Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Bonifiche, verso l'accordo per evitare il Tar

Area industriale di Brindisi, il 23 giugno l'incontro a Roma. Le aziende, tra cui l'Eni, si sono opposte all'accordo sulle bonifiche. Anche Enel ha in piedi progetti di ambientalizzazioni onerosi, ma rifiuta la transazione.
13 giugno 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- BRINDISI — Marea di ricorsi dei grandi gruppi conto l'Accordo programma per le bonifiche nella zona industriale e nel porto di Brindisi, e nuove proposte degli enti pubblici per evitare il rischio di vanificare la stessa operazione progettata dallo Stato, con la Regione e gli enti locali, per eliminare dai fondali, dalle falde e dai terreni decenni di stratificazioni di scorie tossiche di ogni genere.

Si sono opposti legalmente all'accordo l'Eni e tutte le società del Petrolchimico consortile, fatta eccezione per Basell; la società farmaceutica Sanofi Aventis; lo stesso Enel, mentre Edipower, come Basell (e come Brindisi Lng), ha scelto la strada offerta dal protocollo: dalla quota di costo per il danno ambientale, e da quella degli interventi di bonifica, sarà scomputata una somma pari agli investimenti programmati.

Anche Enel ha in piedi progetti di ambientalizzazioni onerosi, ma rifiuta la transazione. Ma non può essere il Tar del Lazio a decidere su come e quando Brindisi dovrà essere liberata dai veleni. In vista di una riunione del comitato di coordinamento dell'accordo di programma, fissata per il 23 giugno a Roma, nei giorni scorsi si è svolta una consultazione tra enti pubblici a Brindisi (cui ha partecipato anche il Sisri, escluso dall'accordo stesso).

Le proposte in discussione, che saranno portate all'attenzione del comitato, sono: ripartire su tutti i soggetti insediati un costo forfettario pari ad 1 euro a metro quadro, che comprenda danno ambientale e costo di bonifica; escludere da ogni onere i lotti e i terreni mai occupati (per evitare che gli investitori sopportino costi per situazioni di cui non hanno responsabilità alcuna).

L'accordo prevede uno stanziamento di 135 milioni di euro tra ministeri e Regione Puglia (a quest'ultima la quota più importante) per coprire i costi degli interventi, contando però che almeno il 50% venga recuperato attribuendone i costi alle aziende. La Provincia chiede che l'intera quota stimata del danno ambientale, 200 milioni di euro, sia pagata solo dai grandi gruppi.

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)