla democrazia partecipativa).

Allegati

Articoli correlati

  • John Lewis e il suo "Good trouble"
    Pace
    Recentemente è uscito un documentario sulla sua vita

    John Lewis e il suo "Good trouble"

    Il 17 luglio è morto l'attivista nella lotta per i diritti civili del popolo afroamericano. Aveva 80 anni e da qualche mese era malato di cancro
    3 agosto 2020 - Virginia Mariani
  • John Lewis
    Pace
    E' morta una delle guide del movimento nonviolento per i diritti civili

    John Lewis

    Era uno dei principali organizzatori delle lotte nonviolente che culminarono nella "marcia per il lavoro e la liberta'" che si concluse dinanzi al Lincoln Memorial a Washington il 28 agosto 1963 quando Martin Luther King pronuncio' l'indimenticabile discorso "I have a dream"
    Peppe Sini
  • George Floyd: il razzismo ha radici lontane
    Pace
    Manifestazioni di protesta e disobbedienza civile contro il presidente Trump dopo l'assassinio

    George Floyd: il razzismo ha radici lontane

    Il razzismo è la negazione dell’altro da sé e la conseguente volontà di distruzione. Il colore della pelle, il genere, l’opinione politica, l’appartenenza a una determinata religione e la pratica di una specifica fede sono tutte cause di discriminazione che possono sfociare nell'intolleranza
    6 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Mentre si diffonde la disobbedienza civile, Trump fa costruire un muro attorno alla Casa Bianca
    Pace
    Decima notte di proteste in tutto il Paese

    Mentre si diffonde la disobbedienza civile, Trump fa costruire un muro attorno alla Casa Bianca

    Violato sistematicamente il coprifuoco imposto dall Presidente americano. Prevale la mobilitazione pacifica. Per agosto si prepara un grande marcia per i diritti civili, 57 anni dopo Martin Luther King
    5 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)