ZeroIpa

Gli IPA sono potenzialmente cancerogeni e genotossici

Quanti IPA hanno respirato a Taranto stamattina?

Il vento per tutta la notte è venuto da NW e sulla città si sono concentrati gli IPA cancerogeni. Queste misurazioni servono a verificare quale sia la situazione con la marcia ridotta degli impianti ILVA
4 settembre 2014

Misurazioni IPA mattina 4 settembre 2014, area Bestat

Questo è l'andamento nel tempo degli IPA stamattina (circa quattrocento misurazioni). Come si può notare i dati oscillano attorno al valore medio di 20 ng/m3 (valore medio del quartiere Tamburi nel 2010). Il picco supera il valore di 35 ng/m3 che è la concentrazione di IPA al tubo di scappamento di un'auto Euro4 GPL.

Le misurazioni sono qui https://docs.google.com/spreadsheets/d/11pOOs7DSaXa7G3z9nbejLvyx2a0XwIb6Cpw-bT9C16s/edit#gid=1607366979

Gli IPA sono potenzialmente cancerogeni e genotossici.
L'intervallo di "accettabilità" è definibile sotto i 10 ng/m3, mentre l'aria può essere considerata "salubre" nell'intervallo fra 0 e 5 ng/m3 (valori di IPA riscontrati sperimentalmente in aree pulite come le spiagge o i centri storici della Valle d'Itria privi di traffico o la città di Taranto quando il vento viene dal mare, si veda l'articolo collegato qui sotto).

Le misurazioni sono state effettuate nella zona Bestat (via Dante) lontano dal traffico, a circa 5 chilometri dall'ILVA.
Classificazione degli IPA


Ecco le percentuali:
ARIA BUONA 0,0%
ARIA ACCETTABILE 0,5 %
ARIA MEDIOCRE 18,1 %
ARIA CATTIVA 42,7 %
ARIA PESSIMA 38,7 %
La spiegazione: il vento per tutta la notte è venuto da NW e sulla città si sono concentrati gli IPA cancerogeni. Il grafico a torta dà l'idea della qualità dell'aria stamattina. La fetta arancione ha un intervallo da 11 a 15 ng/m3, quella rossa da 16 a 20 ng/m3 e oltre i 20 abbiamo aria pessima (fetta viola).

Queste misurazioni servono a verificare quale sia la situazione con la marcia ridotta degli impianti ILVA.
Gli IPA sono contenuti anche nelle sigarette, oltre che nei fumi industriali e delle auto.

Note: Le misurazioni sono state effettuate con l'analizzatore portatile Ecochem PAS 2000 CE (nella foto) nella zona BESTAT a 5 km da ILVA.

Questo è il foglio elettronico delle misurazioni, con l'eleborazione statistica dei dati https://docs.google.com/spreadsheets/d/11pOOs7DSaXa7G3z9nbejLvyx2a0XwIb6Cpw-bT9C16s/edit#gid=1607366979

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)