Processo Ilva

Processo ILVA

"C'è la volontà di imbrogliare le carte e prendere in giro la Corte"

Dure accuse del pm Buccoliero nei confronti delle consulenze di parte. E' insorto un avvocato della difesa: “Sono stimati professionisti, il pm esponga le sue tesi ma non chiami imbroglioni le persone”. “Sto parlando di imbroglio processuale” ha replicato il pm.
9 febbraio 2021
Fonte: Agenzia stampa AGI

Il pm Mariano Buccoliero

(AGI) - Taranto, 9 feb - “La volontà di imbrogliare le carte e di prendere in giro la Corte”. Ci sarebbe stato anche questo nelle consulenze di parte presentate nel processo sul disastro ambientale contestato all’Ilva dei Riva secondo il pm Mariano Buccoliero, giunto oggi al quinto giorno di requisitoria. Processo con 47 imputati (44 persone fisiche e 3 giuridiche) in corso a Taranto in Corte d’Assise.

Si sono fatti, nelle consulenze di parte, paragoni tra Ilva e inceneritori a proposito delle diossine, ma non è per niente la stessa cosa, secondo l’accusa. È come paragonare, dice il pm, “gli oceani con le pozzanghere”. 

Viste le ripetute accuse del pm ai consulenti di parte, un avvocato, Pasquale Annicchiarico, è insorto e rivolgendosi al pm e alla Corte ha detto: “Sono stimati professionisti, il pm esponga le sue tesi ma non chiami imbroglioni le persone”. “Sto parlando di imbroglio processuale” ha replicato il pm. “In questa sede è consentito” ha poi chiuso la breve polemica il presidente della Corte, Stefania D’Errico, e Buccoliero ha ripreso la requisitoria. ILVA

Insomma, ha continuato il pm citando la tesi della diossina transfrontaliera contenuta in alcuni documenti, “le pecore di Fornaro”, uno degli allevatori tarantini che ha subìto anni fa l’abbattimento degli animali, “erano contaminate con la diossina di New York”. “Così si piega la scienza per sostenere una tesi infondata” accusa il pm.

Dopo Buccoliero, sono ancora attesi gli interventi di altri tre pm: Raffaele Graziano, Remo Epifani e Giovanna Cannalire.

Visto l’allungarsi dei tempi processuali, non si esclude, a questo punto, una modifica al calendario delle udienze approntato lo scorso 1 febbraio dalla Corte presieduta da Stefania D’Errico. (AGI)

Articoli correlati

  • Ilva: processo su disastro ambientale al rush finale
    Processo Ilva
    La difesa ha rammentato che il gruppo Riva ha speso un miliardo di euro per investimenti ambientali

    Ilva: processo su disastro ambientale al rush finale

    La tesi forte dell’accusa è che Ilva solo sulla carta ha messo gli investimenti necessari a ridurre l’inquinamento dell’acciaieria, mentre nella realtà o non è stato fatto nulla oppure alcuni interventi sono stati dilazionati di molti anni nonostante vi fosse l’urgenza di intervenire.
    9 aprile 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Chi volle la legge sulla diossina in Puglia
    Ecologia
    Fact checking

    Chi volle la legge sulla diossina in Puglia

    Oggi l'avvocato dell'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha chiesto l'assoluzione del suo assistito rivendicandone i meriti ambientali, fra cui quello di aver voluto la legge regionale sulla diossina e di aver richiesto un'autorizzazione ambientale più rigorosa. E' vero o no?
    9 marzo 2021 - Alessandro Marescotti
  • Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione
    Processo Ilva
    “Il governo di Vendola è stata veramente una primavera pugliese per la tutela dell’ambiente”

    Processo Ilva: pm chiede condanna a cinque anni per Vendola, l'avvocato ne chiede l'assoluzione

    “Sono sei anni che siamo in una situazione di sofferenza, sono sei anni che Vendola ha scelto di uscire dalla scena politica perché vuole prima attendere che questo processo si concluda”, ha detto oggi in aula l’avvocato Muscatiello.
    9 marzo 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento
    Processo Ilva
    "Gravissimo pericolo per la salute pubblica nella popolazione jonica in generale"

    Processo ILVA: la Provincia di Taranto ha chiesto 15 miliardi di euro di risarcimento

    Per il legale dell'ente, dalla lunga istruttoria “è emersa senza ombra di dubbio la sciagurata gestione dello stabilimento Ilva di Taranto che per anni, nella piena consapevolezza dei suoi amministratori e dirigenti, ha riversato nell’aria/ambiente sostanze nocive per la salute umana".
    24 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)