Processo Ilva

L’ex governatore pugliese Vendola è uno dei 47 imputati del processo

Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda

Il pubblico ministero Epifani ha ricostruito i vari passaggi del coinvolgimento dell’ex numero 1 della Regione Puglia, ha citato le diverse intercettazioni contenute nell’imdagine e ha ha dichiarato che tutto nasce da una relazione di giugno 2010 di Arpa
15 febbraio 2021
AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
Nichi Vendola Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda

Pubblicato: 15/02/2021 19:26
(AGI) - Taranto, 15 feb. - Da parte dell’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, c’é stata una “pesantissima intercessione” verso l’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, perché rivedesse la relazione che la stessa Agenzia regionale per l’ambiente aveva effettuato sullo stato delle cokerie dell’Ilva di Taranto e ne attenuasse l’impostazione. L'ha detto oggi il pm Remo Epifani nel processo 'Ambiente Svenduto', in corso in Corte d’assise a Taranto, sul disastro ambientale dell’Ilva gestita dai Riva. Epifani ha preso la parola dopo il collega pm Mariano Buccoliero che ha chiuso oggi la sua parte di requisitoria dopo aver parlato per sette udienze distribuite nell’arco di tre settimane. L’ex governatore pugliese Vendola è uno dei 47 imputati del processo ed è accusato di concussione. (AGI)
TA1/ROB

Ilva: pm, “Pesantissima intercessione” di Vendola pro azienda (2)

Pubblicato: 15/02/2021 19:26
(AGI) - Taranto, 15 feb. - Il pubblico ministero Epifani ha ricostruito i vari passaggi del coinvolgimento dell’ex numero 1 della Regione Puglia, ha citato le diverse intercettazioni contenute nell’imdagine e ha ha dichiarato che tutto nasce da una relazione di giugno 2010 di Arpa, da cui sarebbe poi derivata un’ordinanza verso la fabbrica da parte dell’allora sindaco di Taranto, Ezio Stefàno, anche tra gli imputati del processo.
Epifani ha detto che questo intervento di Vendola su Arpa fu “molto sofferto” dal dg Assennato. Dopo la relazione di Arpa, Girolamo Archinà, dipendente Ilva, imputato nel processo, e utilizzato dai Riva per i rapporti con la politica, le istituzioni e la pubblica amministrazione, chiamò Vendola per lamentarsi, ha ricostruito oggi il pm. L'allora presidente della Regione - ha proseguito Epifani - convocò l’allora direttore scientifico di Arpa, Massimo Blonda, e il tecnico Roberto Giua. Erano stati loro, infatti, a firmare la relazione sulle cokerie che Ilva contestava.
Secondo la ricostruzione di Epifani, Assennato si è anche lamentato con Archinà dell’intervento di Vendola e della convocazione dei due funzionari Arpa, ritenendosi in questo “scavalcato” pur essendo direttore generale di Arpa. Ma tutta la situazione poi cambiò, gli attriti si stemperarono. Epifani ha citato anche una cena in cui Assennato e l’avvocato Francesco Perli, consulente legale dei Riva, si abbracciano. Perli è l’avvocato che, in base alle intercettazioni e agli atti del processo, ha tra l’altro dichiarato ai Riva che l’Autorizzazione integrata ambientale del 2011 per il siderurgico di Taranto (definita “illegale” dal pm Buccoliero) era stata di fatto scritta dall’azienda e non dalla competente commissione ministeriale.
Domani la requisitoria prosegue sempre con Epifani che parlerà della posizione dell’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, altro imputato. Dopo Epifani, interverranno su altri aspetti del processo altri due pm: Giovanna Cannarile e Raffaele Graziano. Le richieste dell’accusa alla Corte, presieduta da Stefania D’Errico, sono attese per dopodomani. (AGI)
TA1/ROB
Note: Questa è la relazione al centro di questa fase del processo https://www.tarantosociale.org/tarantosociale/a/38807.html
E’ di 33 pagine e a pagina 17 è riportata la tabella 16 in cui si legge che le emissioni di IPA (idrocarburi policiclici aromatici) sono attribuibili al 99,74% all’Ilva.
Questa è la linea di difesa di Vendola
https://www.quotidianodipuglia.it/taranto/ambiente_svenduto_interrogato_l_ex_presidente_vendola-4328601.html

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD
    Ecologia
    Nel processo "Ambiente Svenduto" sull'inquinamento ILVA

    Condannato a 17 anni in primo grado è candidato alle elezioni comunali come capolista del PD

    Trecento cittadine e cittadini scrivono a Enrico Letta perché prenda una posizione: "Abbiamo appreso dalla stampa che una delle persone condannata in primo grado a 17 anni viene adesso candidata per il PD in elezioni comunali che si svolgeranno in provincia di Taranto".
    12 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa
    Ecologia
    Reportage

    Ilva, Taranto vuole liberarsi dalla madre velenosa

    Si è appena concluso il maxi-processo Ambiente Svenduto, di tale rilevanza storica che prima o poi verrà riconosciuta al pari dei maxi-processi palermitani contro la mafia. Incontro così una Taranto ferita, aqquartierata tra i suoi due mari, fra la polvere color ruggine del rione Tamburi.
    Gad Lerner
  • Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza
    Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)