Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ilva

Ferrante: "Chiederemo il dissequestro cassintegrazione confermata per 2mila"

Il presidente dello stabilimento industriale di Taranto a Roma davanti alla commissione lavoro conferma la richiesta di dissequestro e anche il ricorso alla Cig dal 19 novembre per duemila lavoratori
13 novembre 2012
Fonte: Repubblica di Bari - 13 novembre 2012

"Abbiamo 11.600 lavoratori diretti. Il quadro è destinato a mutare in modo drammatico perché chiudendo gli Altoforni avremo una ricaduta che non riguarderà soltanto lo stabilimento di Taranto ma anche altri stabilimenti del gruppo Riva e della stessa Ilva" che lavorano sul prodotto a caldo. Lo dice il presidente dell'Ilva Bruno Ferrante in audizione in commissione Lavoro al Senato."Presenteremo nei prossimi giorni istanza di dissequestro, per avere la piena disponibilità degli impianti appena concluso l'iter al ministero dell'Ambiente". Il presidente dell'Ilva lo ha ribadito commentando la difficile questione dell'acciaieria di Taranto e in attesa della valutazione sul piano presentato dall'azienda per l'applicazione dell'autorizzazione integrata ambientale. Presidente Ilva, Bruno Ferrante


"Confermiamo la nostra richiesta per la cassa integrazione per 2mila persone a partire dal 19 novembre", aggiunge Ferrante. "La nostra posizione è molto lineare - precisa il presidente Ilva - Abbiamo intenzione di applicare l'Aia e abbiamo presentato un piano operativo per applicarla". Ora, "attendiamo di conoscere la decisione del ministero dell'Ambiente" sul piano operativo da 3,5 miliardi presentato dall'ilva per l'attuazione delle richieste dell'aia, precisa ferrante. "Per dargli attuazione, però, abbiamo bisogno della piena disponibilità degli impianti- polemizza Ferrante - che per ora non c'è a causa del sequestro".
In audizione il presidente Ilva ribadisce: "Vogliamo applicare disposizioni"dell'aia, "disposizioni molto pesanti, ma ci stiamo lavorando" perché "la nuova aia nasce dalla volontà dell'azienda di perseguire questo cammino".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)