Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

No alla discarica, Riva fa ricorso al Tar

La decisione dopo lo stop della Provincia di Taranto all'avvio del nuovo sito di smaltimento. La Provincia ha bloccato l'avvio di una nuova discarica per rifiuti pericolosi denomitata «Cava Mater Gratiae» nello stabilimento Ilva e il gruppo Riva, che ne è proprietario, si è rivolto al Tar.
8 ottobre 2008
Nazareno Dinoi
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- LECCE — L'amministrazione provinciale di Taranto ha bloccato l'avvio di una nuova discarica per rifiuti pericolosi nello stabilimento Ilva e il gruppo Riva, che ne è proprietario, si rivolge al Tar di Lecce aprendo un nuovo contenzioso con le istituzioni. Il quesito riguarda un impianto per la raccolta di materiale di scarto della lavorazione industriale situato in una cava dismessa a Statte ricadente nelle proprietà del siderurgico.

Iniziati i lavori 13 anni fa, con tutte le autorizzazioni in regola, questo almeno sostengono i legali di Riva, il prima lotto della discarica in questione, pari ad una capienza di 150mila metri cubi di rifiuti (il progetto completo ne prevede il doppio), è stato completato ma quando la direzione del siderurgico ha presentato la richiesta di inizio attività, dagli uffici del settore Ecologia e Ambiente della Provincia è arrivato il fermo dell'impianto disponendo per esso «l'inoltro di domanda Autorizzazione integrata ambientale (Aia)» al Ministero dell'Ambiente.

Per i legali della famiglia Riva (Francesco Perli di Milano e Roberto Marra di Lecce), le cose non stanno così. Per questo, l'altro ieri, hanno depositato un ricorso al Tar chiamando in causa, oltre alla Provincia, anche il Ministero dell'Ambiente, la Regione Puglia e il Comune di Statte. La controversia avanzata dall'Ilva è basata sul fatto che la discarica denominata «Cava Mater Gratiae» è stata già realizzata «con tutte le prescrizioni fissate nel decreto Valutazione impatto ambientale (Via) e nelle autorizzazioni, comunicando alla Provincia, secondo quanto prescritto, l'avanzamento dei lavori».

Articoli correlati

  • Ilva. E se anche le banche storcono il naso?
    Taranto Sociale

    Ilva. E se anche le banche storcono il naso?

    I conti in tasca al Gruppo Riva. Tra prodotti sequestrati, commesse ritirate e "sforzi finanziari" per pagare gli stipendi
    27 gennaio 2013 - Gabriele Caforio
  • «No» alla discarica dell'Ilva
    Taranto Sociale

    «No» alla discarica dell'Ilva

    Il Tar detta i tempi ma il dirigente dell'ente (nei tempi giusti) esprime parere negativo. Si tratta del nuovo sito per smaltire rifiuti speciali pericolosi. Sulla vicenda si innestano una serie di contestazioni sulle competenze ad autorizzare.
    18 dicembre 2008 - Antonio Biella
  • Malpelo di La7, quando la tv graffia
    Taranto Sociale

    Malpelo di La7, quando la tv graffia

    L’ex iena Alessandro Sortino ha saputo raccontare i drammi della nostra città usando un linguaggio diretto e graffiante, ritmo incalzante, toni aspri ma sempre appropriati. Seppure trasmesso in tarda serata, “Malpelo” ha fatto centro.
    25 ottobre 2008 - Alessandra Congedo
  • Salute e lavoro: il Caso Taranto su LA7
    Taranto Sociale

    Salute e lavoro: il Caso Taranto su LA7

    Il legame tra industria, inquinamento e lavoro nella citta' di Taranto. Un viaggio nel panorama della difficile applicazione delle norme sulla riduzione delle emissioni inquinanti e il difficile rapporto tra cittadini e industrie.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)