Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Antidepressivi a bambini di meno di un anno
    USA, Canada e Australia dettano la linea internazionale in materia

    Antidepressivi a bambini di meno di un anno

    In Australia cresce l’allarme: più di quattromila “depressi” hanno meno di 10 anni, ed oltre cinquecento hanno meno di 5 anni. “Prescizioni inquietanti”, dichiara il portavoce del Royal Australian College of Physicians. Prof. Costa (Policlinico Umberto I°): “Stanno avvelenando i bambini, modificandogli in modo irreversibile il sistema nervoso, questi colleghi sono incoscienti e pericolosi”
    9 dicembre 2008 - Giacomo Alessandroni
  • "Sequestrati", trattati e contenti

    "Sequestrati", trattati e contenti

    Per diagnosticare un disturbo mentale è sufficiente un'opinione
    28 maggio 2008 - Davis Fiore
  • C'è qualcosa che non va. Sicuramente

    Attacco alla salute dei bambini

    Come è possibile che, mentre i servizi per la salute mentale sul territorio italiano lascino ancora molto a desiderare, si permetta l'apertura di 82 centri in tutta Italia per la somministrazione di psicofarmaci ai bambini cosiddetti "iperattivi"?
    18 novembre 2006 - Dott. Carlo Olivieri
  • Quando la bimba è vivacina
    Sono una signora di 48 anni e nonna di una bimba di 4, che sprizza vitalità da tutti i pori, come si suol dire

    Quando la bimba è vivacina

    Ho deciso di scrivere questa lettera per comunicare il mio stato di forte preoccupazione che mi sta attanagliando ultimamente
    30 ottobre 2006 - Giacomo Alessandroni
Gli esami non finiscono mai

Di screening in screening

Ma è proprio vero che tutti oggi tutti i bambini soffrono di "disturbi di apprendimento"?
21 luglio 2008 - Prof.ssa Margherita Pellegrino


Riceviamo e - volentieri - pubblichiamo questa lettera della Prof.ssa Margherita Pellegrino la quale richiama l'attenzione sui progetti di screening nelle scuole per l'individuazione di "disturbi di apprendimento".

Compiti per casa

Egregio Direttore,
sono un'insegnante di una scuola media superiore. Ho notato che stanno continuando a fare progetti di screening nelle scuole per l'individuazione di "disturbi di apprendimento".

Uno dei tanti e quello che e stato condotto su bambini della prima elementare di sessantasei plessi scolastici di Modena, secondo il quale a detta degli "esperti" il 20% circa di questi alunni e a rischio di dislessia[1]. Questo risultato ottenuto mediante un test consistente in un "dettato di 16 parole" per misurare le capacita di letto/scrittura, non fa altro che dire che il 20% di questi bambini ha carenze nella lettura e/o scrittura di alcune parole e allora?

Perché tanta enfasi e tanto allarme? Non c'è bisogno di accurate indagini per avere queste informazioni, qualsiasi maestra ha avuto sotto gli occhi queste situazioni da anni e sa che questi errori, andando avanti diminuiranno o non ci saranno più, cosi come è successo ad ognuno di noi nel suo percorso didattico e della vita.

Questi sono bambini che hanno appena messo il piede nella scuola e sui quali prima ancora che inizino ad apprendere, vengono puntati su di loro i riflettori per individuare coloro che sbagliano a scrivere o leggere qualche parola, per dimostrare poi che soffrono di disturbi di apprendimento, che sono dislessici e che su di loro vanno fatti interventi correttivi.

Le conseguenze di questi screening e soprattutto gli interventi suggeriti ed attuati da questi esperti, sono sotto gli occhi degli insegnanti e dei genitori da diversi anni.

Anche quest'anno come negli anni precedenti, mi sono ritrovata, purtroppo mediamente due alunni per classe etichettati dislessici o iperattivi. La differenza tra loro e gli altri studenti e che loro hanno un atteggiamento mentale di sfiducia, di enorme insicurezza, sono affiancati da un'insegnante di sostegno, il che dice chiaramente ai loro compagni, agli insegnanti e a tutta la scuola, che loro sono "gli anormali, gli incapaci, i malati mentali, i diversi, quelli che sono li per compassione, ma che non dovrebbero esserci perché non capiscono niente", ed alla fine riceveranno solo un attestato di frequenza visto che non hanno imparato niente e non ci si aspetta che imparino niente, non gli si può dare un diploma. Hanno notevoli lacune accumulate in tutti questi anni di scuola nei quali e stato l'insegnante di sostegno a scrivere per lui, a leggergli il testo (seguendo le indicazioni degli esperti, perché quegli alunni con questi "disturbi di apprendimento", non devono leggere, non devono scrivere, se non col computer, non devono fare calcoli ecc,).

Una mia alunna alla quale avevo dato alcune pagine da studiare, il giorno dopo mi ha detto che non le aveva lette perché lei e dislessica e non deve leggere e che non devo pretendere che lei legga o scriva quando non c'è l'insegnante di sostegno, naturalmente pur con notevoli carenze e lacune in tutte le materie, alla fine dell'anno e stata promossa perché, "non si poteva pretendere che sapesse come gli altri".

Questi sono i risultati e alcuni degli "interventi correttivi e riabilitativi" di cui parlano questi esperti.
Non e questo forse un modo di inculcare l'idea di incapacità in uno studente e renderlo dipendente dall'insegnante e realmente incapace?

Tutto questo in un contesto in cui l'elevato numero di bocciati dovrebbe farci porre seriamente il problema della didattica. In una mia seconda (superiore) su 26 alunni soltanto otto sono stati i promossi, diciotto hanno registrato un insuccesso (di questi, undici rinviati a settembre, cinque i bocciati ed uno ritirato) e questa non era una delle classi peggiori.

Quali sono i corsi di aggiornamento per gli insegnanti? Quali sono le proposte di intervento per migliorare l'istruzione? Quale è l'addestramento che viene dato nelle università e agli insegnanti di sostegno? Infine, dov'è vengono investiti i fondi per la ricerca e per migliorare le competenze didattiche degli insegnanti?

Gran parte delle risorse destinate all'istruzione vengono investite in screening come quello di cui sopra e in corsi di aggiornamento per addestrare gli insegnanti ad individuare i disturbi di apprendimento nei loro allievi cosi che vengano tempestivamente segnalati al neuropsichiatra infantile e alle Asl.

In cantiere ci sono piani come quello recentemente pubblicato dall'agenzia sanitaria e sociale della Regione Emilia- Romagna, il Dossier N.160/2007 "Politiche e piani d'azione per la salute mentale dell'infanzia e dell'adolescenza", uno dei tanti che stanno cercando di attuare nel nostro paese, un piano che non e altro che la traduzione del "Child and Adolescent Mental Health Policies and Plans" della psichiatria americana, nel quale sono espressamente dichiarati i fini che intendono raggiungere: individuare precocemente attraverso screening le malattie mentali dei minori che in molti casi vengono considerati "erroneamente" come persone che non si "impegnano abbastanza" o che "creano problemi".

Non abbiamo bisogno di aumentare la schiera degli invalidi e di trasformare le nostre scuole in anticamera dei reparti di neuropsichiatria infantile della città.

Grazie a questi screening ed a queste strane teorie che si sono dimostrate fallimentari, il livello dell'istruzione si sta abbassando sempre di più e sarà difficile un cambiamento di tendenza se queste cose non verranno fermate e non si cambierà direzione.

Di sicuro c'è bisogno di migliorare la didattica e di apportare cambiamenti nelle metodologie di insegnamento soprattutto ai livelli di scuola elementare e media.

I bambini e gli alunni in genere non hanno disturbi di apprendimento, soffrono della mancanza di metodi didattici e di studio efficaci che permetta loro di apprendere agevolmente e di diventare cittadini competenti e produttivi.

Note:

[1] Fonte: Quotidiano.net

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)