Processo Ilva

Comunicato di PeaceLink sul nuovo rinvio del processo all'ILVA

ILVA patteggia ma lo Stato non deve restituire all'ILVA i fondi destinati alla decontaminazione dei suoli

Chiediamo invece che il "tesoretto" dei Riva venga usato per la decontaminazione dei suoli e della falda e ci opporremo in tutte le sedi al suo trasfermento verso usi finalizzati alle attività produttive dell'acciaieria, perché se ciò avvenisse ci troveremmo di fronte ad un aiuto di Stato sanzionabile dalla Commissione Europea.
17 gennaio 2017

 

COMUNICATO STAMPA
Noi oggi eravamo presenti all'udienza e ne siamo usciti con un grande senso di inquietudine.
PeaceLink considera grave e inaccettabile che il processo all'ILVA non decolli e che si stia prendendo tempo in funzione di un patteggiamento dai rivolti poco chiari e per certi aspetti anche preoccupanti.
Ciò che preoccupa in particolare è che il cuore del patteggiamento ruoti attorno ad una enorme somma che lo Stato si appresta - attraverso il patteggiamento stesso - a restituire all'ILVA dopo che la procura di Milano aveva considerato tale somma un tesoretto indebito frutto di attività fiscali e valutarie illecite. 
Ci riferiamo al "tesoretto" di oltre un miliardo di euro che la Procura di Milano ha sequestrato alla famiglia Riva e che attualmente è bloccato in Svizzera. Tale somma i Riva si apprestano a sbloccarla per ottenere, tramite il patteggiamento, una riduzione della pena e il conseguente non risarcimento delle parti civili.
Se la Stato restituisse all'ILVA ciò che l'ILVA aveva - secondo l'accusa - sottratto allo Stato, saremmo di fronte ad una pessima "commedia all'italiana". 
Ossia lo Stato ridà all'ILVA ciò che l'ILVA aveva - secondo l'accusa - tolto allo Stato. Se questo avvenisse saremmo di fronte ad una  parodia dello Stato. Lo Stato farebbe il Robin Hood alla rovescia rinunciando a rappresentare l'interesse pubblico.
Chiediamo invece che il "tesoretto" dei Riva venga usato per la decontaminazione dei suoli e della falda e ci opporremo in tutte le sedi al suo trasfermento verso usi finalizzati alle attività produttive dell'acciaieria, perché se ciò avvenisse ci troveremmo di fronte ad un aiuto di Stato sanzionabile dalla Commissione Europea.
Per la Commissione Europea, l'unico uso lecito di fondi pubblici è quello finalizzato alla decontaminazione dei suoli e della falda. Chiediamo a tutti gli attori in campo che il patteggiamento non violi le fondamentali regole europee e che il principio "chi inquina paga" non venga capovolto nel "chi inquina viene pagato".
Che tutto questo avvenga mentre sono in corso le trattative per affidare l'ILVA ai privati, è cosa assolutamente inaccettabile perché significherebbe che i privati beneficerebbero dei fondi del patteggiamento che adrebbero così in dote all'azienda privata che gestirà lo stabilimento.
Il cuore del problema è tutto qui e attorno al patteggiamento si gioca la partita della trattativa con quei privati che sono più o meno interessati a gestire la fabbrica invista di un utile. Un utile che non vi sarebbe senza la dote del "tesoretto". Ci attendiamo che i magistrati esercitino le loro funzioni a tutela di una comunità non consentendo in alcun modo che il tesoretto divenga - tramite un patteggiamento mal congegnato - preda degli appetiti di una trattativa per garantire ai privati degli utili, senza d'altro canto poter dare la garanzia che le emissioni della fabbrica non continuino ad elargire "malattia e morte".
Nel caso in cui venisse accolto un patteggiamento chiediamo fin da ora che esso contenga un cronoprogramma delle attività di decontaminazione e di bonifica dei suoli. Si faccia attenzione: la parola "bonifica" non è applicabile agli impianti ma unicamente alle matrici ambientali. Questo dice la legge e questo deve essere fatto. Ovviamente una seria bonifica dei suoli e delle falde acquifere sotterranee assorbirà interamente il "tesoretto" e scoraggerà ogni privato dal prendersi in carico una fabbrica di cui vanno bonificati i suoli fino in profondità, fino alla falda superficiale e profonda. 
Il patteggiamento non sia finalizzato alla prosecuzione delle attività produttive!
Per PeaceLink

 

Alessandro Marescotti
Presidente

 

Articoli correlati

  • Vince la cittadinanza attiva
    Editoriale
    La batteria 12 della cokeria dell'ILVA di Taranto va fermata

    Vince la cittadinanza attiva

    Vince contro le pretese dell'azienda di continuare a produrre nonostante tutto, nonostante la grave situazione sanitaria dovuta all'inquinamento. Impianti fuori norma, come la cokeria 12, non possono continuare a produrre.
    21 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto
    Ecologia
    Il TAR Lazio scrive che occorre "operare per la messa fuori produzione della batteria 12"

    Ordinanza del TAR Lazio sulla batteria 12 della cokeria ILVA: occorre fermarla entro il 30 agosto

    Rigettate le motivazioni anti-covid alla base dei ritardi della messa norma della più grande batteria della cokeria ILVA. PeaceLink si era costituita "ad opponendum" rispetto all'istanza di Acciaierie d'Italia che richiedeva lo slittamento al gennaio 2022 dell'adempimento ambientale.
    21 luglio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro
    Processo Ilva
    Autori: Forastiere, Biggeri, Triassi

    ILVA, la perizia epidemiologica richiesta dal gip Patrizia Todisco e il decreto di sequestro

    Conclusioni: "L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte".
    Redazione PeaceLink
  • "Stop batteria 12 della cokeria"
    Taranto Sociale
    Acciaierie d’Italia, nonostante il decreto ministeriale, non ha fermato l'impianto a Taranto

    "Stop batteria 12 della cokeria"

    “Ce la mettiamo tutta per fermare la batteria 12 della cokeria - dice il portavoce di Peacelink, Alessandro Marescotti - abbiamo già depositato l'atto e martedì con il nostro avvocato siamo inviatati a partecipare alla discussione. Abbiamo fatto ricorso ad opponendum contro Acciaierie d'Italia".
    18 luglio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)