PeaceLink

Lista News

Archivio pubblico

PeaceLink - Statistiche di accesso al sito 2019

Pubblichiamo a chiusura del 2019 una breve panoramica sull'uso del sito di PeaceLink, che ripercorre il suo andamento nel corso dell’anno appena concluso in confronto con i dati raccolti dal 2012 in poi.
Francesco Iannuzzelli5 gennaio 2020

Premesse

Prima di addentrarci nei dati e nei relativi grafici, riteniamo importante sottolineare due aspetti.

Il primo riguarda la correttezza dei dati. A visitare un sito non sono solo persone ma sono, soprattutto, macchine, in gergo note come "bot", che non sono altro che agenti di indicizzazione o di analisi dei contenuti presenti sulle pagine. Alcuni di questi sono leciti, si pensi ai bot di indicizzazione dei motori di ricerca come Google che visitano con alta frequenza il nostro sito, molti altri sono illeciti (ad esempio per raccogliere indirizzi di posta elettronica a cui inviare spam) o sperimentali.
Purtroppo è prassi comune non escludere dai contatori degli accessi di un sito tutti questi bot, leciti e non, per il semplice motivo che vi è un interesse comune a gonfiare i dati. Per quanto riguarda PeaceLink, abbiamo invece un approccio abbastanza rigoroso, nel senso che non solo escludiamo tutti i motori di ricerca dalle statistiche di accesso, ma implementiamo e regolarmente aggiorniamo tutta una serie di filtri che impediscono a bot di dubbia origine di visitare il sito. Ciò non solo rende i nostri dati di accesso più verosimili, nel senso che rappresentano - sempre con un margine di errore - i reali visitatori umani del sito, ma al tempo stesso diminuiamo il carico dei nostri server e i relativi costi di gestione.

La seconda premessa riguarda lo scopo di questa analisi, nel senso che non vorremmo in alcun modo alimentare con questo articolo l'ossessione moderna alla visibilità su Internet e sui social network, o il cosiddetto "cliccattivismo", in nome del quale si investono tutte le proprie energie all'unico scopo di ottenere qualche click o like in più. È importante ricordare che i nostri numeri restano comunque una frazione infinitesima rispetto al mondo reale, che purtroppo persegue e discute di ben altri argomenti, e rappresentano semplicemente uno sguardo sulla comunità pacifista / ambientalista italiana, che speriamo possa essere utile a chi se ne occupa, in primis alla nostra redazione e ai visitatori del sito.

Page Views

Cominciamo da una metrica significativa, ovvero le pagine lette del sito, dove per pagina si intende l'articolo (e non le sue immagini o altre pagine accessorie). L'andamento annuale di PeaceLink è in forte crescita da quando - nel 2017 - si è avviato un percorso di riorganizzazione interna sia sotto l'aspetto tecnico che redazionale.

Nel 2019 abbiamo sfiorato il milione e mezzo di pagine scaricate, con una crescita del 40% rispetto al 2018. In media 1.33 pagine vengono lette per ogni sessione di visita, e la durata della sessione è mediamente intorno al minuto (0:55 secondi). Un comportamento "mordi e fuggi" che riflette purtroppo la tendenza moderna alla lettura veloce e superficiale.

Cellulari

È al tempo stesso evidente come i nostri visitatori usino sempre più dispositivi mobili, un trend generico su Internet che nel nostro caso raggiunge il 60% dei visitatori. La svolta è avvenuta proprio in concomitanza col lancio - verso la fine del 2018 - della nuova veste grafica del sito, ottimizzata per cellulari (in gergo "responsive").

Provenienza

Il sito di PeaceLink esiste dagli albori di Internet e per questo motivo ha sempre avuto un'ottima visibilità sui motori di ricerca, rinforzata anche da tutta una serie di accorgimenti tecnici e redazionali che continuiamo a migliorare. La provenienza dei visitatori del sito è da sempre prevalentemente dai motori di ricerca.

Considerando solo Google, nel corso del 2019 il sito di PeaceLink è apparso 21 milioni di volte tra i risultati di ricerca (21,077,441 per la precisione), ed è stato cliccato 784.273 volte, con un CTR (click-through rate) del 3.6%.

La visibilità di PeaceLink sui motori di ricerca si manifesta attraverso parole chiave che riflettono la nostra audience (studenti e attivisti nel mondo pacifista e ambientalista) con alcune sorprendenti eccezioni. Questo grafico mostra le 50 parole chiave più cliccate su Google per quanto riguarda peacelink.it nel 2019. La grandezza delle parole è proporzionale alla loro popolarità.

Un altro aspetto interessante, in quanto sembrerebbe confermare la popolarità del sito di PeaceLink tra gli studenti, è la distribuzione oraria e giornaliera delle visite al sito, che mostra un incremento nei pomeriggi dei giorni feriali e della domenica.

Contenuti

La stragrande maggioranza dei visitatori del sito (95% nel 2019) accede direttamente alle pagine interne, arrivando spesso da un motore di ricerca, e non all'homepage.
Queste sono state le pagine più visitate nel 2019.

Il sito di PeaceLink è organizzato in aree tematiche, e pensiamo sia interessante mostrare con questa breve animazione il loro andamento in termini di pagine visitate nel corso degli ultimi 8 anni.

Le tematiche sono a loro volta raggruppate in macro-aree, e questa è la distribuzione degli articoli pubblicati nel 2019 al loro interno (le aree sono proporzionali al numero di articoli).

Note: I grafici di questa pagina sono stati realizzati con Flourish e sono liberamente consultabili a questo indirizzo https://app.flourish.studio/@peacelink

Articoli correlati

  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021
    Editoriale
    Il nostro impegno dalla A alla Z

    Cosa ha fatto PeaceLink nel 2021

    Dizionario delle azioni e delle campagne di informazione portate avanti da gennaio a dicembre. Decine di iniziative che hanno portato all'attenzione dell'opinione pubblica le tematiche importanti e scottanti del nostro tempo. Per combattere il male dell'indifferenza.
    20 dicembre 2021 - Associazione PeaceLink
  • PeaceLink oggi al TG3 Puglia
    Taranto Sociale
    Sulla vicenda ILVA

    PeaceLink oggi al TG3 Puglia

    Al centro una relazione di PeaceLink sui picchi di benzene nel quartiere Tamburi e la richiesta al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani di non concedere ad Acciaierie d'Italia ritmi di sfornamento più veloci per il carbon coke nello stabilimento siderurgico si Taranto.
    21 dicembre 2021
  • PeaceLink compie 30 anni
    PeaceLink
    Le tappe fondamentali della telematica per la pace in un webinar

    PeaceLink compie 30 anni

    Dai primi esperimenti di condivisione orizzontale dell'informazione all'inizio degli anni Novanta alla promozione di un approccio critico ai social network commerciali. L'idea di base del 1991 fu quella di collegare i computer tagliando i costi della comunicazione e favorendo la partecipazione.
    9 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)