L'Italia e la pena di morte

La lunga lotta per l'abolizione della pena capitale

Il primo passo lo fece la Toscana nel 1786. La Costituzione Italiana (art. 27) la prevedeva solo "nei casi previsti dalle leggi militari di guerra". Nel 1994 la pena di morte è stata definitivamente eliminata anche nel codice militare penale.
14 dicembre 2003
carlobiagioli@libero.it

La Toscana fu la prima in Italia ad abolire la pena di morte. Il 30 novembre del 1786 il Gran Ducato di Toscana sotto Pietro Leopoldo promulgò il nuovo codice criminale; per la prima volta nella storia degli stati moderni, con questo documento, furono abolite la pena di morte e la tortura. Difatti in quell'anno al Palazzo del Bargello tutti gli strumenti di tortura e di esecuzione furono bruciati. Il 30 novembre è una data simbolica che rimanda a eventi rivoluzionari che onorano la Toscana. Questa regione ha deciso di celebrare questa data storicamente importante ogni anno. In altri stati italiani tale pena era ancora largamente prevista.
La Camera dei Deputati passò nel 1865 il testo del nuovo codice penale che includeva l'abolizione della pena di morte. Il progetto in qualche modo cambiò, passò nel 1888 da entrambe le camere e divenne nel 1889 il codice penale Zanardelli, che fu mutato nel codice Rocco del 1930.

La pena di morte fu restaurata nel codice penale emanato durante il periodo fascista per crimini comuni; essa fu nuovamente abolita da un decreto legge nel 1944, che limitava l'abolizione ai codici ordinari, non cambiando le pene militari. In questo periodo (1944) la pena di morte fu ammessa solo per alcuni casi dal codice Militare di Guerra e veniva eseguita per taglio nel cesto (decapitazione), in un luogo militare. Ma quando la condanna comportava la degradazione del militare, veniva eseguita tramite fucilazione: tale esecuzione ha un significato particolarmente disonorevole ed è prevista per determinati crimini ignobili (per esempio tradimento, spionaggio, diserzione ai nemici). Il codice penale militare non è mai stato applicato in periodi di pace (1944-1994). Nel 1994 la pena di morte è stata definitivamente abolita con l'abrogazione del relativo articolo del codice militare penale.

Note: Per approfondimenti storici: Aldo Migliorini, "Tortura, inquisizione, pena di morte", Lalli editore (Poggibonsi, 1997), distribuito nel Museo della Tortura di San Giminiano (Siena).

Articoli correlati

  • La scommessa della rifondazione dello Stato dal basso
    Latina
    Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (II)

    La scommessa della rifondazione dello Stato dal basso

    Intervista ad Anabella Sibrián
    2 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (I)
    Latina

    Per un Guatemala senza corrotti e plurinazionale (I)

    Mobilitazioni e proteste in tutto il paese
    30 agosto 2021 - Giorgio Trucchi
  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)