Nel sito AIFO, in italiano, il recente Rapporto ONU 2007 sui Millennium Development Goals

Un documento di fondamentale importanza per monitorare gli sforzi della comunità internazionale verso gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio
25 ottobre 2007

AIFO ha pubblicato oggi nel suo sito la versione italiana del Rapporto ONU 2007 sugli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, consultabile al link www.aifo.it/saperne_di_piu/approfondimenti/-cooperazione_internazionale_rapporti_studi/pagina123.html.
Esattamente a metà percorso tra l'adozione degli Obiettivi del Millennio e la data termine fissata per il 2015, il Rapporto 2007 costituisce una risorsa chiave per indicare ciò che è stato realizzato e ciò che resta ancora da fare. Dall'analisi del rapporto emergono, come previsto, forti disparità tra le diverse aree del mondo. Sono comunque chiari alcuni segnali di progresso.
I risultati ottenuti dimostrano che realizzare gli Obiettivi del millennio è possibile, ma solo a patto che si investa ulteriormente su nuove forme di concertazione. I dati evidenziano una riduzione della quota di popolazione che vive in condizioni di estrema povertà e del tasso di mortalità infantile, sensibili miglioramenti in materia di educazione, con un aumento dal 1999 del tasso di scolarizzazione e un potenziamento, seppur lento, della partecipazione politica delle donne. Gli interventi di controllo della malaria si sono estesi e si assiste a un ritiro dell'epidemia di tubercolosi, anche se a un ritmo non ancora sufficiente perché si possa dimezzare entro il 2015 il tasso di diffusione della malattia.
Sono ancora molti, però, gli ostacoli da affrontare. Tra i tanti, le disuguaglianze, la mancanza di prospettive lavorative per i giovani, l'urbanizzazione non pianificata, la deforestazione, la carenza d'acqua, la diffusione dell'HIV. A questi si aggiunge immancabilmente il cambiamento climatico, un argomento che deve essere necessariamente affrontato a livello globale, e l'instabilità prodotta dai conflitti.
Dei progressi sono possibili. Occorre adottare un approccio ampio che associ politiche forti, leadership governative, strategie mirate ai poveri, supporto tecnico da parte della Comunità internazionale, finanziamenti adeguati, programmi completi per lo sviluppo umano, quantificazione delle risorse sul medio periodo. Oltre a questo, non deve mancare un aiuto di lungo periodo da parte dei paesi più ricchi, una conduzione delle negoziazioni commerciali più favorevoli ai PVS e una soluzione concertata del problema del debito.
La traduzione in italiano del Rapporto 2007 è stata curata dal Servizio Comunicazione e Raccolta fondi dell'AIFO.

Licenza: Pubblico Dominio

Articoli correlati

  • L'Ucraina sta violando i diritti umani
    Conflitti
    L'ONU esprime preoccupazione anche per "torture, maltrattamenti e violenze sessuali"

    L'Ucraina sta violando i diritti umani

    Il rapporto dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) elenca dettagliatamente varie violazioni. Il rapporto ricorda ad esempio che "gli arresti non eseguiti in conformità con il diritto nazionale costituiscono una privazione arbitraria e illegale della libertà".
    7 luglio 2023 - OHCHR
  • La scuola terreno di conquista
    Pace
    Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole - Formazione e nonviolenza

    La scuola terreno di conquista

    Cresce la propaganda di guerra e la presenza delle FFAA nella scuola pubblica italiana. I protocolli di intesa tra FFAA e Ministero dell'Istruzione, in essere da diversi anni, dovrebbero essere annullati perché incompatibili con l'educazione ai diritti umani e al pensiero critico e democratico.
    5 aprile 2023 - Maria Pastore
  • Ricordare Julian Assange nella giornata ONU dei diritti umani: perché è importante
    CyberCultura
    Questo 10 dicembre, in tutto il mondo

    Ricordare Julian Assange nella giornata ONU dei diritti umani: perché è importante

    Lottare per la liberazione di Julian Assange, co-fondatore del sito WikiLeaks ora imprigionato, significa lottare per difendere TUTTI i nostri diritti umani, così spesso negati o violati, a partire dal nostro #DirittoDiSapere i misfatti dei nostri governanti – anche quelli segretati ingiustamente.
    6 dicembre 2022 - Patrick Boylan
  • Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero
    Europace
    Sull'aggressione militare russa in Ucraina

    Gli Stati Uniti d’Europa per la pace in Ucraina e nel mondo intero

    Di fronte a una possibile escalation che può far scoppiare una terza guerra mondiale l’UE deve chiedere l’immediato cessate il fuoco in Ucraina, la costituzione di corridoi umanitari e l’invio di Caschi blu dell’Onu come forza di interposizione e di aiuto umanitario.
    11 marzo 2022 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.14 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)