Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Antidepressivi a bambini di meno di un anno
    USA, Canada e Australia dettano la linea internazionale in materia

    Antidepressivi a bambini di meno di un anno

    In Australia cresce l’allarme: più di quattromila “depressi” hanno meno di 10 anni, ed oltre cinquecento hanno meno di 5 anni. “Prescizioni inquietanti”, dichiara il portavoce del Royal Australian College of Physicians. Prof. Costa (Policlinico Umberto I°): “Stanno avvelenando i bambini, modificandogli in modo irreversibile il sistema nervoso, questi colleghi sono incoscienti e pericolosi”
    9 dicembre 2008 - Giacomo Alessandroni
  • Di screening in screening
    Gli esami non finiscono mai

    Di screening in screening

    Ma è proprio vero che tutti oggi tutti i bambini soffrono di "disturbi di apprendimento"?
    21 luglio 2008 - Prof.ssa Margherita Pellegrino
  • C'è qualcosa che non va. Sicuramente

    Attacco alla salute dei bambini

    Come è possibile che, mentre i servizi per la salute mentale sul territorio italiano lascino ancora molto a desiderare, si permetta l'apertura di 82 centri in tutta Italia per la somministrazione di psicofarmaci ai bambini cosiddetti "iperattivi"?
    18 novembre 2006 - Dott. Carlo Olivieri
  • Quando la bimba è vivacina
    Sono una signora di 48 anni e nonna di una bimba di 4, che sprizza vitalità da tutti i pori, come si suol dire

    Quando la bimba è vivacina

    Ho deciso di scrivere questa lettera per comunicare il mio stato di forte preoccupazione che mi sta attanagliando ultimamente
    30 ottobre 2006 - Giacomo Alessandroni

"Sequestrati", trattati e contenti

Per diagnosticare un disturbo mentale è sufficiente un'opinione
28 maggio 2008 - Davis Fiore

Una famiglia spezzata e due ragazzini "sequestrati" con provvedimento del Tribunale dei minori. È quanto accaduto nei mesi scorsi a Basiglio, piccolo comune nell'hinterland milanese, dove la figlia Giorgia di 9 anni e stata allontanata per un disegno un po' osé, che poi è risultato essere stato fatto da un compagno di classe.[1] La vicenda ha avuto un lieto fine e i ragazzi hanno riabbracciato la famiglia, ma le domande sono molte e la gente del posto si è mobilitata in cortei di denuncia.

Il mio babbo Motivo di tanta preoccupazione è il modo in cui i diritti di tutti noi possono essere violati con diagnosi pseudo-scientifiche di tipo psicologico. Esami non ne esistono, per diagnosticare un disturbo mentale è sufficiente un'opinione, una valutazioni soggettiva o un semplice test, non dissimile da quelli che troviamo sulle riviste. Test che da anni sono distribuiti in molte scuole italiane, dove i ragazzi vengono indirizzati verso centri neuropsichiatrici. Proprio in questi giorni in asili nido e scuole elementari di diverse regioni italiane come il Veneto, prendono il via i cosiddetti Questionari Italiani del Temperamento (Quit)[2][3].

Se consideriamo nel complesso i bambini indirizzati verso questi centri, i circa qurantamila sottratti alle famiglie e i più di trentamila sotto psicofarmaci, ci rendiamo subito conto dell'estensione di questo fenomeno. Ma non è finita qui, gli psichiatri ritengono che l'8% dei ragazzi sia affetto da ADHD, questo spalanca la strada a operazioni di trattamento ben più massicce.[4] È necessaria un'ampia opera di informazione per fare in modo che tutto questo non accada e che l'Italia non ripercorra le tragiche vicende verificatesi negli ultimi anni in America con il Ritalin.

Non si può più accettare che avvengano situazioni come quella di Basiglio, che i bambini vengano diagnosticati affetti da disturbi e debbano seguire iter inutili e dannosi che rendono impossibile individuare i problemi reali, spesso di tipo pedagogico o sociale, che niente hanno a che vedere con aspetti clinici. Soprattutto, non si può più accettare che un bambino venga allontanato dalla famiglia in seguito a valutazioni soggettive e superficiali.

Note:

[1] Il Corriere della Sera
[2] il Gazzettino
[3] Cybermed Junior
[4] Dica "33"

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)