Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il siderurgico pugliese

Ilva, pronta bozza del documento Aia «Ridurre produzione del 30%»

Da 11,3 milioni di tonnellate scenderà a 8
Custodi giudiziari in azienda per verificare spegnimento
12 ottobre 2012
Redazione online
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 12 ottobre 2012

Riduzione della produzione di circa il 30%. Questo - secondo quanto si apprende - uno dei contenuti principali della bozza del documento Aia dell'Ilva, ormai in via di finalizzazione da parte del Gruppo Istruttore. La produzione della vecchia era di circa 11,3 milioni di tonnellate, la nuova dovrebbe portarla a 8 milioni.  Una veduta aerea dell'acciaieria

 

ALTRE MISURE - Tra le altre misure che dovrebbero essere contenute nell'Autorizzazione, stop al pet coke tra le materie prime di lavorazione, avviamento delle procedure di spegnimento per 6 delle 10 batterie delle cokerie (la 3-4-5-6-9-10), copertura dei nastri e dei parchi minerali a cominciare dal primario. Si aggiunge abbassamento e arretramento dei cumuli di 80 metri. Inoltre, lo spegnimento e il rifacimento dell'Altoforno 3 e l'anticipazione della manutenzione per l'Altoforno 1 per l'adeguamento tecnologico.

CUSTODI IN AZIENDA - Uno dei tre custodi giudiziari dell'Ilva, Claudio Lofrumento, è da questa mattina nello stabilimento di Taranto per verificare le procedure necessarie per lo spegnimento e il ripristino dell'altoforno 5. Si tratta dell'altoforno più alto d'Europa che è fra gli impianti sottoposti a sequestro dalla Procura di Taranto e per il quale l'azienda ha previsto un programma di spegnimento che si concluderà nel 2015, un tempo ritenuto troppo lungo dai custodi. I custodi giudiziari, infatti, hanno ricevuto incarico di far cessare immediatamente le emissioni inquinanti degli impianti dell'Ilva. Lofrumento è accompagnato da personale dell'Ilva e da tecnici della società Paul Wurth, che è stata incaricata dall'Ilva di studiare le procedure per lo spegnimento e il rifacimento dell'impianto. Non è escluso che i custodi giudiziari scelgano di affidarsi ad altre società esterne per studiare un piano che abbia tempi più compatibili con le richieste della Procura e la necessità di far cessare immediatamente le emissioni inquinanti all'Ilva.

Articoli correlati

  • Ilva, fumi dall'altoforno: paura a Taranto
    Taranto Sociale
    Ambiente e veleni

    Ilva, fumi dall'altoforno: paura a Taranto

    Scattate le procedure di sicurezza che hanno provocato le emissioni. Numerose telefonate ai vigili del fuoco. L'azienda ha chiesto l'intervento dell'Arpa. I tecnici dell'agenzia regionale già al lavoro
    17 febbraio 2013 - Mario Diliberto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)