Contributo sulla vittoria di Rita Borsellino alle primarie dell'unione in Sicilia

L'Italia antimafia

Ovvero, lettera aperta a Romano Prodi
9 dicembre 2005
Diego Piccioli

Caro Romano,
123.591! Sono i siciliani che dicono un no deciso alla mafia, ma soprattutto dicono si ad idee concrete per una Sicilia nuova, di piu', per un Mezzogiorno migliore, di piu', per un Italia piu' civile. Sono i siciliani che insegnano al resto degli italiani che si puo' scegliere percorsi di liberta' dalla mafia, dal malaffare, dalla criminalita' organizzata, dall'immoralita' della politica. Rita Borsellino e' oggi il candidato dell'Unione per la presidenza della Regione Sicilia, in contrapposizione all'attuale governatore Toto' Cuffaro, uscito vergognosamente dal processo per mafia a suo carico, grazie alla gestione Grasso della procura di Palermo. La sorella del magistrato brutalmente assassinato dalla mafia in via D'Amelio con complicita' istituzionali (come faceva la mafia a sapere che Paolo sarebbe andato a trovare la madre a quell'ora?), da allora si batte in prima linea non solo contro la mafia, ma prima di tutto contro la cultura mafiosa, per continuare quell'opera di sradicamento del fenomeno mafioso che suo fratello Paolo e il Pool di Nino Caponnetto avevano cominciato: loro, da magistrati, dal punto di vista della repressione, Rita, come le compete, dal punto di vista della politica. E proprio oggi, piu' di ieri, c'e' un bisogno come l'aria che si respira di una politica antimafia, dopo che Gian Carlo Caselli e' stato "fatto fuori" con un decreto legge, dopo che abbiamo scoperto che uno dei piu' alti esponenti della Democrazia Cristiana e sette volte Presidente del Consiglio e' stato un mafioso, almeno fino alla primavera del 1980, dopo che il braccio destro del Presidente del Consiglio nelle sue aziende e nel suo partito, e' stato condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa, dopo che "con la mafia bisogna convivere" (Pietro Lunardi, ministro per i trasporti e le infrastrutture), dopo che l'unica proposta concreta per lo sviluppo della Sicilia e del Mezzogiorno e' il progetto del Ponte sullo Stretto.
123.591 siciliani, invece, hanno detto a chiare note, che il cambiamento della Sicilia e diciamolo, dell'Italia, passa attraverso lo sviluppo dell'occupazione senza il precariato e il lavoro nero, la lotta all'evasione fiscale e all'abusivismo edilizio, la difesa del potere d'acquisto dei salari, l'accesso per tutti ai beni primari, tra cui anzitutto la casa e l'istruzione, la promozione di una cultura della legalita', la certezza della pena anche per i potenti, maggiori investimenti per progetti socio-assistenziali ed educativi, la tolleranza zero alla corruzione, alla speculazione e allo sperpero del denaro pubblico, la confisca ed il riutilizzo sociale dei beni dei malavitosi.
123.591 siciliani hanno gridato che si puo' diventare cittadini attenti e impegnati, consapevoli che la cosa pubblica non e' "cosa nostra", ma la casa comune dove la regola e' il confronto democratico e non la sottomissione al potente di turno (che invece ha il dovere di rispondere alle volonta' della societa' civile perche' nostro dipendente, in quanto pagato con i nostri soldi) e dove, come diceva Don Lorenzo Milani, si comprende che i problemi dell'altro sono anche i miei problemi.
123.591 volte basta ad una politica faziosa, abietta e idiota, fatta solo di personalismi e di interessi particolari, di potere e denaro, di intrallazzi e corruzione, di malaffare e di crimine.
Eh si, caro Romano, questi 123.591 cittadini sono un impegno anche per lei, che la sua investitura l'ha gia' avuta con oltre tre milioni di voti.
Le richieste e i desideri di questi cittadini di Sicilia sono anche quelli di gran parte della societa' civile italiana perche' milioni di italiani (i migliori!!!) vogliono buttarsi alle spalle l'Italia della Prima Repubblica e gli anni bui che stiamo vivendo. Vogliono ritornare alla stagione del maxi-processo o di Mani Pulite. Con la sua candidatura lei si e' assunto questo grande onere che deve partire necessariamente da quel coro di 123.591 voci, perche' capisce bene anche lei che il nocciolo della questione sta tutto li.
Queste 123.591 voci sono un segno di speranza per un paese migliore dove finalmente la Giustizia abbia diritto di cittadinanza.
Coglierlo e' l'unica via per costruire il futuro; mortificarlo anche solo un po', significa decidere di rubare il futuro.
E allora, o di qua o di la', caro Romano.
Senza se e senza ma.

Articoli correlati

  • Open Data, citizen-science e ambientalismo
    Citizen science

    Open Data, citizen-science e ambientalismo

    L'esempio di PeaceLink a Taranto e possibili campagne in Sicilia
    12 giugno 2019 - Francesco Iannuzzelli
  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
  • E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"
    Editoriale
    Il sistema di comunicazione satellitare militare statunitense MUOS posto sotto sequestro

    E lo Stato Italiano disse: "NO MUOS"

    A Niscemi, a sud della Sicilia, la magistratura ha sequestrato l'impianto militare che sorge in violazione delle leggi dello Stato. E' la straordinaria vittoria di un movimento che ha saputo tenere assieme la tutela della legalità e la visione della nonviolenza.
    14 marzo 2016 - Alessandro Marescotti
  • Niscemi - agosto No Mous. Campeggio al presidio e manifestazione
    Disarmo

    Niscemi - agosto No Mous. Campeggio al presidio e manifestazione

    Dal‭ 6‭ al‭ 9‭ agosto‭ 2015‭ Campeggio Estivo Antimilitarista,‭ Antimperialista, Pacifista presso il Presidio Permanente No MUOS in Contrada Ulmo a Niscemi
    8 agosto 2015 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)