Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Indagano le procure di Taranto, Milano, Torino, Livorno, Napoli, Trieste, La Spezia

Marinai che hanno respirato amianto

Le ipotesi di reato mosse ai vertici della Marina Militare: lesioni e omicidi colposi. Nelle navi le vibrazioni e i lavori di manutenzione liberavano fibre di asbesto durante la navigazione. La stessa aria del condizionamento era contaminata.
22 marzo 2006
Fonte: MARINAI E AMIANTO
servizio di Lorenzo Gigli - Tg Leonardo
www.rai.it/TGRrubriche

L'amianto isolava comparti, santabarbare, porte tagliafuoco, motori, caldaie, e impianti di condizionamento, protezioni antincendio, paratie per cannoniere.
Epidemiologi, anatomopatologi, oncologi, ispettori di una quarantina di procure e di aziende sanitarie sono al lavoro.

Risulta che nelle navi le vibrazioni, i lavori di manutenzione, liberavano fibre di asbesto durante la navigazione, la stessa aria del condizionamento era contaminata.

I marinai la inalavano giorno e notte.

Nei porti le norme prevedevano permanenze a bordo di almeno 7 ore.
Note le ferali conseguenze, le decimazioni fra gli addetti alle demolizioni, a lavori di ristrutturazione nei cantieri navali civili e militari, dovute all'amianto con cui erano coibentate le navi.

Ora le procure di tutt'Italia - tra cui Milano, Torino, Livorno, Taranto, Napoli, Trieste, La Spezia - stanno verificando quanti marinai, ufficiali, sottufficiali anche di leva - imbarcati per anni su caccia, cacciatorpediniere, dragamine, sommergibili - siano affetti da tumori ai polmoni e alla pleura, oltre ai 400 deceduti nei comuni di residenza.

Le ipotesi di reato mosse ai vertici della Marina Militare: lesioni e omicidi colposi.

La procura di Torino, da anni impegnata nelle inchieste sull'amianto, imputa anche le accuse di disastro colposo e omissione dolosa di misure di tutela.

Nel luglio '86 la Marina Militare, recependo una circolare del Ministero della sanità, ha vietato l'uso dell'amianto e ha promosso un gigantesco piano di bonifica.

Ma le procure intendono accertare le responsabilità, cioè quali misure avrebbero dovuto essere adottate per evitare che gli equipaggi inalassero notte e giorno fibre di asbesto.

Note: Primi in Europa per l'amianto
http://www.beppegrillo.it/2006/02/primi_in_europa.html

Maxi indagine della magistratura militare per far luce sulla morte di circa 500 persone, tra militari e civili, impiegati negli arsenali e nelle basi navali negli ultimi trent'anni ed esposti all'amianto
http://www.dsonline.it/stampa/documenti/print.asp?id_doc=23214

Articoli correlati

  • L'amianto colpisce anche il fegato
    Ecodidattica
    E' importante adesso formare una nuova consapevolezza

    L'amianto colpisce anche il fegato

    Un gruppo di ricercatori indipendente ha rilevato la presenza di fibre di amianto nel fegato e nelle vie biliari di pazienti dando un’ulteriore validazione a questa ipotesi. L’amianto sarebbe associato ai colangiocarcinomi, aumentando pertanto il rischio di tumore al fegato, oltre che ai polmoni.
    17 luglio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro
    Taranto Sociale
    Amianto

    Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro

    La denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano lavoratori delle ditte in appalto che hanno operato ignari dell'accaduto.
    3 aprile 2019 - AGI
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
  • "Stragi occultate in nome del profitto" di Moni Ovadia
    Pace

    "Stragi occultate in nome del profitto" di Moni Ovadia

    23 settembre 2016 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)