Sociale

RSS logo

Mailing-list Volontariato

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Volontariato

...

Articoli correlati

La lebbra a Milano: AIFO invita a non discriminare le persone colpite

L'episodio di cronaca dimostra che lo stigma sociale legato alla lebbra è purtroppo ancora vivo anche in Italia
4 maggio 2007 - Davide Sacquegna

In merito alla notizia diffusa dai giornali il 3 maggio 2007 su due casi di lebbra registrati a Milano, l'AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau comunica che i casi di lebbra non costituiscono alcun rischio per la popolazione italiana ed è grave che si voglia discriminare le persone extracomunitarie che hanno contratto questa malattia, presentandole come possibili responsabili di una diffusione del contagio. L'episodio di cronaca dimostra che lo stigma sociale legato alla lebbra è purtroppo ancora vivo anche in Italia.

E' urgente che i mass media diano una informazione corretta sull'inesistenza di alcun rischio di diffusione della lebbra in Italia, ma anche sull'importanza di garantire alle persone colpite dalla lebbra il pieno rispetto dei loro diritti socio-sanitari e della loro dignità. La lebbra è oggi una malattia completamente curabile e guaribile e la sua persistenza nei paesi del Sud del mondo è causata da situazioni di povertà, malnutrizione, assenza di servizi sanitari in cui vivono le popolazioni di quei paesi. Combattere la lebbra significa quindi impegnarsi per eliminare le ingiustizie socio-economiche mondiali e restituire a tutte le donne e gli uomini del mondo piena dignità umana, salute e rispetto dei diritti fondamentali. L'AIFO esprime ai cittadini extracomunitari colpiti dalla lebbra la propria solidarietà e invita la popolazione italiana ad unirsi all'impegno di cancellare ogni forma di discriminazione verso queste persone.

AIFO, ispirandosi all'opera di Raoul Follereau, lavora da 46 anni per la cura e la riabilitazione socio-sanitaria dei malati di lebbra e per la tutela dei loro diritti e della loro dignità. Nei suoi progetti sono curati il 10% dei malati di lebbra di tutto il mondo. E' consulente e partner ufficiale dell'Organizzazione mondiale della Sanità e partecipa all'Assemblea mondiale della Salute.

Note:

Ufficio Stampa AIFO
AIFO - Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau
Via Borselli, 4-6 - 40135 BOLOGNA
Tel. 051 4393211 int. 4393214
Fax 051 434046
www.aifo.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)