Franca Rame....e il cuor farà tremila capriole.

Franca, amica mia carissima...

30 maggio 2013

...te ne sei andata prima che mi ricordassi di chiederti (ma giusto per buffa mia curiosità)   in tutti questi anni che abbiamo condiviso le passioni comuni, com’è che sempre portavi quegli orecchini a goccia di corallo rosa…

 

Gli è che quel maledetto uranio impoverito che falcidiava (e prosegue a falcidiare) i nostri soldati (altrimenti detti missionari di pace) mandati al macello in mutande e canottiera, a differenza degli alleati americani fin dagli anni ’90 dotati per legge almeno d’indumenti protettivi, ci aveva preso, tu come parlamentare me come giornalista, anima e corpo. E chi aveva tempo e testa, dunque per pensare ad altro? Tu al Senato urlavi quei fatti, fatti già ben documentati nella commissione d’inchiesta di cui facevi parte. E’ grazie a quella che i nostri soldati e i loro familiari sono stati ascoltati (quelle che precedettero si risolsero in qualcosa che possiamo definire solo ridicolo) e in parte hanno ottenuto un po’ di giustizia. Quanto hai lavorato  Franca cara e quanti, come me, sanno veramente quanto di tuo hai sacrificato in quei percorsi?

 

E tutto il resto? Eh sì eh. Mica t’occupavi “solo” dell’uranio impoverito. Anni e anni prima dell’ufficialità istituzionale per odierna crisi, già tu denunciavi lo stato delle famiglie costrette a rovistare a fine mercato, della precarietà dei loro figli, dell’esponenziale forbice tra i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Il compenso ricavato da senatrice, detratte le spese che scrupolosamente documentavi (fino all’ultimo scontrino per pochi euro di cancelleria) lo devolvevi in beneficenza. Del resto col miliardo di lire ottenuto per il nobel di Dario, compraste decine di pulmini attrezzati per disabili…

Ah sì, poi c’era anche la tua straordinaria bravura d’attrice di Teatro (doverosa T maiuscola) sulle cui scene sei pure riuscita a portare la scarnificante esperienza che solo donna può comprendere…

 

Franca amica mia carissima…quanto s’è da te preteso?

 

 

Articoli correlati

  • Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole
    Sociale

    Franca Rame...e il cuor farà tremila capriole

    30 maggio 2013 - Nadia Redoglia
  • Perché la Senatrice Franca Rame si è dimessa?
    Ecologia
    "Nel nostro Parlamento si ragiona in termini di ere geologiche"

    Perché la Senatrice Franca Rame si è dimessa?

    Le presento le mie dimissioni irrevocabili dal Senato della Repubblica, che Lei autorevolmente rappresenta e presiede. Una scelta sofferta, ma convinta, che mi ha provocato molta ansia e anche malessere fisico, rispetto la quale mi pare doveroso da parte mia riepilogare qui le ragioni.
    21 gennaio 2008 - Franca Rame
  • Sull' eventualità di un Rigassificatore a Taranto
    Taranto Sociale
    Dal Blog della Senatrice Franca Rame, la risposta ad un nostro concittadino

    Sull' eventualità di un Rigassificatore a Taranto

    "Quando ho sentito la notizia che nel Decreto Bersani allegato alla Finanziaria, il Comune e la Provincia di Taranto venivano "espropriati" dei poteri decisionali sulla questione Rigassificatore, sono rimasto a dir poco contrariato"
    30 ottobre 2007 - Aldo De Nicolò
  • Gentile Sen. Franca Rame, Qui la situazione è grave
    Taranto Sociale
    Una lettera al Corriere del Giorno indirizzata alla Sen Franca Rame

    Gentile Sen. Franca Rame, Qui la situazione è grave

    "Il mondo politico si ostina ad imporre scelte dettate da principi assolutamente estranei all’interesse generale e alla salvaguardia della salute pubblica e dell’ambiente in cui viviamo, scelte che paghiamo ogni giorno sulla nostra pelle e su quella dei nostri figli"
    25 ottobre 2007 - Lea Cifarelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)