Processo Ilva

Processo ILVA

"C'è la volontà di imbrogliare le carte e prendere in giro la Corte"

Dure accuse del pm Buccoliero nei confronti delle consulenze di parte. E' insorto un avvocato della difesa: “Sono stimati professionisti, il pm esponga le sue tesi ma non chiami imbroglioni le persone”. “Sto parlando di imbroglio processuale” ha replicato il pm.
9 febbraio 2021
Fonte: Agenzia stampa AGI

Il pm Mariano Buccoliero

(AGI) - Taranto, 9 feb - “La volontà di imbrogliare le carte e di prendere in giro la Corte”. Ci sarebbe stato anche questo nelle consulenze di parte presentate nel processo sul disastro ambientale contestato all’Ilva dei Riva secondo il pm Mariano Buccoliero, giunto oggi al quinto giorno di requisitoria. Processo con 47 imputati (44 persone fisiche e 3 giuridiche) in corso a Taranto in Corte d’Assise.

Si sono fatti, nelle consulenze di parte, paragoni tra Ilva e inceneritori a proposito delle diossine, ma non è per niente la stessa cosa, secondo l’accusa. È come paragonare, dice il pm, “gli oceani con le pozzanghere”. 

Viste le ripetute accuse del pm ai consulenti di parte, un avvocato, Pasquale Annicchiarico, è insorto e rivolgendosi al pm e alla Corte ha detto: “Sono stimati professionisti, il pm esponga le sue tesi ma non chiami imbroglioni le persone”. “Sto parlando di imbroglio processuale” ha replicato il pm. “In questa sede è consentito” ha poi chiuso la breve polemica il presidente della Corte, Stefania D’Errico, e Buccoliero ha ripreso la requisitoria. ILVA

Insomma, ha continuato il pm citando la tesi della diossina transfrontaliera contenuta in alcuni documenti, “le pecore di Fornaro”, uno degli allevatori tarantini che ha subìto anni fa l’abbattimento degli animali, “erano contaminate con la diossina di New York”. “Così si piega la scienza per sostenere una tesi infondata” accusa il pm.

Dopo Buccoliero, sono ancora attesi gli interventi di altri tre pm: Raffaele Graziano, Remo Epifani e Giovanna Cannalire.

Visto l’allungarsi dei tempi processuali, non si esclude, a questo punto, una modifica al calendario delle udienze approntato lo scorso 1 febbraio dalla Corte presieduta da Stefania D’Errico. (AGI)

Articoli correlati

  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?
    Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)