A Bruxelles, al Parlamento Europeo. Prevenzione e salute.

#SALUS La Salute al centro!

Promuovere la salute è oggi la strada maestra da percorrere, per il miglioramento della qualità della vita delle persone, la sostenibilità ed equilibrio del pianeta, per un rapporto armonico con la natura e gli altri esseri viventi del pianeta.
16 aprile 2019
Eleonora Evi (Europarlamentare - Movimento 5 Stelle. Membro della Commissione per l'ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare.)

Bandiera dell'Unione Europea Mercoledì 10 aprile al Parlamento europeo ho avuto il piacere di ospitare un’importante conferenza “SALUS: la centralità del paradigma salute” organizzata insieme a Lumen Scuola di Naturopatia (vedi note).

Risulta sempre più chiara la necessità di un radicale cambio di paradigma nel modo in cui intendiamo la salute, che sposti l’attenzione dalla cura alla prevenzione, attraverso la diffusione di buone pratiche e stili di vita sani e l’adozione di strategie per la riduzione dell’uso di antibiotici.

Secondo i dati Eurobarometro nel 2050 i morti a causa della resistenza agli antibiotici potrebbero ammontare a oltre 2.4 milioni di persone. Un numero allarmante che deve far riflettere e spingerci ad agire, in Italia come in Europa.

Promuovere la salute è oggi la strada maestra da percorrere, una strada dalle incredibili potenzialità in termini di miglioramento della qualità della vita delle persone e dai risultati certi sia per le tasche dei cittadini, che vedrebbero una netta diminuzione della spesa pubblica sanitaria, sia per la sostenibilità ed equilibrio del pianeta, ristabilendo un rapporto armonico con la natura e gli altri esseri viventi del pianeta.

Di questi importanti temi abbiamo discusso grazie al contributo di medici ed esperti del settore provenienti da tutta Europa, ponendoci degli obiettivi ambiziosi per il futuro.

Un ringraziamento speciale va alla ideatrice e iniziatrice di questo evento Milena Simeoni, direttrice di Lumen, ad Alberto Donzelli, Medico specialista in igiene e medicina preventiva e Chiara Cusa, Medico chirurgo, specializzata in Medicina Interna, con i loro tre preziosi interventi hanno reso la conferenza un momento di divulgazione di altissimo livello e gettato le basi per le azioni future.

Su YouTube è possibile rivedere la conferenza già trasmessa in diretta streaming:

https://www.youtube.com/watch?v=yrUuAytbdjg&feature=youtu.be

Note: LUMEN Associazione per la Medicina Naturale è una realtà di promozione sociale, iscritta al registro provinciale delle associazioni, che opera dal 1992 come società “apartitica, asindacale ed aconfessionale e si propone scopi: culturali, sociali, formativi, scientifici ed assistenziali. L’Associazione non ha scopo di lucro, né diretto, né indiretto” (art. 2 dello Statuto).

Articoli correlati

  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
  • UNIMONDO - Pensare la cittadinanza planetaria
    Pace
    UNIMONDO Editoriale:

    UNIMONDO - Pensare la cittadinanza planetaria

    26 giugno 2015 - Laura Tussi
  • Salute bene indisponibile
    Ecologia
    L'ambiente e la prevenzione non hanno prezzo

    Salute bene indisponibile

    Con la campagna elettorale riappaiono i fantasmi che delegittimano l'operato degli ambientalisti
    24 marzo 2012 - Maurizio Portaluri
  • Prevenzione dei tumori femminili. Noi tarantine per la Regione Puglia siamo cittadine di serie B
    Taranto Sociale
    Dopo aver telefonato al call center regionale, scrivo questa lettera ai giornali

    Prevenzione dei tumori femminili. Noi tarantine per la Regione Puglia siamo cittadine di serie B

    Gli studi epidemiologici registrano che la mortalità per tumore alla mammella dall’inizio anni ’90 comincia a diminuire a livello regionale ma non per le residenti nel comune di Taranto. Ma la Regione non ha ancora fatto partire a Taranto il programma di screening (mammografico, cervicale e colorettale). Quanto tempo, presidente Vendola, noi donne che abitiamo qui a Taranto dovremo aspettare?
    5 dicembre 2007 - Antonietta Podda
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)