I barbari e gli storici

Tacito, uno storico che rivaluta i barbari

Mentre molti uomini di cultura hanno costruito lo stereotipo del barbaro "incivile", nell'impero romano Tacito compie un'operazione rovesciata e li rivaluta. Ecco perché.
21 settembre 2004
Fonte: U. Diotti, "Le civiltà dell'alto Medioevo", De Agostini, Novara 2001, p.11
http://www.carraronan.org/warriorsunited/germania.htm

Lo storico romano Tacito, scrivendo intorno al 98 d.C., tracciò dei Germani un quadro notevole "forse più per intento morale che per fedeltà oggettiva", scrive Umberto Diotti.

Scopo di Tacito era infatti porre in contrasto l'idealizzata semplicità della vita dei germani con il lusso degenerato della società romana, e trovare nei costumi dei cosiddetti "barbari" argomenti per condannare i suoi contemporanei.

Scrive Tacito dei Germani: "Scelgono i re per nobiltà di sangue, i comandanti in base al valore. I re non hanno potere illimitato o arbitrario e i comandanti contano per l'esempio che danno, non perché comandano, facendosi ammirare, se sono coraggiosi, se si fanno vedere innanzi a tutti, se si battono in prima fila. (...) Sulle questioni di minore importanza decidono i capi, su quelle più importanti, tutti; comunque, anche quelle di cui è arbitro il popolo subiscono un preventivo esame da parte dei capi".

Articoli correlati

  • Storia della Pace
    Una poesia di Rutebeuf (1230-1285)

    Il peto del villano

    La poesia è la descrizione sarcastica e impietosa dei poveri contadini, cosiderati così rozzi e volgari da non meritare neppure l'inferno. I diavoli rifiutano l'anima del contadino perché troppo puzzolente.
    12 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Cultura

    Arroganza e pregiudizi

    L'Africa è il polmone vitale del Pianeta Terra. E' il luogo dove la vita è nata e dove i suoi colori più sgargianti esplodono. Nel sorriso di un bambino che gioca o di una donna che lavora la vita pulsa.
    12 febbraio 2006 - Alessio Di Florio
  • Storia della Pace
    Intellettuali e pace

    Tacito e la pax romana

    Nell'Agricola fa dire ad un capo caledone queste parole a proposito dei romani: "Là dove fanno il deserto gli danno il nome di pace". Già Sallustio si era espresso in merito all'imperialismo romano.
    26 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
  • Storia della Pace
    Intellettuali e potere

    Tacito e la libertà di opinione

    A partire da Augusto una opinione “scomoda” poteva diventare un reato perseguibile dalla legge.
    20 dicembre 2004 - Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)