Sociale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Per un Sud Liberato...

In Memoria di Nicola Occhiofino

In memoria di Nicola Occhiofino, caro amico, politico e operatore sociale esemplare, pubblichiamo di seguito un suo articolo (Mosaico di pace, dicembre 2009) in cui riprende con calore e profezia la sua profonda amicizia con don Tonino Bello.
Ricordiamo con affetto Nicola e, nel giorno della sua morte, uniamo la nostra preghiera a quella di tutti coloro che hanno incrociato i suoi sentieri.
La redazione di Mosaico di pace


24 gennaio 2011 - Laura Tussi

 In memoria di Nicola Occhiofino, caro amico, politico e operatore sociale esemplare, pubblichiamo di seguito un suo articolo (Mosaico di pace, dicembre 2009) in cui riprende con calore e profezia la sua profonda amicizia con don Tonino Bello.

Ricordiamo con affetto Nicola e, nel giorno della sua morte, uniamo la nostra preghiera a quella di tutti coloro che hanno incrociato i suoi sentieri.
La redazione di Mosaico di pace
  

Per un Sud liberato

Capaci di pace, di giustizia e amore per il creato. Il realismo della profezia in don Tonino.

Nicola Occhiofino (Già assessore al Comune di Bari)



Il volto pulito, il dolce sorriso sulle labbra, la luce di contagiosa
bontà negli occhi, la gioia nel comunicare: è l’immagine che conservo
di don Tonino.

Sentiva profondamente l’obbligo, per il cristiano, di non negarsi mai,
armonica sintesi delle tre virtù teologali, fede, speranza e carità.

Erano sempre presenti in lui i versi del salmo 84: “Misericordia e
verità s’incontreranno, giustizia e pace si baceranno. La verità
germoglierà dalla terra e la giustizia si affaccerà dal cielo”.

Riguardo al tema affidatomi dagli organizzatori, che ringrazio
fraternamente per il convegno e per aver invitato la mia modesta
persona, mi soffermerò, nel mio intervento, sulle grandi sfide che
interpellano nell’oggi soprattutto la politica.

In una crisi economica, a livello mondiale, dai risvolti catastrofici,
tragici, nella difficile ma determinante materia, gli insegnamenti di
don Tonino, a ben riflettere, si rivelano, come non mai, attuali e
doviziosi.

Per lui, prima di tutto, soprattutto era la pace.

Nella sua vita emergeva continuamente l’identità con la costruzione e
la salvaguardia della stessa.

Gravemente ammalato volle recarsi con i cinquecento a Sarajevo.

Fu un salire veramente sulla croce.

Tale, indimenticabile missione ha rappresentato una straordinaria
testimonianza che rimarrà non solo nel movimento pacifista,
un’impronta indelebile ed emblematica per la Chiesa cattolica.

Si trattò anche di un importante, inedito scavo in tema di scienza
della pace, da riprendere con la dovuta urgenza e con la costante
sistematicità.

Furono battute strade mai percorse congiuntamente, si dischiusero
nuovi orizzonti.

L’elaborazione divenne realtà.

Sorsero allora le aree di nonviolenza attiva negli stessi luoghi e
spazi contemporaneamente battuti dalle armi, un nuovo salvifico
paradigma.

Assunse la dimensione di una formidabile e vissuta scoperta nello
studio della nevralgica necessità della permanente tutela della pace.

Un modello d’assoluta novità che si staccava decisamente dal passato
bruciando le brutali scorie del tempo.

Incominciò così ad ardere un dolce fuoco, al quale accostarsi,
riscaldarsi, tonificarsi.



Contro la follia della guerra

Si levò come il suono di una campana che richiamava la follia della
guerra, chiamandola per nome: inutile, devastatrice, insomma sempre
ingiusta, mortale.

Nell’oggi è doveroso scoprire le nuove ragioni e le nuove lettere
della pace, avendo per laboratori le strade, forgiando l’apposita
cassetta informatica, dotandola dei suoi migliori attrezzi.

Necessita mobilitare le innamorate e gli innamorati della nonviolenza,
formare nel contempo il necessario, aggiornato vocabolario.

La guerra, in verità, infligge morte, risponde sempre a miserabili
interessi, colpisce al cuore lo stesso cosmo, alimenta l’antigenesi, è
una micidiale offesa alla povera gente, un’oscena sozzura.

Per far radicare la pace, il suo vescovo era sempre in cammino, senza
dar mai alcun segno di stanchezza.

Chi per essa andava dappertutto non poteva certamente disinteressarsi
dei pericoli e degli attentati di violenza presenti nella sua regione.

Meraviglioso il suo appello, riguardante i poligoni di tiro sulla
Murgia, rivolto ai consiglieri regionali. Si batteva contro l’estesa
occupazione del territorio della Puglia, divenuta la più militarizzata
regione del Paese. Le aree attrezzate per l’uso delle armi, i luoghi,
ad esse adibiti, sono incompatibili con il suo sviluppo. Viene
cancellata del tutto la sua funzione di cerniera tra il Mediterraneo e
l’Europa.

L’armamentario puntato contro i nemici, artatamente costruiti,
sradicano tutto, bloccano il più tenue tentativo di dialogo, uccidono
anche le parole.



Il rischio Mediterraneo

Il bacino pugliese prende il volto, agli occhi dell’importantissima
area mediterranea, di una sofisticata, pericolosissima, moderna
postazione bellica.

Si attua così una miope politica, braccio del complesso industriale
militare, che trasforma la gente, dal comune cammino e destino, in
“potenziale nemico”. Favoloso il documento sugli F-16, annunciati per
Gioia del Colle. Don Tonino non nascose le difficoltà di un nuovo
documento dei vescovi della metropolia di Bari sulla
rilevante,complessa tematica. Com’era nel suo costume, si impegnò nel
modo migliore. Ho presente vivamente in me la felicità con la quale mi
comunicava telefonicamente l’avvenuta approvazione del famoso testo.
Venne fuori uno scritto stupendo, del quale se ne parlò in sede ONU.
Nel nostro Paese suscitò un grande clamore.

Intervennero l’allora presidente del Consiglio dei ministri Ciriaco De
Mita, criticandolo aspramente e l’on. Bettino Craxi che, in modo
insensato, chiamò in causa il Concordato.

Don Tonino, impegnato nel Congresso Eucaristico Nazionale in Calabria,
mostrò sul caso una serafica tranquillità. Forte era in lui l’amore
per i Sud del mondo, anche del suo, che continuano a essere rapinati
dai potenti, si batteva per la loro liberazione.

Amava moltissimo la sua terra vivendone la passione creativa. La
voleva pura, nemmeno minimamente inquinata, non intaccata nella sua
vocazione, non violentata da nessun tipo d’armi, neanche dal più
piccolo ordigno di morte. Perché bella, feconda per natura, baciata da
splendidi mari, gravida di vita,dalle notevoli potenzialità di bene.

Accorata era l’esortazione alla sua gente a levar alto lo sguardo e
incamminarsi con passo spedito per dare vita ai necessari, radicali
cambiamenti.

Chiedeva il quotidiano impegno, il non più delegare, antico morbo
dell’impotenza, il dotarsi di conoscenza, competenze, sapere. Incitava
a mettere in moto le vive intelligenze, a far esplodere le innate
creatività, a indicare orientamenti, elaborare proposte, apprestare
progetti. Spronava a partecipare con coraggio, fatica, sacrificio, a
mettere fuori le grandi, inutilizzate risorse, a radicare in concreto
la cittadinanza attiva, allargando gli spazi della democrazia, non
facendo mai venir meno la passione civile, il trascinante entusiasmo.

Tutto questo è determinante, oggi più di ieri, per le nuove complesse
sfide che il Mezzogiorno deve affrontare, per dare vita al suo
liberante affrancamento. Considerava il Mediterraneo arteria di pace,
area di cooperazione e di sviluppo, benedetta dalla geografia,
arricchita dalla storia.

Un mare che doveva creare, ancora una volta, una nuova civiltà,
generatore di cultura, irripetibile, inimitabile caleidoscopio di
originali entità, sintesi di eredità storiche popolari, di specifiche,
singolari configurazioni, originale crocevia a cui tocca scrivere
nuove pagine di storia.

È tempo dunque che scrutando nel pensiero dell’amato vescovo, per un
collettivo impegno, diventi, per varie e valide ragioni, il mare della
pace, della costruzione della nonviolenza, del nuovo umanesimo, dei
copiosi incontri, del tonificante soffio di spiritualità,simbiosi
creatrice di religioni dagli annunci profetici.

Può aiutare in tale direzione il disgelare le sue ancora tante,
sconosciute capacità, la sua peculiare ricchezza, il patrimonio nei
molteplici campi non ancora arati del tempo moderno, dei nostri
giorni.

Un mare solcato, con velocità, da navi amiche, via maestra e
provvidenziale che intensifica scambi culturali, di ricerca, di
scienze, libera investimenti nella cooperazione paritaria e liberante
tra genti, Paesi, popoli, alimentando soprattutto lo sviluppo delle
aree più povere, sfruttate, emarginate. Frequentato da collettività,
artefice dell’equo e necessario progresso, agente di grande
solidarietà, di globale emancipazione, segno gioioso e collettivo di
vita, non più triste e costante connotato di morte.



La valenza etica dell’impegno politico

L’attuale stagione politica, nel nostro Paese, si presenta gretta e
greve. Soffia un vento che abbatte le povere e i poveri. Calpesta la
sfera dei diritti, l’area dell’emarginazione, della sofferenza,
l’universo dei disagi conoscono gravi, delittuosi segni. Il lavoro,
espressione di dignità per ogni persona, subisce una vergognosa
aggressione, i mentitori maneggiano l’informazione, l’illegalità
serpeggia nei palazzi governativi, in più di uno è visibile dalla
piazza.

Circola sempre più un’aria mefitica di regime. È la devastante
conseguenza di un iniquo sistema economico, militare e mass-mediatico
che ignora, danneggia, esclude con le invereconde leggi del mercato e
del capitale. Di fronte a un così tragico quadro bisogna scendere in
campo.

Scegliendo il pensiero di don Tonino, si tratta di impegnare tutte le
positive energie per incarnare nella lotta alla povertà, alla
disoccupazione, alla precarietà, all’illegalità, i fondamentali
diritti umani. Su tutti il primato della persona, la pace, la
giustizia, il lavoro, l’eguaglianza.

È il bene comune, che può essere conseguito solamente declinando in
concreto la centralità delle ultime e degli ultimi. Per raggiungere
tale salvifica meta, s’impone in qualsiasi scelta la valenza etica
dell’impegno politico.

Don Tonino Bello, con adamantina chiarezza, così affermò: “A ogni modo
il consenso politico non si può esigere nel nome della fede.
Diversamente si farebbe un uso ideologico e strumentale della fede
stessa. In politica i cristiani devono ottenere il consenso non nel
nome di Gesù Cristo, ma nel nome del programma valido, della loro
coerenza, della loro onestà, della loro capacità politica e
professionale. Agli uomini politici va chiesta la pulizia morale, una
prassi di vita trasparente, scelte rigorose e convincenti”.

La politica, con le sue parole”arte nobile e difficile”, deve tornare
ad avere il fascino di una grande tensione ideale, civile, morale. Va
esercitata, anche nell’età del computer, con pulizia, competenza,
rigore, onestà, integrità, rettitudine, coraggio, sacrificio, dignità,
autorevolezza.

Con l’esempio che trascina nella dimensione del servizio.Essa non può
essere slegata dai valori, altrimenti diventa una ben misera cosa.
Dotati di laicità e autonomia, educati al pluralismo, le cattoliche e
i cattolici nell’agire politico sono chiamati, in quanto cittadine e
cittadini, a essere competenti, coraggiosi, credibili, profetici, a
lottare contro qualsiasi, ingiustizia, a stare sempre dalla parte di
coloro che hanno più bisogno.

Ci sono numerosi esempi al riguardo. Il vescovo, tanto amato, di Pax
Christi stimava molto Giorgio La Pira, del quale voglio richiamare un
passo tremendamente attuale nell’oggi. Lo scrisse nel 1955 da sindaco
di Firenze, ”fino a, quando voi mi lasciate in questo posto mi opporrò
con energia massima a tutti i soprusi dei ricchi e dei potenti. Non
lascerò senza difesa la parte debole della città:chiusura di
fabbriche, licenziamenti e sfratti troveranno in me una diga non
facilmente abbattibile Tuttavia la vera politica sta qui: difendere il
pane e la casa della più gran parte del popolo italiano. Il pane e
quindi il lavoro è sacro; la casa è sacra: non si tocca impunemente né
l’una né l’altra… e che essere senza casa e senza lavoro è la peggiore
delle calamità. Questo non è marxismo,questo è Vangelo”.

È il porre al centro, anche del più piccolo atto di governo, la
prioritaria domanda: va in direzione di chi non ha o in direzione di
chi ha già? Nell’attenzione a non ammalarsi di integrismo, le donne e
gli uomini di fede devono impegnarsi con tutte le forze del
cambiamento. Un’arte del governare aperta alle vere e necessarie
novità, che abbia il senso della storia pur attentissima alla cronaca,
faccia precedere i fatti alle parole, inveri la cultura nell’azione,
che sveli l’impotenza della violenza e la potenza liberatrice della
nonviolenza, difenda la dignità anche di una sola persona.

Con la speranza delle donne e degli uomini nuovi, ispirandosi alla
prima lettera di S. Pietro, a quella di Diogneto, hanno il compito di
contribuire a dischiudere nel mondo la primavera della giustizia e
della pace.

Sorreggono questo, arduo ma fascinoso compito le stesse parole di don
Tonino:”Coraggio, profeti della primavera, la terra per non
rabbrividire ha bisogno di vestali della speranza”.



Una benefica contaminazione

Anche sull’umana questione dell’immigrazione, il vescovo nato nel
profondo Sud, ha lasciato un patrimonio dal quale attingere
continuamente. Emblematica la lettera al fratello marocchino con lo
stupendo affresco “se passi da casa mia fermati”.

La tematica delle migranti e dei migranti, ci ha insegnato, è un
pellegrinare planetario, frutto di sistemi economicamente iniqui,
sfida lanciata al cuore malato dell’Occidente, affamato di senso,
prigioniero di un offensivo egoismo, com’è accaduto, in questi giorni
sulla crisi economica nei confronti dei Paesi dell’Est. Simbolo
unitario delle tante e diverse sofferenze che colpiscono in modo
infraumano e non fanno più vivere.

Colpisce i cuori, con lancinante tristezza, le disumane tratte delle
donne, delle bambine e dei bambini. È tornata la schiavitù nella
celebrata società dell’informazione. Il nuovo secolo che si è aperto
ne sarà profondamente segnato. Lo è già nei suoi, primi anni, come
stiamo vivendo.

Diventerà diversa l’attuale geografia del mondo. Si odono accenti di
molte e diverse lingue ma non è la nuova Babele. Dalla contaminazione
nascono nuovi valori,si affacciano virtù non ancora conosciute, una
lingua verrà finalmente riconosciuta, quella dell’umanità, già
presente nell’intelligenza e nel cuore di ogni vivente.

I volti mai visti parlano delle meraviglie delle differenze, si fa
strada un nuovo internazionalismo.

Don Tonino andava a trovare le migranti e i migranti, ponendo in
essere una straordinaria caratura biblica.

C’incontrammo al loro primo arrivo, su una nave, nel porto di Bari.
Non si trattava ancora delle albanesi e degli albanesi che arrivarono
invece nella torrida estate del 1991, sempre nel porto di Bari e
furono trattati dal governo italiano in modo cinico, da nuova
barbarie, oggi purtroppo codificata in vergognose leggi.

Un atteggiamento condannato duramente da don Tonino, accorso sul luogo
con la solita tempestività,dettata da traboccante umanità.
Instancabile viandante, costruttore di nuovi orizzonti, don Tonino, ha
sempre insegnato ad accogliere i senzaterra, a costruire ponti, ad
abbattere confini e barriere, ad andare incontro alle ultime e agli
ultimi,divenendo loro compagno di vita. Con il salmista sapeva che “Il
Signore protegge il forestiero…..(salmo 145)”.

Perché nella sua vita la centralità apparteneva al Cristo, al volergli
bene, dopo veniva tutto il resto.

Aveva un rapporto magnetico con i giovani, frutto dello stupore ancora
intatto che manifestava su tutto, della sua esortazione a non spezzare
sogni, speranze, delle straordinarie virtù che esprimeva, della sua
autentica, fascinosa coerenza evangelica.

Come pochi sapeva ascoltare ,parlare, stare con loro.

Era singolare il suo modo di comprenderli, stimarli, amarli. È stato
sempre seguito dai lontani dalla Chiesa, stimato, voluto bene. Nei
suoi confronti mai un cenno di strumentalizzazione. Avevano un’alta
concezione della sua persona. Le notizie, sulle sue condizioni di
salute, quando era ammalato, erano chieste, a me consta direttamente,
con crescente ansia e sincera preoccupazione, da tanti, anche da chi
non aveva il dono della fede.

Un gran dolore accompagna le innamorate e gli innamorati della vita
per la crisi di questi giorni, con i massacri economici che lacerano
corpi, sconvolgono animi . Il mondo diventa sempre di più una
polveriera. A pagare sono soprattutto, i senza voce. Quante volte ce
l’ha ripetuto: “Ma perché dopo tanti secoli di cristianesimo
l’ingiustizia imperversa e il potere dell’uomo sull’uomo umilia ancora
le turbe dei poveri? Ma perché sui banchi di teologia abbiamo
consumato tanto tempo per studiare l’uguaglianza delle persone divine,
se poi non abbiamo la voce per mettere in discussione questo perverso
sistema economico che fa morire di fame ogni anno cinquanta milioni di
persone. Quando riusciremo a capire che le ingiustizie anche quelle
nostre private non solo sono causa di tutte le guerre ma sono anche
eresie trinitarie? E invocheremo lo Spirito Santo non solo perché
rinnovi il volto della terra ma anche perché faccia un rogo di tutte
le nostre paure”.

Le istituzioni sono chiamate ad aprire con urgenza una nuova stagione
quella della sapienza di governo e del cuore generoso.

È necessaria un’urgentissima rivoluzione nelle menti e nei cuori, una
vera e propria metanoia nella politica a tutti i livelli, locale,
nazionale, europeo, internazionale.

Bisogna rovesciare la piramide, leggere la realtà con altri occhi.

È tempo che negli atti amministrativi si pongono al centro le escluse
e gli esclusi, le vittime che sono il cuore della politica. Da noi
deve formarsi, con la massima urgenza, una nuova classe dirigente del
Paese perché le istituzioni diventino presidi di legalità,
trasparenza, solidarietà, agenzie di giustizia e di pace. La politica
non deve mai più essere luogo di personali interessi, di individuali
scalate, di vergognose speculazioni, di osceni affari, di immondi
guadagni che conducono, tra l’altro, al suo massacro, alla sua fine.

Deve diventare, invece, pulita anche del più piccolo residuo
machiavellico, un luccicante firmamento di equità, sede di umanesimo
mai conosciuto, inedito lido del giusto e del bello, esercizio
responsabile di utopia e concretezza nel quotidiano in modo che ogni
persona possa dignitosamente vivere.

Per tutto questo bisogna rivolgersi sempre di più a don Tonino Bello.

Il vescovo di Dio, il profeta, il santo ci dice ancora…: “Torniamo ad
essere limpidi…Innamoriamoci della trasparenza…Cambiamo rotta…È già
tardi e il tempo stringe”.





Box

Fino a, quando voi mi lasciate in questo posto mi opporrò con energia
massima a tutti i soprusi dei ricchi e dei potenti. Non lascerò senza
difesa la parte debole della città:chiusura di fabbriche,
licenziamenti e sfratti troveranno in me una diga non facilmente
abbattibile. Tuttavia la vera politica sta qui: difendere il pane e la
casa della più gran parte del popolo italiano. Il pane e quindi il
lavoro è sacro; la casa è sacra: non si tocca impunemente né l’una né
l’altra… e che essere senza casa e senza lavoro è la peggiore delle
calamità. Questo non è marxismo,questo è Vangelo.

Giorgio La Pira

  
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)