Processo Ilva

Oltre 3700 pagine suddivise in 15 capitoli

Processo ILVA, i file online con le motivazioni della sentenza

E' stato il più ampio processo in Italia per udienze e per pagine di motivazioni. In esse si riconosce che "l'iniziativa di Alessandro Marescotti, responsabile di Peacelink, le analisi sulla diossina sul formaggio, deve dirsi davvero il primo vero impulso per le indagini di questo processo"
4 dicembre 2022
Redazione PeaceLink

ILVA di notte

Nessun processo in Italia ha mai avuto così tante udienze e motivazioni così ampie: oltre 3700 pagine suddivise in 15 enormi capitoli.

I files si possono scaricare dal sito www.giurisprudenzapenale.com.

Tribunale di Taranto, Prima Corte di Assise, 28 novembre 2022 (ud. 31 maggio 2021), n. 1/2021
Presidente Stefania D’Errico, Relatore Fulvia Misserini

Riportiamo testualmente: "Con riferimento al cd. processo Ilva, segnaliamo ai lettori – riservandoci un commento più approfondito nelle prossime settimane – il deposito delle motivazioni (3.700 pagine) della sentenza pronunciata dalla Corte di Assise di Taranto all’esito della camera di consiglio iniziata il 19 maggio 2021".

Molto importante è il riconoscimento - nelle motivazioni - dell'ampio lavoro svolto dalle associazioni tarantine che hanno operato con caparbietà per ottenere giustizia.

Nelle motivazioni della sentenza si legge che "l'iniziativa di Alessandro Marescotti, responsabile di Peacelink, le analisi sulla diossina sul campione di formaggio prelevato presso la masseria Laera, deve dirsi davvero il primo vero impulso per le indagini di questo processo".

Articoli correlati

  • Il presidio contro lo scudo penale all'ILVA
    Taranto Sociale
    Le immagini della RAI e di altri canali di informazione

    Il presidio contro lo scudo penale all'ILVA

    A Taranto i manifestanti hanno fatto sentire la propria voce e incontrato il Prefetto con una delegazione. Consegnato un documento indirizzato al Governo. Toccante la testimonianza di Celeste Fortunato, portavoce del coordinamento dei pazienti di onco-ematologia dell'Ospedale Moscati di Taranto
    17 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • La testimonianza di Celeste Fortunato
    Ecologia
    Ha portato al Prefetto di Taranto la voce dei pazienti di oncoematologia

    La testimonianza di Celeste Fortunato

    Ha incontrato il Prefetto di Taranto con una delegazione del Coordinamento Taranto che si batte contro il nuovo scudo penale concesso all'ILVA e istituito dal Decreto Legge 2/2023. Riportiamo qui il discorso di questa mamma affetta da una grave forma di leucemia.
    17 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Anche i pazienti onco-ematologici e le famiglie dicono no all'immunità penale per chi inquina
    Taranto Sociale
    Un invito alla cittadinanza attiva

    Anche i pazienti onco-ematologici e le famiglie dicono no all'immunità penale per chi inquina

    Al sit-in che avrà luogo il 17 gennaio alle ore 10 presso la Prefettura parteciperá simbolicamente una nuova, incisiva realtà nel panorama dell'associazionismo tarantino, i pazienti onco-ematologici e le famiglie della Struttura complessa di ematologia dell'ospedale S.G Moscati di Taranto
    16 gennaio 2023 - Celeste Fortunato
  • Il mondo ambientalista si ricompatta: «No all’immunità penale per chi inquina»
    Taranto Sociale
    Coordinamento contro il decreto governativo che istituisce il nuovo scudo penale per l'ILVA

    Il mondo ambientalista si ricompatta: «No all’immunità penale per chi inquina»

    Martedì 17 gennaio alle ore 10 dinanzi alla Prefettura di Taranto avrà luogo un presidio durante il quale una delegazione chiederà di essere ricevuta dal Prefetto per consegnare un documento che motiva l'opposizione al nuovo decreto legge Salva-ILVA
    10 gennaio 2023 - Coordinamento Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)