Processo Ilva

Settimo giorno di requisitoria del pm Mariano Buccoliero

"Taranto è stata venduta alla grande industria"

“L’attivita di consulenza di Liberti e Primerano è stata concordata e orientata in favore di Ilva. Il comportamento dei consulenti risulta gravissimo perché avevano il dovere di bloccare questo mercimonio che ha portato malattia e morte”, ha detto il pm.
15 febbraio 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
Ilva: pm, Taranto venduta ai Riva da consulenti procura Il pm Mariano Buccoliero

Pubblicato: 15/02/2021 11:22
(AGI) - Taranto, 15 feb. - “La città è stata venduta ai Riva dai consulenti della Procura”. Parte all’attacco il pubblico ministero Mariano Buccoliero, oggi al settimo giorno di requisitoria al processo “Ambiente Svenduto” per il disastro ambientale contestato all’Ilva gestita dai Riva in corso davanti alla Corte d’Assise. Il pm, citando le intercettazioni telefoniche, si rifà alle posizioni di Fabio Riva, uno dei principali imputati nel processo, del padre Emilio, scomparso anni fa ma già imputato nel processo, nonché di altri protagonisti della vicenda come Lorenzo Liberti, Roberto Primerano (entrambi, anni fa, consulenti della Procura) e Girolamo Archinà, quest’ultimo dipendente Ilva usato dai Riva per i rapporti con la pubblica amministrazione, gli enti locali e la politica. Liberti e Archinà sono tuttora imputati mentre Primerano è stato assolto dalla Corte di Cassazione per intervenuta prescrizione.
“Fabio Riva - ha detto oggi il pm a proposito dell’ex amministratore dell’Ilva - era al corrente dei lavori dei consulenti della Procura e sapeva come questi avrebbero concluso i loro lavori in merito a quantità e profili della diossina. Tant’è che manifesta dubbi sull’incidente probatorio chiesto dalla Procura. Ma Emilio Riva, lo rassicura, dicendogli: non ti preoccupare”. Per il pm, “Fabio Riva ha visto l’elaborato che ancora doveva essere consegnato al pubblico ministero. E anche Archinà aveva avuto un incontro con una persona che lo rassicurava sugli esiti della consulenza”. Secondo Buccoliero, i collegamenti tra i consulenti e Ilva erano assicurati da Girolamo Archinà e da Lorenzo Liberti.
“L’attivita di consulenza di Liberti e Primerano è stata concordata e orientata in favore di Ilva - ha sostenuto il pm -. Taranto è stata venduta alla grande industria. Il comportamento dei consulenti risulta gravissimo perché avevano il dovere di bloccare questo mercimonio che ha portato malattia e morte”. Fenomeni che “continueranno nei prossimi anni” ha sostenuto il pm. (AGI)
TA1/ADV

Articoli correlati

  • Richiesta la condanna dei Riva e di Vendola
    Processo Ilva
    Requisitoria finale nel processo Ilva

    Richiesta la condanna dei Riva e di Vendola

    Il pm Buccoliero ha parlato di “condotte pluriennali” e di “violenza inaudita”. Il pm ha detto che da parte dell’Ilva dei Riva c’è stato “un abbraccio mortale” verso Taranto “stritolando la città”. Ha quindi evidenziato la gravità del danno sanitario e la capacità a delinquere.
    17 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Ilva: pm, azienda bypassava tecnici per trattare con politici
    Processo Ilva
    Domani l’accusa chiuderà la requisitoria e formulerà le richieste alla Corte d’Assise

    Ilva: pm, azienda bypassava tecnici per trattare con politici

    In questo schema, il pm Epifani ha collocato l’ex governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, l’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, e l’ex assessore all’Ambiente della Provincia, Michele Conserva, 3 dei 47 imputati del processo 'Ambiente Svenduto'.
    16 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda
    Processo Ilva
    L’ex governatore pugliese Vendola è uno dei 47 imputati del processo

    Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda

    Il pubblico ministero Epifani ha ricostruito i vari passaggi del coinvolgimento dell’ex numero 1 della Regione Puglia, ha citato le diverse intercettazioni contenute nell’imdagine e ha ha dichiarato che tutto nasce da una relazione di giugno 2010 di Arpa
    15 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Oggi è sotto accusa l'autorizzazione all'ILVA che la Regione Puglia approvava nel 2011
    Editoriale
    L'autorizzazione causò il divorzio fra ambientalisti e la sinistra che governava la Regione Puglia

    Oggi è sotto accusa l'autorizzazione all'ILVA che la Regione Puglia approvava nel 2011

    Secondo il pm Buccoliero, quell’autorizzazione del 2011 "ha recepito in modo integrale tutto quello che diceva Ilva". Per la Regione era invece "un passaggio di valenza storica per il territorio tarantino" perché "in linea con le migliori tecnologie". Perché Vendola acconsentì?
    15 febbraio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)