Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Chidro, Introna avverte: O Manduria dice sì, o faremo una legge

Manduria. L'assessore Introna «Cercheremo di convincere i cittadini che si tratta di un’opera fondamentale. Ma se non arriverà l’assenso servirà una leggina di venti parole (attesa nel prossimo Consiglio), che ammorbidisce la tutela ambientale delle riserve naturali e, poi, l’opera si potrà appaltare».
9 ottobre 2008
Nando Perrone
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

- MANDURIA - Il dissalatore delle acque del Chidro s'ha da fare. L'assessore regionale ai Lavori Pubblici, Onofrio Introna, pare non voglia sentir ragione. «Cercheremo di convincere i cittadini di Manduria che si tratta di un’opera fondamentale per la Regione» ha dichiarato l’altro ieri Introna, pur consapevole che, in più circostanze, in passato, Manduria ha sempre manifestato un deciso e unanime rifiuto a questo progetto. «Ma se da Manduria non arriverà l’assenso» ha poi aggiunto Introna, «servirà una leggina di venti parole (attesa nel prossimo Consiglio Regionale), che ammorbidisce la tutela ambientale delle riserve naturali e, poi, l’opera si potrà appaltare».

Eppure fu proprio Introna, nel settembre del 2007, in piazza Garibaldi, a Manduria, durante la Festa dei Socialisti, a rassicurare la comunità manduriana e le associazioni ambientaliste. «Prendo atto del parere contrario espresso, all’unanimità, dal Consiglio Comunale di Manduria» affermò in quel contesto Introna. «Finchè ci sarà l’attuale Amministrazione Regionale a governare, i cittadini di Manduria possono stare tranquilli: rispetteremo la loro volontà». Nel giro di pochi mesi, evidentemente, il parere della città e del Consiglio Comunale non ha più questo valore, se la Regione spera di by passare i vincoli esistenti attraverso una leggina ad hoc.

«Mi risulta che nella modifica che si intende apportare alla legge si specifica che la sua valenza è condizionata al parere che l’Arpa dovrà esprimere sul provvedimento» fa notare il manduriano Gregorio Mariggiò, componente il coordinamento regionale dei Verdi. «Poi non mi sembra così scontato che il Consiglio Regionale licenzi quella modifica alla legge. Il presidente della Commissione Ambiente della Regione, Pietro Mita, ha pubblicamente affermato di voler ascoltare, prima di dare l’o.k. alla modifica della legge, i Verdi e il Comune di Manduria».

I Verdi hanno posto in atto anche altre strategie per impedire la realizzazione del dissalatore. «Abbiamo inviato una petizione al Parlamento Europeo» ricorda Mariggiò. «Sappiamo con certezza che la Regione Puglia è sotto osservazione e che se saranno notate delle infrazioni (ad esempio il mancato rispetto della volontà popolare), il Parlamento Europeo interverrà immediatamente. Ho anche notizie che il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, ha assicurato che terrà conto dell’orientamento del Parlamento Europeo. La legge voluta da Introna, quindi, potrebbe pure passare. Ma dall’approvazione della legge alla realizzazione dell’impianto il passo non sarà così semplice come sembra. Vorrei poi sapere come si sta muovendo il centrosinistra, che a Manduria ha espresso parere negativo. Perché non fanno pressioni nei confronti dei loro referenti regionali, così come facciamo noi Verdi?»

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)