Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Iniziativa di PeaceLink

Bloccare i dragaggi nella base navale a Taranto: esposto alla Procura della Repubblica di Taranto

L'esposto è giunto anche a Nichi Vendola che ha esercitato i poteri che gli consentono di bloccare i dragaggi per la "tutela del pubblico interesse, senza che i concorrenti possano vantare diritti o aspettative di sorta”, come recita il bando da lui stesso firmato.
15 febbraio 2006

Questo esposto alla Procura, a tutela di un pubblico interesse, si somma all'azione di carattere legale che i mitilicoltori hanno avviato a tutela dei propri legittimi interessi, prevedendo un contraccolpo ecologico e produttivo a causa dei dragaggi.

Alessandro Marescotti
Presidente di PeaceLink

Esposto

Alla Procura della Repubblica di Taranto
Al Presidente della Regione Puglia
Al Sindaco di Taranto

Oggetto: dragaggio del Mar Piccolo di Taranto

Il sottoscritto Alessandro Marescotti nato a Taranto il 20/2/58 e ivi residente in via Liside 28, come cittadino e come presidente dell’Associazione PeaceLink, espone quanto segue.

La Regione Puglia ha pubblicato un bando (“Bando di gara per il risanamento del Mar Piccolo di Taranto”) che prevede il dragaggio dei sedimenti inquinati del mar Piccolo nella zona in cui attraccano le unità navali della Marina Militare per un’area di 170 HA.

Il bando e i relativi allegati sono stati approvati con decreto del Commissario delegato per l’emergenza ambientale, n.144 del 17 ottobre 2005, pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Puglia, n. 134 del 27 ottobre 2005.

Le analisi sui sedimenti hanno appurato la presenza di sostanze inquinanti in quantità elevata, tali da indurre a ipotizzare eventi dolosi o colposi e pertanto potrebbero costituire “notizia di reato”.

L’accertamento delle responsabilità è agevolata dal fatto che l’area in cui sono presenti tali sedimenti è “zona militare” e pertanto su di essa era esercitata una stretta e diretta sorveglianza.

Tali indagini tuttavia non sono state condotte con quelle modalità analitiche - pur consentite dalle attuali tecniche di laboratorio - che consentono la datazione e quindi anche una migliore rintracciabilità delle fonti inquinanti e della loro origine.

In data 31 dicembre 2005 è stato emanato l'avviso di seduta pubblica per l’apertura delle offerte, fissata alle ore 13.00 del giorno 15 febbraio 2006 a Bari in via Lattanzio n. 29, piano terzo.

L’importo a base d’asta è di Euro 25.626.358,80 e prevede l’utilizzo di denaro pubblico.

Il Commissario Delegato per l’emergenza ambientale/Presidente della Regione Puglia nel Bando di gara per l’affidamento del servizio di messa in sicurezza di emergenza del Mar Piccolo di Taranto (pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 134 del 27-10-2005) ha stabilito esplicitamente al punto 15 che “si riserva la facoltà di interrompere o annullare in qualsiasi momento la gara in base a valutazioni di propria esclusiva competenza, comunque finalizzate alla tutela del pubblico interesse, senza che i concorrenti possano vantare diritti o aspettative di sorta”.

L’articolo 18 della legge 349/1986 (“Istituzione del Ministro dell’ambiente e norme in tema di danno ambientale”) stabilisce che “qualunque fatto doloso o colposo in violazione delle disposizioni di legge o di provvedimenti adottati in base a legge che comprometta l’ambiente, ad esso arrecando danno, alterandolo, deteriorandolo o distruggendolo in tutto o in parte, obbliga l’autore del fatto al risarcimento nel confronti dello Stato”.

Gli enti territoriali sui quali incidono i beni oggetti del fatto lesivo sono legittimati a richiedere il risarcimento del cosiddetto “danno ambientale”.

La Procura della Repubblica di Taranto ha avviato indagini su violazioni delle norme anti-inquinamento nell’Arsenale Militare con il pm Vincenzo Petrocelli, procuratore presso il Tribunale di Taranto.

In relazione a quanto esposto il sottoscritto chiede di verificare la legittimità di operazioni di dragaggio che rimuoverebbero completamente il corpo del reato, ossia della prova diretta dell’avvenuta realizzazione del reato, precludendo ogni ulteriore accertamento relativo a datazione e rintracciabilità dell’origine e degli autori degli sversamenti inquinanti. I dragaggi, non consentendo l’acclaramento delle date dei reati e delle responsabilità di chi li ha compromessi, renderebbero alquanto problematica ogni inchiesta interna ed esterna alla Marina Militare circa le responsabilità di chi era preposto ai controlli e all’applicazione delle normative.

Inoltre le operazioni di messa in sicurezza di emergenza prevedono l’utilizzo del pubblico denaro mentre un acclaramento delle responsabilità di chi ha inquinato consentirebbe di realizzare il risanamento a spese di chi ha inquinato e non del contribuente.

Alla luce di quanto esposto lo scrivente ritiene che la “tutela del pubblico interesse” (citata al punto 15 del Bando di cui sopra) sia strettamente connessa all’apertura di una inchiesta sulle responsabilità penali del danno ambientale e alla sospensione di ogni rimozione dei sedimenti in attesa di un pronunciamento dell’autorità giudiziaria.

Articoli correlati

  • Dragaggi, rivediamo la normativa
    Taranto Sociale

    Dragaggi, rivediamo la normativa

    Il sindaco Stefàno scrive ai ministri all’Ambiente, Stefania Prestigiacomo, e delle Infrastrutture, Altero Matteoli, per rilanciare lo sviluppo del porto di Taranto. «La centralità e la strategicità del porto di Taranto nel complessivo sistema portuale sono fattori pienamente riconosciuti. Va sbloccata una situazione legislativa che, così come pensata, non rende giustizia alla voglia di riscatto e alla necessità di crescita e di sviluppo economico dell’intero sistema portuale»
    19 settembre 2008
  • Dragaggi al Porto, ancora tutto fermo
    Taranto Sociale

    Dragaggi al Porto, ancora tutto fermo

    Ieri mattina il convegno della Società di chimica italiana. L’attribuzione degli agenti inquinanti alle fonti di emissione. E’ questa la nuova frontiera della lotta all’inquinamento, annunciata dal direttore generale dell’Arpa Puglia, Giorgio Assennato. E’ fondato il timore che la lobby delle discariche sia in agguato per accaparrarsi milioni di metri cubi di sedimenti.
    19 marzo 2008 - Michele Tursi
  • «Ministero e Regione insieme per un accordo sull'AIA ILVA»
    Taranto Sociale

    «Ministero e Regione insieme per un accordo sull'AIA ILVA»

    Pecoraro Scanio ieri a Palazzo di Città. «Le nuove norme sui lavori nelle aree portuali in un decreto che sarà pronto in questo mese». E sull’Ilva il ministro dice: Regione coinvolta per un accordo sull’Autorizzazione integrata ambientale. L’Aia consentirà di tutelare la salute dei cittadini e di rispettare le norme europee. Pecoraro Scanio chiede l’accordo di programma. Dragaggi al porto, nel mese il decreto che li sblocca
    2 marzo 2008 - Domenico Palmiotti
  • Dragaggi, pressing sul ministro
    Taranto Sociale
    Vico vs Pecoraro Scanio, sollecitiamo l’emanazione del decreto attuativo

    Dragaggi, pressing sul ministro

    La vicenda dei dragaggi al porto di nuovo all’attenzione del ministro per l’ambiente. Dopo le polemiche di questi giorni, ad incalzare Pecoraro Scanio è l’onorevole Ludovico Vico. Il parlamentare ionico ripercorre tutto il procedimento legislativo sulle operazioni di dragaggio
    23 febbraio 2008
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)