Processo Ilva

Oggi quarto giorno di requisitoria al maxi-processo per disastro ambientale

"Per 16 anni nessuna attività di abbattimento polveri all'ILVA"

Questa è una delle accuse del pm Mariano Buccoliero che contesta anche il conteggio degli investimenti ambientali dell'azienza: il rifacimento dei materiali refrattari spacciato come intervento ambientale quando, invece, è una necessità tecnica dovuta all’usura degli stessi materiali.
8 febbraio 2021
Fonte: AGI

Il pm Mariano Buccoliero

Pubblicato: 08/02/2021 14:59
(AGI) - Taranto, 8 feb. - Per 16 anni all'Ilva di Taranto le attività di abbattimento delle polveri industriali (depolverazione) sono state inesistenti. Al quarto giorno di requisitoria, davanti alla corte d’assise di Taranto per il processo con 44 imputati per il disastro ambientale dell’Ilva, uno dei quattro pubblici ministeri, Mariano Buccoliero, prosegue nelle sue accuse al gruppo Riva, che negli anni ora sotto la lente del processo gestivano l’acciaieria di Taranto. La pubblica accusa ha parlato di collaudi di macchine per la captazione effettuati addirittura “dopo il sequestro” degli impianti di luglio 2012, di un ordine per lavori sugli impianti, “fatto otto anni prima dell’inizio lavori”, del rifacimento dei materiali refrattari spacciato come intervento ambientale quando, invece, è una necessità tecnica dovuta all’usura degli stessi materiali. (AGI)
TA1/ROB

Articoli correlati

  • Ilva: processo su disastro ambientale al rush finale
    Processo Ilva
    La difesa ha rammentato che il gruppo Riva ha speso un miliardo di euro per investimenti ambientali

    Ilva: processo su disastro ambientale al rush finale

    La tesi forte dell’accusa è che Ilva solo sulla carta ha messo gli investimenti necessari a ridurre l’inquinamento dell’acciaieria, mentre nella realtà o non è stato fatto nulla oppure alcuni interventi sono stati dilazionati di molti anni nonostante vi fosse l’urgenza di intervenire.
    9 aprile 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento
    Processo Ilva
    "Gravissimo pericolo per la salute pubblica nella popolazione jonica in generale"

    Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento

    Per il legale dell'ente, dalla lunga istruttoria “è emersa senza ombra di dubbio la sciagurata gestione dello stabilimento Ilva di Taranto che per anni, nella piena consapevolezza dei suoi amministratori e dirigenti, ha riversato nell’aria/ambiente sostanze nocive per la salute umana".
    24 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)