Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Venti domande a chi manifesta

A coloro che manifesteranno credendo in buona fede che il problema dell'inquinamento a Taranto non è poi così grave e che possiamo continuare a vivere tranquilli sotto i camini dell'Ilva, vorremmo fare queste venti domande
30 marzo 2012
Alessandro Marescotti (Presidente di Peacelink)

A coloro che manifesteranno credendo in buona fede che il problema dell'inquinamento a Taranto non è poi così grave e che possiamo continuare a vivere tranquilli sotto i camini dell'Ilva, vorremmo fare queste venti domande.   Alessandro Marescotti, Presidente di Peacelink

E’ vero o è falso che:


1) Nel 2010 Ilva ha emesso dai propri camini oltre 4 mila tonnellate di polveri, 11 mila tonnellate di diossido di azoto e 11 mila e 300 tonnellate di anidride solforosa (oltre a: 7 tonnellate di acido cloridrico; 1 tonnellata e 300 chili di benzene; 338,5 chili di IPA; 52,5 grammi di benzo(a)pirene; 14,9 grammi di composti organici dibenzo-p-diossine e
policlorodibenzofurani (PCDD/F)?

Risposta: vedere pag. 517 della perizia dei chimici.

E’ vero o è falso che:

2) I livelli di diossina e PCB rinvenuti negli animali abbattuti e accertati nei terreni circostanti l’area industriale di Taranto sono riconducibili alle emissioni di fumi e polveri dello stabilimento Ilva di Taranto? 

Risposta: vedere pag. 521 della perizia dei chimici.

E’ vero o è falso che:

 

3) All’interno dello stabilimento Ilva di Taranto sono osservate tutte le misure idonee ad evitare la dispersione di fumi e polveri nocive alla salute dei lavoratori e dei residenti? 

Risposta: vedere pag. 528 della perizia dei chimici.

 E’ vero o è falso che:

4) Ilva stima che le sostanze non convogliate emesse dai suoi stabilimenti sono quantificate in 2148 tonnellate di polveri; 8800 chili di IPA; 15 tonnellate e 400 chili di benzene; 130 tonnellate di acido solfidrico; 64 tonnellate di anidride solforosa e 467 tonnellate e 700 chili di Composti Organici Volatili?

Risposta: vedere pag. 528 della perizia dei chimici.

E’ vero o è falso che:

 

5) La fuoriuscita di gas e nubi rossastre dal siderurgico (slopping), fenomeno documentato dai periti chimici e dai NOE di Lecce, ammonta a 544 tonnellate all’anno di polveri?

Risposta: pag. 528 della perizia dei chimici.

E’ vero o è falso che:

6) Sarebbero 386 i morti (30 morti per anno) attribuibili alle emissioni industriali?

Risposta: vedere pag. 219 della perizia degli epidemiologi.

 E’ vero o è falso che:

7) Sono 237 i casi di tumore maligno con diagnosi da ricovero ospedaliero (18 casi per anno) attribuibili alle emissioni industriali?

Risposta: vedere pag. 219 della perizia degli epidemiologi.

 E’ vero o è falso che:

 

8) 247 eventi coronarici con ricorso al ricovero (19 per anno) sono attribuiti alle emissioni industriali?

Risposta: vedere pag. 219 della perizia degli epidemiologi.

 E’ vero o è falso che:

 

9) Sono 937 i casi di ricovero ospedaliero per malattie respiratorie (74 per anno) (in gran parte tra i bambini) attribuiti alle emissioni industriali? 

Risposta: vedere pag. 219 della perizia degli epidemiologi.

 

E’ vero o è falso che:

10) Sono stati notificati i deceduti per tumore della vescica, dello stomaco,malattie neurologiche e incidenza dei tumore dei tessuti molli per sospetta malattia professionale fra i lavoratori del siderurgico?

Risposta: vedere pag. 222 della perizia degli epidemiologi.

E’ vero o è falso che:

11) Sono 17 i casi di tumore maligno con diagnosi da ricovero ospedaliero tra i bambini attribuibili alle emissioni industriali? 

Risposta: vedere pag. 220 della perizia degli epidemiologi.

E’ vero o è falso che:


12) I modelli di analisi messi a punto hanno consentito di stimare quantitativamente il carico annuale di decessi e di malattie che conseguono all’esposizione all’inquinamento? 

Risposta: vedere pag. 220 della perizia degli epidemiologi.


E' vero o è falso che:


13) L’esposizione continuata agli inquinanti dell’atmosfera emessi dall’impianto siderurgico ha causato e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell’organismo umano che si traducono in eventi di malattia e di morte? 

Vedere pag. 220 della perizia degli epidemiologi.


14) Conoscete l'elenco completo di tutte le sostanze cancerogene con cui venite in contatto ogni giorno?

Controllare il Documento Unico di Valutazione del Rischi dell'Ilva (redatto in base al dlgs 81/2008).

 

15) Siete a conoscenza che alcune di queste sostanze con cui entrate in contatto sono classificate come genotossiche e sono potenzialmente in grado di causare un effetto mutageno in termini di danni al DNA trasferibili ai vostri figli tramite le cellule germinali?

 

16) Avete mai provato a controllare da medici indipendenti tutti i metaboliti presenti nel vostro organismo corrispondenti agli agenti chimici emessi dalle lavorazioni industriali ed entrati nel metabolismo?

 

17) Pensate di vivere di più o di meno respirando dentro l'Ilva, o pensate che ciò sia ininfluente sulla vostra salute?


18) Conoscete lavoratori ammalati di tumore e che cosa dite loro per confortarli?

 

19) Quanto vale la vita di una persona?

 

Ventesima domanda: vi è stata trattenuta dalla busta paga la giornata di manifestazione del 30 marzo?


Se dopo aver letto queste domande vi è nata qualche fondata preoccupazione, unitevi a noi: Taranto deve rinascere senza veleni.


Nota bene: i dati scientifici presenti nel presente comunicato sono stati estratti dalle conclusioni delle due perizie già diffuse su Internet dai giornalisti e quindi sono di pubblico dominio.



Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)