Processo Ilva

I dettagli della scuola Deledda, descritta dal pm come "scuola della morte"

Ilva: parte civile, pm ha evidenziato inadempienze azienda

Il pubblico ministero Buccoliero “ha evidenziato la differenza sostanziale, e la valenza probatoria, fra le perizie scientifiche commissionate dal gip, considerate "terze", più attendibili, in quanto non di parte, rispetto ai consulenti 'di parte' incaricati dagli imputati per la difesa”.
1 febbraio 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)

Processo ILVA a Taranto

(AGI) - Taranto, 1 feb. - "Sono state evidenziate le inadempienze dell'Ilva di Taranto rispetto alle misure assolutamente necessarie a tutelare la salute e l'ambiente". Lo dice Alessandro Marescotti, portavoce dell’associazione Peacelink, a proposito dell’avvio della requisitoria dei pm al processo in Corte d’Assise a Taranto per il disastro ambientale dell’Ilva. Parlando della requisitoria del pm Mariano Buccoliero, il primo dei 4 pm intervenuti oggi, gli altri parleranno in seguito, Marescotti ha sostenuto che Buccoliero “ha evidenziato la differenza sostanziale, e la valenza probatoria, fra le perizie scientifiche commissionate dal gip, considerate "terze", più attendibili, in quanto non di parte, rispetto ai consulenti "di parte" incaricati dagli imputati per la difesa in giudizio”. Peacelink, dice Marescotti, "è parte civile nel processo. Lo stiamo seguendo con un misto di attenzione e di angoscia. I dettagli della scuola Deledda, descritta dal pm come "scuola della morte", perché intasata dalle polveri, ci hanno impressionato. Si tratta di una scuola per i bambini del quartiere Tamburi di Taranto. Siamo qui - aggiunge Marescotti - per testimoniare la volontà di verità e il desiderio di giustizia. Abbiamo seguito personalmente, passo dopo passo, questa vicenda assolutamente rilevante per la salute e la vita dei cittadini, testimoniando nel processo". (AGI) 

Articoli correlati

  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?
    Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)